• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Inter > Calciomercato Inter, pro e contro dell'operazione Yaya Touré

Calciomercato Inter, pro e contro dell'operazione Yaya Touré

L'agente del centrocampista ha annunciato il suo addio al Manchester City


Yaya Touré ©Getty Images
Luca Incoronato (@_n3ssuno_)

04/04/2016 19:35

CALCIOMERCATO INTER TOURE' MANCINI KONDOGBIA / MILANO - Il nome di Yaya Touré era stato accostato all'Inter già nel passato calciomercato estivo. Doveva essere il gran colpo dei nerazzurri, stando alle voci che circolavano, grazie soprattutto alle famose 'telefonate' di Mancini. Il loro rapporto avrebbe dovuto facilitare l'arrivo del centrocampista dal Manchester City e invece Yaya non si è mosso dalla Premier. L'annunciato arrivo di Pep Guardiola ha però cambiato tutto. Come annunciato dal suo agente, in estate Touré dirà addio al Manchester City, nonostante un contratto in scadenza nel 2017. Il centrocampo è forse il reparto più importante dell'Inter di Mancini, la cui qualità generale aumenterebbe di certo con l'aggiunta dell'ivoriano. Non mancano però le motivazioni per pensarc due volte prima di tentare un colpo del genere.

 

QUALITA' ED ESPERIENZA AL SERVIZIO DI MANCINI

 

Il centrocampo di Mancini è molto muscolare. Nello scorso mercato Inter estivo, il tecnico aveva dato indicazioni precise, così da poter contare su giocatori in grado di aiutare la difesa nerazzurra e allo stesso tempo impedire la fluidità di gioco degli avversari. L'arrivo di Yaya Touré porterebbe di certo un fisico imponente, al quale si aggiungono ottimi piedi, che ne fanno una pedina importante in fase d'impostazione, così come un elemento imprevedibile in attacco.

 

CENTROCAMPO 'AFFOLLATO' E INVESTIMENTI DA VALORIZZARE

 

Gli aspetti 'negativi' di una trattativa del genere fanno riferimento proprio al ricco mercato della passata estate. L'obiettivo stagionale dell'Inter era il ritorno in Champions League, che la sconfitta contro il Torino ha ulteriormente complicato. Se a lungo si è sperato nel colpo Touré, una volta sfumato del tutto, Thohir non di certo rimasto a guardare. Il colpo dispendioso è giunto e ha il nome di Kondogbia. Il suo rendimento non è stato all'altezza delle aspettative, considerando soprattutto il costo del cartellino. Difficile pensare che l'Inter voglia privarsi di lui dopo una sola stagione d'ambientamento. Venderlo quest'estate inoltre, potrebbe comportare una svalutazione del centrocampista, che farebbe eventualmente spazio a un giocatore che, seppur di indiscusso valore, ha quasi 10 anni in più.




Commenta con Facebook