• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Juventus > Calciomercato Juventus, braccio di ferro per Kean: il nodo è la commissione

Calciomercato Juventus, braccio di ferro per Kean: il nodo è la commissione

Il talento delle giovanili bianconere al centro di un intrigo. Marotta contro Raiola


Beppe Marotta ©Getty Images
Jonathan Terreni

31/03/2016 11:40

CALCIOMERCATO JUVENTUS KEAN MAROTTA RAIOLA / TORINO - La Juventus lavora sotto traccia per garantirsi un futuro di qualità e la vittoria della Viareggio Cup è la dimostrazione di una società lungimirante e attenta al settore giovanile. In casa bianconera c'è un giovane talento, la cui situazione sta tenendo banco in queste settimane come se fosse già un 'top player'. Si tratta di Moise Kean Bioty, sedici anni appena compiuti, che sta facendo la differenza con gli Allievi segnando raffiche di gol. E' già nel giro della Nazionale azzurra Under 17 perché lui, originario della Costa d'Avorio, è nato a Vercelli e i suoi vivono ad Asti. La Juventus, che può contare su numerosi talenti nel suo vivaio, vuole blindarlo per evitare spiacevoli sorprese nel calciomercato e con Mino Raiola, che ne cura gli interessi, è già braccio di ferro. Ma qual è il motivo della diatriba?

Kean è al momento classificato come 'giovane di serie' e non ha ancora un contratto in essere. Avendo però compiuto già i sedici anni è libero di andare all'estero. La Juventus sta spingendo per farlo firmare ma non intende pagare l'esosa commissione pretesa dall'entourage del giocatore, capitanato da Raiola e dal suo fido collaboratore Rigo. "Questa è una cosa che la Juventus non può accettare - le parole di Marotta riportate da 'La Gazzetta dello Sport' -. Le regole Fifa non lo permettono, nonostante non sia stato recepito dalla Federcalcio. Non intendiamo pagare alcun procuratore per ragazzi di sedici anni". Raiola intanto spinge perché il ragazzo venga mandato a giocare all'estero e per non intaccare i buoni rapporti con i bianconeri in ottica mercato Juventus si è sentito in questi giorni con Marotta per  parlare di Lukaku e Mkhitaryan e mediare anche in questa direzione. Una soluzione alla fine si dovrebbe trovare scendendo a compromessi.

 




Commenta con Facebook