• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > > IL PAGELLONE DI CALCIOMERCATO.IT: Magnifico Suso, disastro Hoedt

IL PAGELLONE DI CALCIOMERCATO.IT: Magnifico Suso, disastro Hoedt

Top e Flop della 31a giornata di Serie A secondo i voti dei nostri inviati


Hoedt ©GettyImages
Emiliano Forte

04/04/2016 08:00

PAGELLONE, SUSO HOEDT / MILANO – La trentunesima di Serie A è la giornata del derby di Roma che i giallorossi di Luciano Spalletti hanno stravinto mettendo nei guai la Lazio. Biancocelesti in difficoltà soprattutto in difesa, dove Hoedt e compagni hanno concesso davvero troppo agli attaccanti avversari. Tra le fila giallorosse da segnalare ancora una volta la prova di spessore di un Nainggolan sempre più leader del centrocampo. La trentunesima è stata anche la giornata della possibile svolta nella corsa scudetto, con la Juve che supera l'Empoli ed il Napoli che cade ad Udine sotto i colpi di Bruno Fernandes e compagni. Tra i partenopei quanta sofferenza per Ghoulam costretto a subire l'esuberanza di uno scatenato Widmer.  A Marassi, invece, va in scena il one-man-show di Suso autore di tre autentici capolavori che permettono al Genoa di travolgere il Frosinone. Battuta d'arresto pesante per l'Inter, che in casa si fa raggiungere e superare dal Torino tradita da un Miranda irriconoscibile.


TOP

5.de Roon (Atalanta) – L'olandese è semplicemente perfetto in mediana dove in pratica riesce a far suo ogni pallone e a gestirlo nel migliore dei modi. E' suo l'assist che permette a Gomez di firmare il sorpasso sui rossoneri. Invalicabile. VOTO 7,5

4.Widmer (Udinese) – Padrone incontrastato della fascia destra annichilisce Ghoulam e trascina i suoi creando i pericoli maggiori per la difesa partenopea. Conquista il secondo penalty poi fallito da Bruno Fernandes e confeziona l'assist per Thereau che chiude i conti. Scatenato. VOTO 7,5

3.Bruno Fernandes (Udinese) – Contro il Napoli è ormai una certezza visto che quasi la metà dei gol messi a segno in Serie A li ha rifilati agli azzurri. Spettacolare la rovesciata che permette ai padroni di casa di riportarsi in vantaggio sul finire della prima frazione. Unico neo l'errore dal dischetto che poteva valergli la tripletta personale in un pomeriggio vissuto da protagonista. Delizia. VOTO 7,5

2.Nainggolan (Roma) – Uomo ovunque capace di difendere e di attaccare con la stessa intensità ed efficacia senza mai perdere lucidità. A metà campo detta legge e per poco non gli riesce l'euro-gol al termine di una splendida azione personale. Indomabile. VOTO 7,5

1.Suso (Genoa) – Domenica da fenomeno per il 22enne spagnolo capace, in quasi 90 minuti di show, di inanellare prodezze balistiche con una naturalezza da far invidia ai campioni più affermati. Tre reti una più bella dell'altra figlie di un sinistro tanto sensibile quanto devastante che potrebbe finalmente aver trovato la via della consacrazione nel nostro campionato. Spettacolo. VOTO 9


FLOP

5.Miranda (Inter) – Brutta serata per il difensore di Roberto Mancini che, fin quando rimane in campo, concede troppo agli avversari e nei movimenti difensivi non è puntuale come in altre occasioni. Non è ancora scoccata l'ora di gioco quando, già ammonito, stende Belotti costringendo i suoi a giocare in inferiorità numerica. Spaesato. VOTO 4,5

4.Ghoulam (Napoli) – Travolto dal 'ciclone Widmer', non riesce mai a reagire e dalle sue parti l'Udinese approfitta del dominio territoriale per costruire i pericoli maggiori. Fuorigiri. VOTO 4,5

3.Braafheid (Lazio) – Non ha il passo giusto per fronteggiare avversari ben più freschi e scattanti e, se a questo si aggiunge la ruggine accumulata durante una stagione trascorsa ai margini della rosa biancoceleste, il risultato è praticamente scontato. Tanta sofferenza e mai una giocata con i tempi giusti. Rassegnato. VOTO 4

2.Struna (Palermo) – Gara da dimenticare. Le sue amnesie difensive di fatto risultano fatali per i rosanero viste le evidenti responsabilità sulle reti di Cacciatore e Rigoni. Sciagurato. VOTO 4

1.Hoedt (Lazio) – Assente ingiustificato quando, al 14esimo, El Shaarawy in totale libertà colpisce di testa il pallone dell'1-0 giallorosso. Il seguito se vogliamo è anche più sconfortante visto che lo statuario difensore olandese viene aggirato, saltato e anticipato con regolarità dai ben più rapidi e tecnici uomini di Spalletti. Inadeguato. VOTO 4




Commenta con Facebook