• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Italia > Italia, da Thiago Motta a Astori: il borsino dei convocati di Conte per Euro2016

Italia, da Thiago Motta a Astori: il borsino dei convocati di Conte per Euro2016

L'amichevole contro la Spagna ha dato indicazioni importanti al ct Azzurro


La formazione italiana © Getty Images
Giorgio Musso (@GiokerMusso)

25/03/2016 10:35

ITALIA SPAGNA BORSINO CONVOCATI CONTE EURO 2016 INSIGNE EDER / ROMA - Sorriso Italia. La selezione di Antonio Conte dà spettacolo e mette alla corde la corazzata Spagna, nel giorno dell'addio di un esteta del calcio quale il leggendario Johan Cruyff. Nel test di lusso andato in scena giovedì sera alla 'Dacia Arena' di Udine, gli Azzurri sono protagonisti di un'ottima prestazione, ritrovando ottimismo e certezze in vista dei prossimi Europei. Solo una rete di Aduriz viziata da un off-side dello juventino Morata, infatti, non ha permesso agli Azzurri di conquistare una meritata vittoria, con Buffon e compagni autori di uno scintillante secondo tempo in cui si è messo in mostra (e non solo per il gol) un ispiratissimo Insigne.
Per le news Italia, l'allenatore salentino può raccogliere delle preziose indicazioni dall'1-1 contro le 'Furie Rosse' di Del Bosque: da Insigne ad Eder, andiamo ad analizzare dopo Italia-Spagna lo stato dell'arte dei possibili convocati di Conte per Euro 2016, con uno sguardo anche alla prossima amichevole con la Germania.

 

ITALIA-SPAGNA, CHI SALE: INSIGNE SHOW, PROMOSSO THIAGO MOTTA

Italia ben messa in campo, attenta e vogliosa nei primi 45' di gioco. Decisamente spavalda, arrembante e spettacolare nella ripresa. Soprattutto grazie al brio e l'imprevedibilità del neo-entrato Insigne che, insieme all'esordiente Bernardeschi, ha 'spaccato' la contesa mettendo quasi sempre in affanno al retroguardia spagnola. Da manuale l'azione del vantaggio azzurro: il talento viola è abile ad aprire per il sempre puntuale Giaccherini, con il napoletano chirurgico nella zampata vincente sull'assist del jolly in forza al Bologna. Una notte da ricordare per il piccolo fantasista, al suo secondo sigillo in Nazionale: un gol pesante, che potrebbe consegnare ad Insigne il pass per la Francia e chiudere definitivamente lo 'screzio' con il Ct Conte dopo le polemiche nate lo scorso ottobre, quando per un infortunio lasciò il ritiro di Coverciano.

Altra nota lieta della serata friulana è il battesimo con la selezione maggiore di Federico Bernardeschi, che con grande personalità si è calato subito nella parte portando qualità e freschezza alle trame azzurre. Il baby della Fiorentina, vista anche la sua duttilità tattica (è capace di ricoprire più posizioni nel 3-4-3 contiano), potrebbe essere una delle sorprese nella lista dei 23. Un altro 'eclettico' che ha ben figurato contro la Spagna è sicuramente Giaccherini, pupillo di Conte fin dai tempi della Juventus e pedina che permette molteplici varianti a partita in corso al ct. Promosso anche Thiago Motta, alla prima uscita in Nazionale dopo l'impalpabile Mondiale in Brasile: il mancino del PSG ha dato esperienza e geometrie al gioco dell'Italia, sorpassando momentaneamente Montolivo e Jorginho nel ruolo di vice Verratti.

 

ITALIA-SPAGNA, CHI SCENDE: EDER DELUDE, ASTORI BALBETTA

E' decisamente un momentaccio per Eder. La parentesi azzurra poteva essere l'occasione giusta per uscire dall'anonimato dell'ultimo periodo, con l'attaccante dell'Inter ancora a secco di reti in campionato dopo il passaggio nel calciomercato di gennaio alla corte di Mancini. L'ex Sampdoria invece ha nuovamente deluso, spesso ai margini della manovra e non incidendo quasi mai nei 57' in cui è rimasto in campo. La differenza di passo con Insigne, almeno ieri sera, è stata evidente. Da alfiere del biennio Conte, Eder rischia seriamente il 'taglio' a causa di un 2016 finora da dimenticare.

Tra i bocciati di Udine c'è pure Astori, a più riprese incerto nel fronteggiare le offensive degli avanti spagnoli e impreciso in fase d'impostazione. Serata non trascendentale nemmeno per Pellè, sempre prezioso nel gioco di sponda però mai pericoloso dalla parti di de Gea. Difficilmente il bomber del Southampton non staccherà il visto per gli Europei, anche se la prossima amichevole in programma martedì in casa della Germania potrebbe essere una buona occasione per Zaza per rimescolare la carte sulla 'titolarità' al centro dell'attacco azzurro. Nel probante test dell'Allianz Arena' dovrebbero trovare spazio anche Antonelli (complice l'infortunio di Giaccherini), El Shaarawy e Acerbi, senza dimenticare il possibile esordio in regia di Jorginho. Conte - che nei giorni scorsi ha ufficializzato il suo addio alla panchina dell'Italia - ha ottenuto delle risposte importanti contro la Spagna e ne cercherà altrettante martedì in terra bavarese: chi sogna Francia 2016, non può e non deve più nascondersi.




Commenta con Facebook