• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Juventus > Juventus-Palermo, Allegri: "Lo scudetto non è ancora chiuso, ma qui c'è un futuro importante"

Juventus-Palermo, Allegri: "Lo scudetto non è ancora chiuso, ma qui c'è un futuro importante"

Il tecnico bianconero ha preso la parola al termine della gara odierna dello 'Juventus Stadium'


Massimiliano Allegri ©Getty Images

17/04/2016 17:16

JUVENTUS PALERMO POSTGARA ALLEGRI / TORINO - La Juventus batte il Palermo e vola a +9 sul Napoli. Ma Massimiliano Allegri ha cercato di tenere alta la tensione dei suoi nell'intervento del postgara ai microfoni di 'Mediaset Premium': "Abbiamo subito diverse situazioni da rete, soprattutto nel primo tempo. Dopo il primo gol la squadra ha staccato la spina e non possiamo permettercelo, soprattutto in questa parte della stagione dove non ci sono margini di errori. Ma oggi era importante non prendere gol, siamo nella volata finale: mancano ancora 2 vittorie minimo. Lo scudetto non è ancora chiuso. Non faccio percentuali: voglio i punti. Mi accontenterei anche di arrivare a parimerito con il Napoli e vincere con la differenza reti"

MARCHISIO - "Per lui si sospetta rottura crociato, si faranno esami stasera o domani ma è una cosa serie. Lemina? Oggi ha fatto una buona partita, ma deve migliorare a livello tattico e nel schermare un po' di più. E' giovane e ha ampi margini di miglioramento. Oggi ero indeciso se schierare lui o Hernanes. Entrambi faranno bene".

ATTACCO - "Morata e Dybala hanno fatto bene. L'argentino ha tenuto bene, mentre lo spagnolo ha commesso un errore di gioventù facendosi ammonire. Questa squadra ha qualità per migliorare: i cosiddetti vecchietti trasmettono i giusti valori e i giovani hanno ampi margini per crescere. Qui c'è un futuro importante".

Successivamente Allegri ha parlato anche a 'Sky Sport': "Godere fino alla fine no, perché abbiamo perso un giocatore importante: speriamo che il responso non dia quello che tutti ci immaginiamo. Oggi abbiamo concesso troppe occasioni da gol, lo scudetto non è ancora chiuso e abbiamo ancora delle sfide impegnative come Lazio e Fiorentina che lottano per l’Europa. Ammonizione Morata? I ragazzi devono migliorare anche sotto alcuni aspetti: quando sai di essere diffidato devi essere più attento. Non possiamo prendere queste ammonizioni per protesta. Cessione dei big in estate? Tevez e Pirlo volevano andare, Vidal è stata una cessione. In questi casi bisogna pensare solo a lavorare ed i risultati ci stanno dando ragione. Questa squadra nel giro di tre anni crescerà molto.

Altra cessione importante questa estate? Quando ci sederemo a tavolino per il rinnovo, programmeremo anche la prossima stagione. La Juventus è una grande squadra, abbiamo delle esigenze di mercato e dovremo essere molto cinici e realisti. Se rimarremo al completo sono sicuro che nei prossimi anni potremo tornare ad ambire per i vertici dell’Europa. Sturaro, Lemina, Hernanes possono far bene da qui alla fine del campionato. Anche Rugani mi ha dato molto: ha acquisito più personalità e può migliorare. Anche Pogba può farlo: potenzialmente potrebbe chiudere una partita senza fare errori, ma delle volte è lezioso". 

D.G.




Commenta con Facebook