• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Pagelle > PAGELLE E TABELLINO DI BAYERN MONACO-BENFICA

PAGELLE E TABELLINO DI BAYERN MONACO-BENFICA

Fa tutto Vidal, Benfica attento in difesa. Muller delude


Vidal © Getty Images
Davide Ritacco

05/04/2016 22:52

ECCO LE PAGELLE DI BAYERN MONACO-BENFICA

 

BAYERN MONACO

Neuer 6 – Nel primo tempo è spettatore non pagante nella ripresa invece viene subito impegnato da Jonas ma lui risponde con la consueta classe.  

Lahm 6 – Buona gara per circa un’ora poi il Benfica alza i ritmi e lui fa fatica a coprire tutta la fascia e tutti i buchi.  

Kimmich 6 – Ancora una volta il giovane tedesco, esposto da Guardiola al centro della difesa e a figuracce (ved. Partita con la Juve), dimostra di aver assimilato sì il ruolo ma pressato continua a soffrire. Dal 59’ Javi Martinez 6,5 – Lo spagnolo martoriato dagli infortuni entra e grazie alla sua esperienza e fisicità e tanta fortuna salva il Bayern.  

Alaba 6,5 – L’altro strano caso del Bayern: il tornante, l’ala austriaca viene schierato come difensore centrale eppure anche nelle situazioni più difficili se la cava bene e sembra giocare lì da sempre.

Bernat 5,5 – Nel secondo tempo, complice la fiducia ritrovata del Benfica e l’aggressività degli esterni di Rui Vitoria, anche lui va in difficoltà e non è un caso che le migliori azioni dei portoghesi arrivino dalla sua parte.

Vidal 7 – Per fortuna di Guardiola il cileno è in serata di grazia. Magnifico quando c’è da inserirsi a fari spenti e scaraventare palloni in rete come faceva anche in bianconero e un attimo dopo è pronto a recuperare palloni o falli preziosi. Man of the match.  

Douglas Costa 6 – Inizia molto bene poi col passare dei minuti Eliseu, grazie anche al contributo di Gaitan, gli prende le misure e il brasiliano non fa più paura. Dal 70’ Coman 6 – Entra per mantenere alti i ritmi ma non è preciso quando arriva nei sedici metri.

Thiago Alcântara 6,5 – Senza Xabi Alonso, lasciato in panchina, è lui il cervello del Bayern e nella prima mezz’ora lo fa con grande maestria. Le sue sventagliate fanno viaggiare il pallone da una parte all’altra e si stacca sempre dai suoi avversari diretti. Poi però Rui Vitoria trove le giuste contromosse e viene disinnescato.  

Müller 5 – Disattento e in alcune occasioni anche ingenuo non gioca la sua migliore partita. Lui che è un giocatore offensivo totale ha una sola chance sui piedi e la spreca malamente. Dal 85’ Goetze s.v.

Ribéry 5,5 – Il suo rientro non sortisce gli effetti sperati nello scacchiere di Pep. Buona mezz’ora iniziale ma poi il suo ritmo cala vistosamente ed esce un pò dal gioco.  

Lewandowski 5,5 – Il bomber della Champions (secondo solo a Ronaldo) non tira mai in porta anzi clamoroso il suo errore al 88’. Sorvegliato speciale dei difensori portoghesi che non gli concedono nulla lasciandolo spesso in fuorigioco.

All. Guardiola 6 – Ok la vittoria ma la fatica che fa il Bayern è troppa per una squadra di questo calibro. Che qualcosa si sia spezzato dopo l’annuncio del suo addio e il rischio corso contro la Juventus?

 

BENFICA

Ederson 6,5 – In una gara così importante e tanto delicata, non solo deve sostituire il totem Julio Cesar ma dopo appena due minuti subisce già il primo gol. Si pensa già alla goleada ed in invece anche grazie al suo buon contributo, il Benfica ha ancora una speranza per il ritorno in Portogallo.  

Almeida 6 – Male nel primo tempo quando veniva tagliato fuori dai lanci di Alcantara e dalle rasoiate di Ribery. Nella ripresa però trova le giuste contromosse approfittando anche della stanchezza del francese.  

Lindelöf 7 – In pochi avrebbero scommesso su una sua grande prestazione alla vigilia. Si pensava che i vecchi lupi d’area di rigore come Lewandoski avrebbero fatto di lui un solo boccone e invece il giovane svedese gioca una gara quasi perfetta coadiuvato da un reparto che si muove ad unisono.   

Jardel 7 – Partito Garay, Rui Costa non ci ha pensato troppo e ha puntato su di lui come primo uomo per affiancare Luizao. Ha 30 anni compiuti, dimostra la giusta maturità per giocare una gara di questo livello. Ottima intesa con i compagni e grande concentrazione.

Eliseu 6 – Le scorribande di Douglas Costa fanno male all’ex Lazio che viene asfaltato sulla sua corsia di competenza nella prima mezz’ora. Va molto meglio nella ripresa anche se il lato debole del Benfica è il suo.   

Pizzi 6,5 – Primo tempo molto timoroso pensando molto di più a difendere che ad offendere. Nella ripresa l’inversione di tendenza: inizia a puntellare e a spingere con frequenza mettendo in difficoltà il Bayern. Dal 91’ Samaris s.v.

Fejsa 6,5 – Grande partita di sacrificio ed attenzione. Pronto a chiudere ogni falla correndo per due se necessario. Solidità e sostanza.

Renato Sanches 7 – Se sul 18enne portoghese, le migliore squadre d’Europa hanno posato gli occhi un motivo ci sarà. Il ragazzone con le trecce sa giocare entrambi le fasi, attacca e difende con la stessa naturalezza. Un investimento di sicuro rendimento.

Gaitán 6 – Sprigionare tutta la sua classe contro il Bayern non è la cosa più facile del mondo specie se non molto ispirato. Stasera viene premiata la sua voglia di sacrifico da capitano vero.

Jonas 6,5 – Contende a Higuain e ad altri due/tre ‘sconosciuti’ della Liga la Scarpa d’oro e anche questa sera ha l’occasione più netta per pareggiare ma spreca tirando addosso a Neur. Peccato per l’ammonizione che gli farà saltare il ritorno perché dimostra di essere una spina nel fianco del Bayern. Dal 82’ Salvio s.v.   

Mitroglou 5,5 – E’ stata la vera novità tattica, nel senso che Rui Vitoria non rinuncia a lui per mettere pressione ad un Bayern con evidenti problemi difensivi ma purtroppo per il tecnico il suo contributo non è sufficiente. Dal 70’ Jimenez s.v.   

All. Rui Vitória 6,5 – Deve fronteggiare le diverse assenze contro una corazzata come il Bayern Monaco, nella partita più importante della sua carriera e se la gioca molto bene seppur esce sconfitto ma con la speranza di un clamoroso ritorno in casa.   

 

Arbitro: Marciniak 6 – Il primo grande dubbio arriva al 29’ quando Gaitàn chiede un rigore per un fallo di mano di Lahm in scivolata, situazione al limite. Gara condotta con molto rigore senza mai andare sopra le righe. Resta solo quel dubbio che può macchiare una buona prestazione.  

 

TABELLINO

BAYERN MONACO-BENFICA 1-0

Bayern Monaco (4-1-4-1): Neuer; Lahm, Kimmich (dal 60’ Javi Martinez), Alaba, Bernat; Vidal; Douglas Costa (dal 70’ Coman), Thiago Alcântara, Müller (dal 85’ Gotze), Ribéry; Lewandowski. A disp.: Ulreich, Rafinha, Alonso, Rode. All.:Guardiola.

Benfica (4-4-2): Ederson; Almeida, Lindelöf, Jardel, Eliseu; Pizzi (dal 91’ Samaris), Fejsa, Renato Sanches, Gaitán; Jonas (dal 82’ Salvio), Mitroglou (dal 70’ Jimenez). A disp.: Lopes, Lisandro López, Semedo, Talisca. All.: Rui Vitória.

Arbitro: Szymon Marciniak (Polonia)

Marcatori: 2’ Vidal (BM)

Ammoniti: 22’ Ribery (BM), 42’ Bernat (BM), 58’ Jonas (B), 62’ Lindelof (B)

Espulsi:




Commenta con Facebook