• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Napoli > Napoli, De Laurentiis sogna Ibrahimovic: come cambierebbe lo scacchiere di Sarri

Napoli, De Laurentiis sogna Ibrahimovic: come cambierebbe lo scacchiere di Sarri

La notizia del possibile acquisto dello svedese ha 'scosso' il capoluogo campano


Ibrahimovic-Sarri-Higuain © Getty Images

24/03/2016 19:27

NAPOLI IBRAHIMOVIC RIVOLUZIONE FORMAZIONE / ROMA - Una 'bomba' ha scosso quest’oggi Napoli: De Laurentiis sta cercando di portare in azzurro nientepopodimeno che Zlatan  Ibrahimovic, ossia 'mister scudetto'. Ovunque è andato, infatti, lo svedese ha sempre conquistato il titolo nazionale: dall’Olanda, all'Italia, passando per la Spagna e la Francia

E chissà che il patron azzurro non abbia intenzione di fare uno sforzo economico per rendere il suo Napoli ancora più competitivo. In Svezia assicurano che Ibra voglia restare in Europa in futuro e che sia affascinato dalla piazza partenopea. Da parte sua, 'DeLa' è pronto ad offrirgli un biennale da 8 milioni annui pur di regalarlo a Sarri

Un acquisto faraonico che sposterebbe sicuramente gli equilibri e che permetterebbe agli azzurri di disporre della più forte coppia d’attacco dell’intera Serie A, certamente una delle migliori di tutta Europa: quella formata da Ibrahimovic ed il 'Pipita' Higuain. Ma una loro coesistenza sarebbe possibile? Probabilmente sì, a patto che l’intera squadra si ‘sacrifichi’ per loro. Si potrebbe optare per un 4-4-2 con Insigne e Callejon sulle fasce e questa coppia dei sogni in avanti. Una formazione senza dubbio a trazione interiore, ma dal potenziale enorme. Altra alternativa il 4-2-3-1, col campione svedese rifinitore alle spalle dell’argentino. Difficile, invece, ipotizzare un 4-3-3, anche se Ibra non ha mai disdegnato partire dalla sinistra per accentrarsi. Discorsi forse utopistici, in quanto entrambi sono a conti fatti due prime punte. Ma quanti allenatori vorrebbe avere ‘problema’ del genere per la loro squadra?

D.G.




Commenta con Facebook