• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > > Serie A, da Roma-Juventus al derby di Torino: due nei nella stagione (quasi) perfetta di Rizzoli

Serie A, da Roma-Juventus al derby di Torino: due nei nella stagione (quasi) perfetta di Rizzoli

L'arbitro, che rappresenterà l'Italia ad Euro 2016, è stato duramente contestato dopo la sfida di ieri, ma la media voto stagionale è positiva


Nicola Rizzoli ©Getty Images
Lorenzo Polimanti (@oldpoli)

21/03/2016 13:40

SERIE A ROMA JUVENTUS DERBY TORINO RIZZOLI EURO 2016 / ROMA - Una giornata no, da cancellare con una grande croce rossa sul calendario per ripartire subito. Sbagliano i giocatori, sbagliano gli allenatori. Ma quando a sbagliare è un arbitro, ovviamente, fa più rumore. La pessima direzione di Nicola Rizzoli nel derby Torino-Juventus della 30a giornata di Serie A ha rimesso in discussione il fischietto che rappresenterà l'Italia ad Euro 2016. Una pioggia di critiche per l'arbitro emiliano, finito inevitabilmente al centro delle news Serie A, ma le prestazioni in questo campionato gli danno ragione: 6,12 la media dei voti nelle 13 apparizioni questa Serie A secondo le valutazioni degli inviati di Calciomercato.it.

DA ROMA-JUVENTUS AL DERBY DI TORINO: LE INSUFFICIENZE DI RIZZOLI

Fermo alla prima giornata, la stagione dell'arbitro della sezione di Bologna si apre alla seconda subito con un big match. All''Olimpico' si affrontano Roma e Juventus e per Rizzoli arriva la prima bocciatura. Voto 5: pesano soprattutto il rigore non concesso ai giallorossi dopo meno di un minuto per l'intervento di Mandzukic su Florenzi e l'entrataccia di Chiellini su Pjanic non sanzionata con il giallo. Chiellini che, ammonito poco più tardi, sarebbe stato poi espulso. I bianconeri, invece, protestano per un cartellino non sventolato a De Rossi per un fallaccio su Sturaro. Poi due giornate di stop per Rizzoli ed il ritorno positivo alla 5a in Lazio-Genoa.

Da rivedere invece le prove del 13esimo turno, con un finale di primo tempo infuocato in Genoa-Sassuolo (voto 5,5), e del 16esimo, con qualche protesta sia da parte dei tifosi del Napoli che della Roma nel big match del 'San Paolo' (voto 5,5), anche se la squadra arbitrale azzecca la decisione più difficile: il cross di Antonio Rüdiger sul gol annullato a De Rossi era effettivamente uscito. E arriviamo infine al disastro di Torino. Nel sentitissimo derby della Mole sbaglia praticamente tutto: nessun provvedimento per Glik e Lichtsteiner venuti a contatto a palla lontana al 12', manca poi una punizione dal limite per la Juventus al 18'. Nella ripresa viene concesso giustamente il penalty ai granata, ma manca la seconda ammonizione ad Alex Sandro e la conseguente espulsione. Subito dopo viene ammonito per le eccessive proteste Bonucci che, poco più tardi, viene graziato tra le proteste granata in seguito ad una trattenuta su Maxi Lopez che al 58’ si vede annullare il 2-2 per un fuorigioco inesistente. In chiusura il capitano del Toro, Kamil Glik, meriterebbe la doccia anticipata per una brutta entrata ai danni di Alex Sandro, ma il direttore di gara sorvola. Insomma: una giornataccia.

INTER-ROMA E QUEI 7 PERFETTI

Quattro insufficienze, di cui due non gravi, su un totale di tredici apparizioni in Serie A. Un bottino comunque positivo per il miglior arbitro 2014 e 2015 secondo l'IFFHS e che rappresenterà l'Italia ad Euro 2016. Nonostante le già citate 'figuracce' in Roma-Juventus e nel derby di Torino, infatti, la media voto di Rizzoli in questa Serie A secondo gli inviati di Calciomercato.it rimane superiore al 6 (6,12 per la precisione). Su tutte spiccano le prestazioni impeccabili in di Rizzoli in Inter-Roma dell'11a giornata, dove estrae giustamente due volte il giallo a Pjanic (il primo per proteste ed il secondo per un tocco di mano che interrompe una ripartenza interista), poi in Frosinone-Verona alla 14a (non sbaglia proprio nulla, neanche le decisioni più complicate come il rosso e rigore al Frosinone per la gomitata di Rafael) ed Atalanta-Inter alla 20a. Poi quattro sufficienze molto abbondanti (6,5 il voto in Udinese-Frosinone alla 9a, Fiorentina-Lazio alla 19a, Carpi-Palermo alla 22a e Frosinone-Udinese alla 28a) e due 6 nelle pagelle di Lazio-Genoa e Milan-Napoli nel girone d'andata. Insomma: c'è di peggio.




Commenta con Facebook