• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Video > FOTO CM.IT E VIDEO - Roma-Bologna, Spalletti: "Con Totti nella stessa direzione"

FOTO CM.IT E VIDEO - Roma-Bologna, Spalletti: "Con Totti nella stessa direzione"

L'allenatore giallorosso ha presentato la sfida di domani sera


Luciano Spalletti (Calciomercato.it)
Dall'inviato Andrea Corti / Michele Furlan

10/04/2016 14:00

CALCIO ROMA BOLOGNA SPALLETTI CONFERENZA STAMPA LIVE / ROMA - Luciano Spalletti è intervenuto in conferenza stampa da Trigoria, dove erano presenti anche gli inviati di Calciomercato.it,  per presentare la sfida di domani sera tra la sua Roma e il Bologna, fondamentale per blindare il terzo posto e per mettere pressione al Napoli che giocherà alle 15 contro il Verona. Queste le parole del tecnico giallorosso: "Sono tutti in gruppo, Rüdiger ha avuto un ascesso ma gli si sta sgonfiando ed è a posto"

AVVERSARIO - "Donadoni è una persona seria e brava che lavora in maniera seria e trasferisce la qualità che aveva anche da giocatore. Per uscire da dove erano finiti bisogna saper insegnare anche calcio e dare una traccia che la dice lunga. Il calo attuale è la conseguenza di quanto fatto vedere prima e ora si renderanno conto che devono continuare a fare qualcosa e proprio per la tranquillità è una partita insidiosa. I miei non affronteranno la partita non dando il massimo, sapranno tirare fuori la propria qualità in caso l'avversario dovesse essere più bravo renderemo atto. Loro sono la squadra che ha interrotto la corsa della Juventus".

STROOTMAN - "Sta sempre meglio e ogni volta mette un po' della sua esperienza, gli manca il ritmo della partita giocata e anche l'intensità. Quando lo userò si farà trovare pronto o sulla strada della completa guarigione".

CONDIZIONE FISICA - "Il momento della Roma prevede non solo quelli che vengono scelti ma anche l'aiuto da parte degli altri che devono evidenziare il livello eccezionale durante gli allenamenti: è qui che si vede una squadra forte".

DE ROSSI E DZEKO - "Non ho detto che non gioca, ho detto le due cose ma da soli arrivate alla soluzione di difficoltà. Citate Strootman, citate Keita e De Rossi e son tre giocatori che possono essere interessati per lo stesso ruolo e dal mio punto di vista è un vantaggio e mi crea altrettante difficoltà nel dover dare la maglia ad uno solamente. Si può anche convivere visto quello che stiamo facendo. Dzeko? Problema che non sussiste, pensiamo ad un gioco di squadra  per fare gol e lo stiamo facendo, sia con lui che senza di lui. Poggiare su un solo elemento è difficile, la Juve fa coesistere tre prime punte. Dzeko si allena in maniera splendida ma non pensiamo alle individualità, sennò Iago Falque cosa dovrebbe dire? Ovviamente ci sarà qualcuno meno contento ma è una cosa normale. Posizione? Dare riferimento è meno efficace di non darlo, ho parlato con tanti centrali che me l'hanno confermato. In porta ci si arriva lo stesso ma così si da maggiore difficoltà di interpretazione alla linea difensiva. Esempio: meglio marcare Ibrahimovic o Cavani? In tanti mi hanno confidato che paradossalmente è meglio Ibrahimovic per i riferimenti".

CASO HIGUAIN - "Da uomo di sport penso che Higuain sia un calciatore fenomenale ma se ha fatto questi numeri è merito del collettivo che ha saputo proporre un grande gioco di squadra. Con lui o senza di lui sarà una gara difficile ma non dobbiamo pensarci ora. L'attualità è il Bologna".

MERCATO - "Io penso solo alle partite che ci riescono, Sabatini fa un altro ruolo in maniera splendida per farsi trovare pronto nel momento che conta. Mi facilitate la vita parlando del mercato (sorride, ndr). Così rimanete fuori dallo spogliatoio invece pensavo che avreste parlato di un litigio tra me e Sabatini o colpito da un pacchetto di sigarette, che era vuoto, le aveva fumate tutte (ride, ndr)."

MAICON - "L'altro giorno è passato Maicon e gli ho chiesto se c'era qualcosa che non andava e lui ha detto: "Ce l'ho con te perché non mi fai più giocare però è vero, devo dare il massimo". Si fa così, ci si confronta. E' bello quando si parla dello stato d'animo e poi si mette a disposizione della squadra con entusiasmo".

TOTTI - "Chi non viene a fare la battuta, ma non è il suo caso, porta ad un rapporto differente ma comunque carico di fiducia e voglia di risultati e traguardi. Tento di tirare tutti dentro per il bene della Roma. Tratto Francesco come un giocatore vero e sono uno dei pochi a farlo, perché lo scelgo se ha più possibilità di un altro. Agire diversamente non è corretto. Lui ci guiderà lo stesso, o in una maniera o in un'altra per la qualità che ha avuto: all'80% dei palloni che tocca dà seguito. L'ho sempre visto come un trequartista. Può fare quello che vuole in futuro ma tutti e due correremo nella stessa direzione per i risultati della Roma. Ieri si è fermato a metà allenamento perché un po' affaticato, gli voglio bene. Gli altri gli dicono anche cose che non sono vere".




Commenta con Facebook