• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Benessere > Benessere, il lavoro sognato dagli italiani? Lusso, media ed elettronica

Benessere, il lavoro sognato dagli italiani? Lusso, media ed elettronica

Tra le aziende la più amata è Ferrero, seguita da Apple e Maserati


A lavoro (Getty Images)

06/04/2016 17:18

BENESSERE ITALIANI LAVORO LUSSO MODA FERRERO APPLE / ROMA - Gli italiani sognano di lavorare in Ferrero, Apple e Maserati e vorrebbero lavorare soprattutto nei settori fashion e lusso, media ed elettronica. Sono questi i risultati dello studio commissionato da Randstad all'Istituto belga Icma e condotto su oltre 200.000 persone in 25 Paesi in modo indipendente (nessuna azienda si può iscrivere volontariamente per partecipare) che ha misurato il livello di attrattività percepita da parte dei possibili dipendenti, ovvero quanto e per quali fattori le aziende sono capaci di attirare chi cerca lavoro o chi vuole cambiarlo.

In Italia sono state intervistate, tra settembre e dicembre 2015, oltre 7.000 persone di età compresa tra 18 e 65 anni: un campione comprensivo di occupati, studenti e non occupati, a cui è stato chiesto “dove vorresti lavorare?” tra 150 aziende con oltre 1.000 dipendenti con sede in Italia attive in 14 settori diversi.

Dai risultati dell'indagine, Ferrero risulta l'azienda italiana più attrattiva come datore di lavoro da parte dei potenziali dipendenti, con il 76,5% delle preferenze (tra tutti coloro che conoscono il brand). La multinazionale è la preferita in quattro dei dieci fattori oggetto di indagine, risultando al primo posto per sicurezza del posto di lavoro, atmosfera di lavoro piacevole, buon equilibrio tra vita professionale e privata, responsabilità sociale d'impresa.

Al secondo posto, si piazza Apple con il 75,4% di preferenze dei lavoratori italiani per le buone condizioni economiche della società, la formazione di qualità, le opportunità di carriera, il forte gruppo manageriale, il contenuto di lavoro interessate, lo  stipendio competitivo e i benefit. Maserati è terza, scelta dal 72,3% di lavoratori, con buoni risultati generali in tutti gli elementi di employer branding.

Ferrero primeggia nel Nord e nel Sud del Paese, Apple nel centro, Maserati nelle isole. L'azienda della Nutella è il datore di lavoro più ambito dalle donne, mentre la casa automobilistica dagli uomini.

COSA CERCANO GLI ITALIANI - Il fattore più importante ricercato in un datore di lavoro tra i primi cinque segnalati dai potenziali dipendenti è rappresentato dalla retribuzione, indicato dal 55% degli intervistati, seguito dalla sicurezza del posto di lavoro (53%) e dall'atmosfera di lavoro piacevole (49%). A seguire un buon equilibrio tra vita professionale e privata (43%), buone condizioni economiche dell'azienda (41%), crescita di opportunità di carriera (38%), lavoro interessante (35%), un luogo di lavoro comodo da raggiungere (30%), formazione di qualità (29%) e lavoro flessibile (28%). Ma ci sono delle differenze tra uomini e donne. Quest’ultime ricercano maggiormente sicurezza del posto, atmosfera piacevole e equilibrio vita professionale-privata, mentre gli uomini sono più attenti alla solidità finanziaria, alle prospettive di carriera e alla formazione. Inoltre i giovani invece sono più orientati alle opportunità di carriera, alla formazione di qualità e all’atmosfera di lavoro piacevole, mentre i più anziani guardano con attenzione alla stabilità finanziaria dell’azienda e alla sicurezza del posto di lavoro.

SETTORI - I settori in cui gli italiani vorrebbero lavorare sono soprattutto fashion e lusso (58,8%) media (58,4%) ed elettronica (56,9%), con le donne più attratte dalla moda e gli uomini dall'elettronica. I lavoratori con livello di istruzione oltre il master sono orientati invece verso i media.

FLESSIBILITA’ - I dipendenti lavorano in media 42 e 31 ore a settimana per tempo pieno e part time. Il 46% dei dipendenti è soddisfatto del proprio orario di lavoro attuale, mentre il 45% lavorerebbe di più per uno stipendio più alto e il 2% lavorerebbe di più per la stessa retribuzione. Il 7% lavorerebbe di meno guadagnando di meno. Le principali motivazioni per lavorare meno sono più tempo libero per sé (74%) e una vita più sana e meno stressante (58%).

S.C.




Commenta con Facebook