• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Pagelle > PAGELLE E TABELLINO DI CHIEVO VERONA-CARPI

PAGELLE E TABELLINO DI CHIEVO VERONA-CARPI

Una partita povera di occasioni viene risolta dall'eterno Pellissier, migliore in campo. Male il Carpi, senza idee ne gioco


Sergio Pellissier ©Getty Images
Rocco Crea (Twitter @Rocco_Crea)

09/04/2016 20:07

ECCO LE PAGELLE DI CHIEVO VERONA-CARPI:

 

CHIEVO VERONA

Bizzarri 6,5 – Il suo nemico numero uno è nientemeno che Zaccardo. Nel primo tempo para facilmente il tiro senza pretese del terzino ma, sul finale, miracola prima sulla sua girata deviando in un secondo corner e, qualche minuto dopo, su un tiro da fuori ancora ad opera del numero 5 del Carpi.   

Cacciatore 6 – Vicino al gol con la correzione di testa sugli sviluppi da corner al 30’, per il resto è autore di una buona prova condita da un buon numero di sovrapposizioni, che tuttavia non sempre pretendono di far male veramente.  

Gamberini 6,5 – Al rientro dopo l’infortunio patito in casa contro la Roma, si rende autore di una un’ottima prova. Sempre attento in difesa e ben posizionato, anticipa ottimaente in area Mbakogu ad inizio ripresa. Poi serve a Pellissier il pallone del vantaggio con una sponda sugli sviluppi di un corner.

Cesar 6 – Talvolta soffre il passo differente di Mbakogu, ma regge sempre bene e senza compiere alcuna sbavatura.

Gobbi 6 – Pericolosi i suoi cross nel primo tempo. Il terzino sinistro di Maran cala fisicamente nella seconda frazione mantenendo più che altro la posizione.

Hetemaj 6 – Lotta in mezzo al campo, rinunciando però agli inserimenti e adeguandosi ai ritmi blandi della partita. Ma di fronte al centrocampo del Carpi, che comunque rappresenta poca cosa al Bentegodi, può bastare.

Radovanovic 6,5 – Organizza lui il gioco dei clivensi manovrando in mezzo al campo. Ottimo il lancio per lo scatto di Meggiorini che calcia al volo al 1’ mandando però a lato. Nel prosieguo della gara amministra con ordine il possesso palla.

Castro 6 – Sciupa una pericolosa ripartenza del Chievo al 59’ calibrando male un traversone, ma qualche minuto più tardi si rende pericoloso con un rasoterra scoccato da fuori area che impegna Belec in una respinta. Insidioso in fase di appoggio sul finale, quando il Chievo prova ad approfittare del contropiede per colpire ancora il Carpi.

Birsa 5,5 – Non troppo ispirato il fantasista del Chievo quest’oggi. Si rende pericoloso quando accorre sulla respinta di Belec dopo il tiro di Castro, tuttavia l’estremo difensore del Carpi riesce ad opporsi. Esce malconcio. Dal 78’ Pellissier 7 – Entra e segna un gol da attaccante vero, in girata sugli sviluppi da corner. E’ la prima rete stagionale messa a segno al Bentegodi e pesa tantissimo. Anche per le sorti degli avversari.

Floro Flores 5 – L’ex Sassuolo, arrivato al Chievo nel mercato di gennaio, resta ancora a secco e delude nel complesso. Mai pericoloso sotto porta, dimostra ancora di non essersi ambientato nel nuovo contesto. Maran lo sostituisce dopo un tempo. Dal 46’ Inglese 6 – Con il suo ingresso in campo l’atteggiamento del Chievo cambia, e si fa più intraprendente. Vicino alla rete del raddoppio in girata sul finale.

Meggiorini 6 – Buoni i movimenti a dettare i passaggi filtranti dei centrocampisti, tuttavia risulta poco ispirato quando si tratta di concludere a rete, visto che i suoi tiri terminano sempre a lato. Dall’85’ Rigoni s.v.

All. Maran 7 - Quarto risultato utile consecutivo per lui, e ancora una volta un’ottima stagione per il Chievo. Nel secondo tempo risulta decisivo il cambio che vede Inglese prendere il posto di uno spento Floro Flores, perché la squadra cambia volto. E Pellissier ne raccoglie i frutti.  

 

CARPI

Belec 6,5 – Ottimo il doppio riflesso al 60’, quando prima si oppone al rasoterra di Castro e poi respinge il tap-in dell’accorrente Birsa. Sempre preciso e puntuale nelle uscite a palla alta. Non può nulla sulla rete di Pellissier, ma si oppone ancora a Rigoni sul finale.

Zaccardo 6,5 – Il migliore dei suoi, se non altro per la sfida tutta personale con Bizzarri. Il terzino e capitano del Carpi impegna tre volte l’estremo difensore gialloblu nel corso della gara. Ed anche pericolosamente. Mica male.

Romagnoli 6 – Regge bene le offensive delle punte di Maran, giocando una gara senza affanni o sbavature. Sempre pulito negli interventi, Non può far nulla per evitare la rete.

Suagher 6 – Soffre un po’ la reattività negli inserimenti di Meggiorini ma tuttavia riesce a cavarsela. Il Carpi non soffre poi moltissimo in difesa.

Gagliolo 5,5 – Lottatore, spesso si getta in avanti palla al piede risultando però inconcludente. Gamberini lo sovrasta in occasione del gol, riuscendo a servire il pallone della vittoria a Pellissier.

Pasciuti 5 – Praticamente nessuna sortita offensiva degna di nota sulla fascia di sua competenza. Come Di Gaudio, lascia a secco di rifornimenti Mbakogu.

Cofie 5 – Lotta a centrocampo finchè ne ha, poi si lascia superare da Pellissier in occasione del gol troppo facilmente, permettendo alla punta clivense di girarsi e concludere a rete.

Bianco 5,5 – Fa legna in mezzo al campo, poiché si limita a garantire protezione alla difesa. Poco presente in fase di supporto offensivo. Dall’82’ Letizia s.v.

Di Gaudio 5 – Poche le incursioni pericolose con o senza palla sulla trequarti del Chievo. Mbakogu necessiterebbe di maggiore assistenza lì davanti, ma lui non gliela fornisce perché non in palla. Dal 65’ Lasagna 5 – Entra per garantire maggiore peso in attacco alla squadra, ma non riesce mai ad incidere anche per via degli scarsi palloni giocabili che giungono fra i suoi piedi.

Lollo 5 – E’ l’uomo che dovrebbe fornire il supporto maggiore a Mbakogu, tuttavia si dedica soltanto alla fase difensiva per permettere al Carpi di fare densità a centrocampo. E ciò va a discapito della manovra offensiva della squadra. Non bene. Dal 68’ Crimi 5,5 – A centrocampo da’ il suo contributo anche per via della maggiore freschezza rispetto ai compagni. Poche però le incursioni verso la porta di Bizzarri.

Mbakogu 6 – Lotta da solo per tutta la gara lì davanti, provando a tenere il pallone ed a servire i compagni nelle poche volte che giungono a supporto. Come ad esempio nella prima occasione capitata a Zaccardo. Può fare poco altro in queste condizioni.

All. Castori 5 – Il Carpi accompagna con pochi uomini le sortite offensive, ed è strano considerando che la sua squadra deve salvarsi. A Verona si accontenta del pareggio ma poi viene punita dal gol di Pellissier. I suoi ragazzi si svegliano quando oramai è troppo tardi. Deve servire da lezione visto che ancora nulla è perduto.

 

Arbitro: Fabbri 6 – Arbitra una buona gara senza commettere errori o scaturire proteste. Forse mal posizionato qualche volta, come in occasione di un mancato tiro da fuori area da parte di Bianco per via dell’involontaria barriera.

 

TABELLINO

CHIEVO VERONA-CARPI 1-0

Chievo Verona (4-3-1-2): Bizzarri; Cacciatore, Gamberini, Cesar, Gobbi; Hetemaj, Radovanovic, Castro; Birsa (dal 78’ Pellissier); Floro Flores (dal 46’ Inglese), Meggiorini (dall’85’ Rigoni). A disp.: Costa, Spolli, Bressan, Pinzi, Izco, Rigoni, Sardo, M’Poku, Seculin, Frey. All. Maran.

Carpi (4-4-1-1): Belec; Zaccardo, Romagnoli, Suagher, Gagliolo; Pasciuti, Cofie, Bianco (dall’83’ Letizia), Di Gaudio (dal 65’ Lasagna); Lollo (dal 68’ Crimi), Mbakogu. A disp.: Sabelli, Brkic, Mancosu, Martinho, de Guzman, Porcari, Verdi, Colombi. All. Castori.

Marcatori: 83’ Pellissier (CH)

Arbitro: Michael Fabbri (Sez. di Ravenna)

Ammoniti: 20’ Suagher (CA), 22’ Radovanovic (CH), Meggiorini (CH), 55’ Pasciuti (CA), 66’ Lollo (CA)

Espulsi: 




Commenta con Facebook