• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Roma > Attentati Bruxelles, Nainggolan choc: "Dovevo essere all'aeroporto anch'io"

Attentati Bruxelles, Nainggolan choc: "Dovevo essere all'aeroporto anch'io"

Il belga racconta: "Sono arrivato un giorno prima in Belgio per l'evento di uno sponsor


Aeroporto Zaventem © Getty Images

23/03/2016 08:50

ATTENTATI BRUXELLES INTERVISTA RADJA NAINGGOLAN LA GAZZETTA DELLO SPORT / ANVERSA (Belgio) - Il centrocampista belga della Roma Radja Nainggolan ha commentato in un'intervista concessa a 'La Gazzetta dello Sport' gli attentati di Bruxelles di ieri: "Sto bene, per fortuna sono ad Anversa, a Bruxelles non sono mai arrivato. Dovevo andarci stamattina (ieri, ndr), poi è scoppiato il caos. Si respira paura pure qui, i telefoni sono fuori causa, gli spostamenti sono impossibili. E chiunque giri in strada con una borsa o uno zaino qualsiasi viene perquisito".

DESTINO - "Se non avessi avuto un impegno con il mio sponsor, avrei potuto trovarmi all’aeroporto di Zaventem anch’io. Proprio a causa dell’evento a cui dovevo partecipare sono arrivato un giorno prima in Belgio, ma ad Anversa. Altrimenti, avrei preso un volo di mattina da Roma e sarei atterrato direttamente a Bruxelles. Il ritiro era fissato alle 12, proprio nell’albergo di fronte all’aeroporto. Invece è cambiato tutto, il ritiro è sospeso fino a nuove ordine".

PAURA - "Ho tanti amici che lavorano all’aeroporto. Spero stiano tutti bene perché qui non si riesce a parlare con nessuno. Non si conoscono neppure i nomi delle vittime, mi auguro sia tutto ok".

COSA PUO' FARE IL CALCIO? - "Sono combattuto tra l’amore per il calcio e la sicurezza della gente. Mi piace giocare, non so stare senza. Vorrei non ci fossero rischi".

EUROPEO A PORTE CHIUSE - "Sarebbe triste. Quello dev’essere un evento globale, visto e seguito da tutti. Con gli stadi vuoti non sarebbe la stessa cosa, non sarebbe un messaggio di pace".

S.D.




Commenta con Facebook