• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > TDM - Tattica del Mercato > TATTICA DEL MERCATO - Juventus e Napoli, Lapadula: dalla B una macchina da gol

TATTICA DEL MERCATO - Juventus e Napoli, Lapadula: dalla B una macchina da gol

L'analisi di Calciomercato.it sui protagonisti del mercato: occhi puntati sull'attaccante del Pescara


Gianluca Lapadula ©Getty Images
Michele Furlan (Twitter: @MicheleFurlan1)

13/04/2016 15:25

TATTICA DEL MERCATO CALCIOMERCATO JUVENTUS NAPOLI PESCARA LAPADULA SARRI ALLEGRI / ROMA - Juventus e Napoli stanno duellando a distanza per aggiudicarsi lo scudetto 2015/2016. I bianconeri hanno 6 punti di vantaggio sugli azzurri ma tutto è ancora aperto. La sfida non si gioca solamente sul campo: il calciomercato Juventus, infatti, si incrocia con quello del Napoli per Gianluca Lapadula, attaccante classe '90 del Pescara oggetto della contesa tra i due club. La Juventus segue Lapadula da diverso tempo, come riportato in esclusiva da Calciomercato.it. Secondo quanto riportato da 'La Gazzetta dello Sport', però,  il Napoli starebbe cercando di soffiare Lapadula ai bianconeri. Conosciamolo meglio attraverso la nostra rubrica 'Tattica del Mercato'.


BIOGRAFIA DI GIANLUCA LAPADULA, OBIETTIVO DI JUVENTUS E NAPOLI PER L'ATTACCO

Gianluca Lapadula nasce a Torino il 7 febbraio 1990. Comincia nel settore giovanile della Juventus dove rimane per 8 anni. Dopo due passaggi tra Pro Vercelli ed Ivrea viene tesserato dal Parma nel 2009 ed inserito nella squadra Primavera. Comincia poi la girandola di prestiti: Atletico Roma e Ravenna i primi, senza riuscire ad incidere. Positiva l'esperienza col San Marino con cui disputa un'ottima annata in Lega Pro. Altri due passaggi a vuoto con Cesena (che acquista la metà del cartellino) e Frosinone per poi tornare al Parma nel 2013 a titolo definitivo. Viene ceduto dunque in Slovenia, al Gorica, società satellite della squadra emiliana. Lapadula gioca un 2013/2014 di spessore, contribuendo alla conquista della coppa nazionale assieme a compagni come Cordaz e Massimo Coda. Conferma l'ottima piega anche l'anno successivo in prestito a Teramo, realizzando 21 gol in 38 partite di campionato. Rimane svincolato dopo il fallimento del Parma e viene tesserato dal Pescara di Massimo Oddo. Finora ha realizzato 21 gol in 33 partite, diventando il capocannoniere della cadetteria.

Lapadula non ha ancora vestito la maglia della Nazionale italiana e su di lui è forte il pressing del Perù, Paese che ha dato i natali alla madre.

 

CARATTERISTICHE TECNICO-TATTICHE DI GIANLUCA LAPADULA


Alto 1,78, fisico normolineo e compatto, sinistro naturale. Lapadula è un attaccante totale che può giocare in qualsiasi posizione della prima linea. Nasce come esterno offensivo di un 4-3-3 ma si sta consacrando sempre più come centravanti, terminale unico dell'azione. Non si tratta comunque di un attaccante statico bensì di un giocatore estremamente tecnico e rapido e che contribuisce allo sviluppo dell'azione offensiva. Bravissimo a decentrarsi sull'out e nel servire assist ai compagni, segna con impressionante regolarità evidenziando intelligenza tattica, visione di gioco e un dribbling secco con cui riesce spesso a saltare l'uomo. Può giostrare anche come seconda punta, confermando duttilità e grande spirito di sacrificio.

 

GIANLUCA LAPADULA E' UN GIOCATORE ADATTO A JUVENTUS E NAPOLI?

Difficile dire se Gianluca Lapadula sia pronto al grande salto in realtà difficili come quelle della Juventus e del Napoli. Osservando i numeri diremmo di sì, ma in questi casi entrano in gioco tantissime variabili. Il ragazzo torinese ha compiuto 26 anni, non è più giovanissimo e le tante esperienze difficili lo hanno fatto maturare. Potrebbe rivelarsi una scommessa intrigante considerando che sia Maurizio Sarri che Massimiliano Allegri potrebbero impiegarlo in diverse posizioni del 4-3-3 e del 3-5-2. Necessita però di fiducia e continuità, cosa che gli è mancata in assoluto durante la prima parte della propria carriera e che ne ha ritardato l'esplosione arrivata fragorosa tra Teramo e Pescara, dove sta ricordando, per capacità realizzative, il primo Ciro Immobile.




Commenta con Facebook