• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Serie A > Serie A - Coutinho, Aubameyang e i suoi fratelli: i rimpianti italiani

Serie A - Coutinho, Aubameyang e i suoi fratelli: i rimpianti italiani

Scartati dai club nostrani, hanno trovato gloria in giro per l'Europa


Philippe Coutinho ©Getty Images

23/03/2016 18:02

SERIE A AUBAMEYANG COUTINHO IGHALO RANIERI/ ROMA - Da 'scarti' del campionato italiano a trascinatori nei maggiori campionati europei: in questa stagione, sono tanti i rimpianti per i club di Serie A. Basti pensare a Pierre-Emerick Aubameyang, attaccante che viaggia a cifre mostruose di gol con il Borussia Dortmund. Il fenomeno dei gialloneri, era passato per l'Italia, sponda rossonera di Milano. Un'esperienza fugace visto che il Milan non ha intravisto in lui il potenziale poi esploso al Saint-Etienne prima e al Borussia Dortmund. Il suo cartellino adesso vale dai 50 milioni in su, mentre i rossoneri lo lasciarono andare per poco più di cinque. Restando a Milano, stavolta sponda nerazzurra, il rimpianto si chiama Coutinho: Branca ci aveva visto lungo quando lo prelevò dal Vasco nel 2010. Peccato che all'Inter non abbiano creduto in lui: ora, con la maglia del Liverpool, il brasiliano si è esploso definitivamente, trovando anche le porte della Selecao. Caso tutto particolare quello di Ighalo, attaccante già a quota 15 reti con il Watford. All'Udinese, di solito, i talenti non se li fanno scappare: con lui però hanno preso una toppa. Fortunatamente, il Watford è società che appartiene alla famiglia Pozzo, quindi l'occasione per realizzare una plusvalenza non è ancora del tutto perduta. Fronte allenatori, merita una menzione speciale Claudio Ranieri. Il tecnico 'testaccino', dopo una breve esperienza alla guida dell'Inter, è stato costretto a cercare fortuna fuori dall'Italia ancora una volta. Ora è in testa alla Premier League con il Leicester ed è invidiato da tanti allenatori europei: una panchina in Serie A, forse, se la sarebbe meritata.

S.F.




Commenta con Facebook