• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Pagelle > LA MOVIOLA DI CM.IT: Pogba-Abate il gol è regolare, Albiol subisce fallo poi rischia

LA MOVIOLA DI CM.IT: Pogba-Abate il gol è regolare, Albiol subisce fallo poi rischia

Orsato convalida il gol del sorpasso bianconero. Protesta plateale del difensore spagnolo dopo un rigore negato da Celi


Daniele Orsato ©Getty Images
Emiliano Forte

11/04/2016 07:40

MOVIOLA 32A GIORNATA SERIE A / ROMA - Dopo le feroci proteste e i tanti dibattiti che hanno seguito il 'caso Higuain-Irrati', i riflettori della 32a giornata erano tutti puntati sulle sfide Milan-Juventus e Napoli-Verona, con osservati speciali Daniele Orsato e Domenico Celi. Nel complesso i due fischietti hanno superato indenni il week-end, fatta eccezione per qualche episodio più o meno dubbio che merita un approfondimento. Nella sfida di 'San Siro' va analizzato il contatto Pogba-Abate dal quale nasce il tiro da tre punti del talento francese; al 'San Paolo', dove il Napoli supera nettamente il Verona, un episodio fa salire per qualche secondo la tensione in campo con Albiol che, dopo aver subito una netta trattenuta in area, chiede giustamente l'intervento di Celi. L'esperto difensore spagnolo però si lascia andare in una protesta tanto plateale quanto rischiosa visto che accoglie l'ammonizione con un applauso polemico.

 

FROSINONE-INTER 0-1, arbitro Tagliavento 6 - Qualche imprecisione nel primo tempo quando prima Jovetic poi Ciofani vengono fermati per due offside che di fatto non c'erano. Dubbio anche il giallo per simulazione mostrato a Pavlovic: di sicuro non c'erano gli estremi per il calcio di rigore ma la scelta più giusta probabilmente era quella di lasciar correre. Corretti entrambi i gialli che sono costati l'espulsione a Blanchard: il primo per un fallo su Icardi, il secondo per un intervento scomposto ai danni di Jovetic.

SASSUOLO-GENOA 0-1, arbitro Gavillucci 6,5 - Sono trascorsi 13 minuti di gioco quando Berardi viene fermato per un offside opportunamente segnalato dall'assistente di Gavillucci. Negli ultimi minuti il Sassuolo chiede invano un penalty per un mani di Muñoz che il direttore di gara fa bene a non sanzionare visto che il tocco avviene da distanza ravvicinata.

CHIEVO-CARPI 1-0, arbitro Fabbri 6 - Controlla bene il match senza dover prendere decisioni particolarmente difficili nell'arco della gara.

MILAN-JUVENTUS 1-2 , arbitro Orsato 6 - Dopo 17 minuti di gioco c'è un mani di Rugani in area su un cross forte e teso di Balotelli: Orsato non interviene e fa bene visto che il difensore della Juventus tiene le braccia unite ed attaccate al petto per proteggersi, senza aumentare il volume del corpo. Sul finire della prima frazione Bacca finisce a terra in area senza subire fallo da Marchisio che non tocca l'avversario: Orsato vede tutto e fa segno di proseguire. Nella ripresa Balotelli scatta da posizione regolare quando si avventa sulla respinta corta di Buffon con la palla che poi carambola sulla traversa: lo stesso Balotelli interviene di nuovo spingendo in rete il pallone con una mano, puntuale anche in questo caso Orsato che ferma il gioco. Da rivedere il gol del 2-1 di Pogba nel corso del minuto 65: il numero 10 bianconero prima di arrivare sul pallone entra in contatto con Abate appoggiandosi leggermente sull'avversario. Il contatto dunque c'è ma non sembra tale da richiedere un intervento dell'arbitro. Da segnalare qualche sbavatura nella distribuzione dei cartellini e nell'assegnazione di alcuni corner.

EMPOLI-FIORENTINA 2-0, arbitro Damato 6 - Nonostante la rivalità tra le due formazioni protagoniste del derby di Toscana, il match si è distinto per la grande correttezza in campo. Un aspetto che senza dubbio ha reso più agevole il compito di Damato, il quale ha diretto con sicurezza e puntualità la gara. Un solo errore dopo 65 minuti, quando una ripartenza della Fiorentina condotta da 4 uomini contro 2 dell'Empoli viene interrotta per un fallo inesistente di Borja Valero.

NAPOLI-VERONA 3-0, arbitro Celi 6 - Trascorrono 23 minuti di gioco e sugli sviluppi di un calcio d'angolo per il Napoli Albiol viene trattenuto vistosamente da Pisano con Celi che non interviene. La protesta del difensore spagnolo è plateale, visto che si toglie la maglia strappata per mostrarla all'arbitro ed al suo collaboratore. Celi giustamente ammonisce il difensore azzurro che rischia grosso applaudendo in maniera polemica. Ritornando all'azione incriminata, il fallo di Pisano è netto dunque andava assegnato un tiro dal dischetto al Napoli. In occasione del rigore concesso ai padroni di casa il cartellino rosso mostrato a Souprayen è sacrosanto visto che stende Callejon interrompendo una chiara occasione da gol.

SAMPDORIA-UDINESE 2-0, arbitro Russo 5,5 - Ad inizio gara subito un episodio dubbio in area blucerchiata, con De Silvestri che travolge Herteaux impedendogli di raggiungere il pallone: Russo lascia proseguire il gioco ma l'intervento poteva essere sanzionato con un penalty. È il 51' quando la Samp passa in vantaggio grazie ad una deviazione di Armero che manda in porta una palla calciata da Muriel. L'Udinese protesta per un presunto fallo dell'attaccante della Sampdoria sullo stesso Armero: la trattenuta del blucerchiato c'è, anche se non particolarmente evidente. I dubbi rimangono. Dodò chiede la massima punizione sostenendo di aver subito fallo da Widmer ma Russo lascia correre e fa bene.

TORINO-ATALANTA 2-1, arbitro Di Bello 6 - In occasione del vantaggio granata è dubbia la posizione di Bruno Peres che, sull'assist di Acquah, scatta sul filo del fuorigioco prima di battere Sportiello. Decisione non semplice per Di Bello, visto che anche le immagini al rallenty non fanno piena luce sull'accaduto. Nel recupero inevitabile il secondo giallo a de Roon dopo un brutto intervento su Bruno Peres: netta anche la prima ammonizione arrivata dopo un fallo su Belotti.

PALERMO-LAZIO 0-3, arbitro Gervasoni 6,5 - Il fischietto della sezione di Mantova offre una prestazione convincente e priva di sbavature evidenti. Sul 2-0 per la Lazio giusto annullare la rete di Gilardino visto il fuorigioco.




Commenta con Facebook