• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Inter > Inter, la rivincita dei 'vecchi': Nagatomo e D'Ambrosio tornano protagonisti

Inter, la rivincita dei 'vecchi': Nagatomo e D'Ambrosio tornano protagonisti

Nonostante gli arrivi dal mercato, i due terzini restano titolari nello scacchiere di Mancini


Yuto Nagatomo ©Getty Images
Lorenzo Polimanti (@oldpoli)

22/03/2016 10:53

INTER NAGATOMO D'AMBROSIO TERZINI / MILANO - Quella scorsa è stata un'estate di rivoluzione totale in casa Inter, con ben 10 acquisti che hanno completamente modificato la rosa a disposizione del tecnico Roberto Mancini. Rivoluzione che, in molti, invocavano soprattutto sulle corsie di difesa, reparto considerato non all'altezza delle ambizioni interiste. Per questo, oltre al riscatto di Davide Santon, i nerazzurri si sono assicurati pure Martin Montoya e Alex Telles. Alla lunga, però, l'hanno spuntata i 'vecchi': Montoya è tornato in Spagna a gennaio dopo 6 mesi in ombra, il laterale italiano arrivato dal Newcastle ha collezionato fin qui appena 11 presenze, di cui solo una in campionato dal 31 ottobre ad ora, ed il brasiliano in prestito con diritto di riscatto dal Galatasaray sembra aver perso il posto da titolare.

A sorpresa, infatti, Yuto Nagatomo e Danilo D'Ambrosio sono diventati ora gli intoccabili di Mancini, bravi su entrambe le fasce e l'ex Torino, all'occorrenza, pure al centro. Il giapponese, arrivato a quota 20 presenze, ha giocato per intero 7 delle ultime 8 gare e dopo aver rifiutato il Manchester United a breve firmerà il prolungamento (contratto fino al 2017 con opzione per un altro anno); il napoletano, invece, ha disputato da titolare le ultime 6 ed è subentrato nel finale della sfida della Fiorentina. I titolari, ora, sono loro. Alla faccia della rivoluzione.




Commenta con Facebook