• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Viaggi > Viaggi, servizio in camera e voli: dal caffè al soufflé ecco i 7 cibi da evitare

Viaggi, servizio in camera e voli: dal caffè al soufflé ecco i 7 cibi da evitare

Nelle due liste finiscono anche avocado, curry, patatine croccanti e pollo fritto


In volo (Getty Images)

30/03/2016 15:04

VIAGGI CIBI DA EVITARE SERVIZIO IN CAMERA E VOLO / ROMA – Se state partendo o avete già in calendario la prossima vacanza all’insegna del relax segnatevi questi cibi assolutamente da evitare. I primi per evitare di trasformare il piacere del room service in una spesa inutile e poco piacevole, i secondi per godersi al meglio la tratta in volo.

SERVIZIO IN CAMERA – Il "Daily Mail" ha individuato sette cibi da non ordinare col servizio in camera. Questi sono sconsigliati sia per non rovinare la salute ma anche evitare odori strani nella stanza da letto. Perché? Di solito nella cucina di un albergo non è lo chef migliore a occuparsi delle richieste (magari notturne) dei clienti.

Ecco la lista:

Avocado: scolorisce talmente in fretta che quando arriva in camera è di colore verde "appassito", fa quindi meno scena e anche il sapore è alterato.

Caffè: nella maggior parte degli hotel il caffè destinato al servizio in camera rimane pronto e riscaldato per ore prima di un ordine e quindi ha un sapore  deteriorato e bruciacchiato. È preferibile utilizzare i bollitori presenti in camera.

Patatine croccanti: meglio evitare i cibi fritti. Prima di arrivare in camera, infatti, il piatto "percorre" parecchia strada ed è per questo che non arriverà mai croccante, ma unto e gommoso.

Uova: due i motivi. Primo l'odore solfureo che si insinua nella stanza impregnando lenzuola, coperte e vestiti; secondo perché, l’uovo, inadatto agli spostamenti veloci prerogativa del room service, rischia di arrivare strapazzato o spiaccicato sul piatto.

Cocktail di gamberi: per lo stesso motivo di odore delle uova nella stanza, ma non solo. È molto probabile che i frutti di mare non siano proprio freschissimi visto che in molti cucine di hotel i cocktail di gamberi vengono preparati in anticipo e lasciati poi in frigorifero, pronti per gli ordini che arriveranno.

Soufflé: non arriverà mai perfettamente gonfio come se fosse appena uscito dal forno. I camerieri non riusciranno ad essere abbastanza veloci da farlo arrivare gonfio al punto giusto.

Bistecca: se proprio non potete rinunciare alla carne il consiglio è ordinarla un po' più al sangue. Il motivo è presto detto. La carne continuerà lentamente a cuocere anche durante il tragitto fino alla camera.

E IN VOLO? – Per rendere il più confortevole possibile il volo, sedili e paura di volare a parte, si devono evitare cibi pesanti e poco salutari. Il sito australiano "cheapflights.com.au" ha indicato la lista dei sette cibi da evitare prima di salire su un aereo.

Ecco l’elenco di consigli per il volo:

Fagioli: come molti legumi contengono zuccheri e fibre solubili, difficilmente digeribili. Gas e sensazione di gonfiore non aiutano il relax, meglio evitare.

Pollo fritto: I fast food sono presenti negli aeroporti e diverse compagnie aeree offrono ai propri clienti pasti ricchi di grassi saturi come il pollo fritto. Il consiglio è non mangiare quest'ultimo. La digestione è molto più problematica in alta quota e i grassi contenuti nel pollo fritto possono provocare acidità e bruciore di stomaco.

Alcol: nonostante si possa pensare che l’alcol attenui la paura o aiuti a dormire più a lungo, non bisognerebbe bere alcolici sugli aerei o prima del volo. La sensazione di disidratazione è maggiore in alta quota e questo può creare malessere.

Curry: la piccantezza, tipica di questo cibo, può provocare indigestione, insonnia e mal di stomaco.

Pesce: odori sgradevoli in un ambiente piccolo e chiuso e la dubbia provenienza dei prodotti potrebbe inficiare negativamente sul viaggio.

Frullati: difficilmente digeribili inducono a fare brutti sogni e sono una delle cause più comuni di intossicazione alimentare in alta quota.

Caffè: la caffeina non aiuta a dormire e questo può dare problemi soprattutto per chi viaggia su un volo intercontinentale.

S.C.




Commenta con Facebook