• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Pagelle > PAGELLE E TABELLINO DI TORINO-JUVENTUS

PAGELLE E TABELLINO DI TORINO-JUVENTUS

Buffon leggenda, Morata devastante. Glik e Rizzoli combinano guai


Torino-Juventus ©Getty Images
Valerio Pantone

20/03/2016 17:01

Ecco le pagelle di TORINO-JUVENTUS:

 

TORINO

Padelli 5 – Inizialmente chiamato in causa dai suoi compagni di squadra in diversi disimpegni non semplici, si fa trovare impreparato sulla punizione di Pogba che non appare angolatissima. Può fare ben poco sulle reti di Khedira e le due di Morata.

Maksimovic 5 – Non esente da colpe nel posizionamento, in occasione della seconda rete bianconera, si fa saltare con estrema facilità da una giocata seppur straordinaria di Pogba sul terzo gol di Morata.

Glik 4,5 – Rischia molto ad inizio partita in fase di impostazione, è spesso in ritardo sugli attaccanti bianconeri. Ammonito, (diffidato salterà la trasferta con l’Inter) consente a Khedira di bucare troppo facilmente l’intera difesa granata.

Moretti 5 – Commette anche lui diversi errori all’inizio della manovra, confermandosi in uno stato di forma non soddisfacente.

Bruno Peres 6,5 – La sfida tutta corsa contro Alex Sandro se la aggiudica alla distanza. Dopo un primo tempo difficile, è lui ad inizio ripresa a provare a riaprire il match costringendo l’esterno bianconero al fallo da rigore.

Acquah 5 – Confusionario e spesso poco lucido nella scelta della giocata, si mostra in evidente difficoltà contro lo strapotere a centrocampo della Juventus.

Vives 5 – Nel primo tempo soffre non poco il palleggio dei campioni d’Italia. Quando prova ad alzare il pressing, ad esempio, Khedira ne approfitta. Tanti, troppi errori in fase di palleggio.

Benassi 5 – Sono suoi le prime due conclusioni dell’incontro: la seconda, in particolare, arriva dopo una bella azione corale dei granata. Dall’81’ Baselli s.v.

G. Silva 5,5 – Preferito a Molinaro, si fa schiacciare troppo prima da Lichtsteiner e poi da Cuadrado. Utile in alcune lettere difensive non semplici. Dal 75’ Zappacosta s.v.

Immobile 5,5 – Parte subito forte creando diversi grattacapi al muro difensivo bianconero. Poi però il centrocampo non lo sostiene ed esce fuori dai radar. Un infortunio muscolare lo costringe a restare negli spogliatoi dopo la prima frazione, e probabilmente a non poter rispondere alla chiamata della Nazionale. Dal 46’ Maxi Lopez 6,5 – Carica subito la squadra, spingendola alla rimonta. Il guardalinee gli nega ingiustamente la gioia del possibile 2-2, poi è Barzagli a respingergli quasi sulla linea il gol del 2-3.

Belotti 6,5 – Lotte come un leone, ma obiettivamente gli arrivano pochissimi palloni giocabili. Con l’uscita di Immobile, si prende la responsabilità di trasformare il penalty del momentaneo 1-2. Non tira mai indietro la gamba, confermando tutta la sua applicazione in fase di non possesso.

All. Ventura 5 – Un altro derby perso, un altro match probabilmente giocato solo a tratti. Troppo brutto per essere vero il primo tempo dei granata, che reagiscono nella ripresa e vengono anche penalizzati dalle decisioni del direttore di gara. La difesa, tuttavia, da sempre il suo punto di forza, balla paurosamente e contro una Juve così, impossibile non uscirne con le ossa rotte. Urge un cambio di rotta: il terz’ultimo posto dista ormai appena cinque punti.

 

JUVENTUS

Buffon 7 – Dopo tre minuti entra nella storia stabilendo lo straordinario record di imbattibilità, che dopo il rigore di Belotti fissa a quota 973. Leggenda. 

Barzagli 6 – Ci mette qualche minuto a prendere le misure ai due attaccanti del Toro, poi però innalza il suo solito muro e gestisce senza affanni la gara. Qualche apprensione di troppo ad inizio secondo tempo.

Bonucci 6 – Solita personalità da leader difensivo e da regista basso, sembra quasi non stancarsi più di tanto, complice anche la pochezza offensiva dei padroni di casa. Sullo 0-2 abbassa un po’ la concentrazione, rischiando in più di un’occasione il secondo cartellino giallo.

Rugani 6,5 – Non proprio a suo agio nel centro-sinistra, specie in fase di impostazione, è attento nel chiudere tutti i varchi.

Lichtsteiner 6,5 – Vince ampiamente il confronto ravvicinato con Gaston Silva. Lo svizzero spinge con continuità tentando più volte diverse sortite offensive. Dal 50’ Cuadrado 5,5 – Punge poco sull’out di destra, limitandosi alla giocata più facile.

Lemina 6,5 – Molto intraprendente nel far ripartire la manovra bianconera, conferma i progressi dell’ultimo periodo, dimostrando di essere una più che valida alternativa a disposizione di Allegri. Cala un po’ nella ripresa.

Khedira 6 – Padrone assoluto del centrocampo, si fa trovare in tutte le zone del campo garantendo sempre la massima qualità. Prima dell’intervallo, galoppa in solitaria verso la porta realizzando la rete del raddoppio. Espulso ingenuamente nel finale, per qualche parola di troppo al direttore di gara.

Pogba 7,5 – Ci mette un po’ ad entrare in partita, ma alla mezz’ora pesca dal cilindro una pennellata su punizione che sblocca il risultato. Sesta rete in questo campionato per il francese, già a segno nei due derby precedenti. Nel momento più difficile, poi, si inventa un assist da campione per Morata che firma l’1-3.

Alex Sandro 5 – Giornata da dimenticare per l’esterno brasiliano. Ammonito in maniera ingenua nel primo tempo, ad inizio ripresa atterra in area proprio Bruno Peres regalando di fatto il rigore al Torino. Graziato da Rizzoli, avrebbe senza dubbio meritato il secondo giallo. Cresce sul finale di gara ma non basta per raggiungere la sufficienza.

Dybala 6 – Recuperato dopo il forfait di Monaco, subisce molti falli nella prima parte di gara che gli impediscono di arrivare al tiro. Alla mezz’ora però accusa l’ennesimo guaio muscolare ed è costretto a lasciare il terreno di gioco. Dal 32’ Morata 7,5 – Il protagonista, seppur non decisivo, della notte di Monaco, ribadisce il suo ottimo di forma, prima sfruttando al meglio il magnifico assist di Pogba, poi ribadendo in rete un tiro sporco ancora del francese. Devastante.

Mandzukic 6 – Come sempre utile nelle sponde e nel lavoro di squadra, da un suo movimento nasce anche la percussione centrale e vincente di Khedira che firma lo 0-2. Nella ripresa, si estranea un po’ dal gioco, palesando uno stato di fisico non ottimale. Dall’85’ Zaza s.v.

All. Allegri 7 – Serviva una risposta dopo la batosta di Monaco e la risposta è arrivata. Nonostante le assenze, i bianconeri entrano in campo la giusta determinazione. La difesa sembra insuperabile, come dimostra il record d’imbattibilità raggiunto da Buffon, l’attacco ed il centrocampo capace da saper colpire in qualsiasi momento. Evidente il calo di concentrazione ad inizio ripresa, che rischia di compromettere il risultato. Unico neo gli ennesimi infortuni muscolari, capitati a Lichtsteiner e a Dybala, che forse sarebbe stato meglio centellinare. In ogni caso, 20esimo risultato utile di fila e corsa sempre più lanciata verso il quinto scudetto consecutivo.

 

Arbitro Rizzoli 4,5 – Torna a dirigere un big match, e viene messo subito alla prova dopo tre minuti quando Immobile chiede un calcio di punizione al limite dell’area per un fallo di Rugani: giusto lasciar proseguire il gioco. Al 12esimo scintille a palla lontana tra Glik e Lichtsteiner: il direttore di gara non punisce i due giocatori. Al 18esimo, manca una punizione dal limite dell’area alla Juventus, per un’entrata di Vives su Dybala. Nel proseguo dell’azione,  Rizzoli vede, ma grazia Bonucci, per un fallo da dietro su Immobile. Ogni tanto, prova a lasciar correre, ma si dimentica di sanzionare qualche fallo. Ad inizio ripresa, ineccepibile il rigore a favore del Toro: manca però il secondo giallo ad Alex Sandro, già ammonito in precedenza. L’unico giallo viene comminato a Bonucci, per proteste; lo stesso Bonucci rischia moltissimo per una trattenuta sulla trequarti a Maxi Lopez. Al 58esimo da rivedere il fuorigioco segnalato ai danni di Maxi Lopez, che aveva realizzato il 2-2: al momento del tiro di Bruno Peres, l’attaccante argentino appare in posizione regolare. Ad un quarto d’ora dal termine, non punisce un fallo da dietro su Alex Sandro di Glik, che già ammonito, avrebbe meritato il secondo cartellino. Nel finale, commina il rosso a Khedira per proteste.

 

TABELLINO

TORINO-JUVENTUS 1-4

Torino (3-5-2): Padelli; Maksimovic, Glik, Moretti; Peres, Acquah, Vives, Benassi, Silva (dal 75’ Zappacosta); Immobile (dal 46’ Maxi Lopez), Belotti. A disp.: Ichazo, Castellazzi, Molinaro, Obi, Bovo, Farnerud, Lopez, Gazzi, Baselli, Martinez, Jansson. All.: Ventura.

Juventus (3-5-2): Buffon; Barzagli, Bonucci, Rugani; Lichtsteiner (dal 50’ Cuadrado), Lemina, Khedira, Pogba, Sandro; Dybala (dal 32’ Morata), Mandzukic. A disp.: Neto, Rubinho, Zaza, Hernanes, Padoin, Asamoah, Sturaro, Evra, Pereyra. All.: Allegri.

Arbitro: Nicola Rizzoli di Bologna

Marcatori: 33’ Pogba (J), 42’ Khedira (J), 48’ Belotti (T), 63’ Morata (J), 77’ Morata (J)

Ammoniti: 6’ Alex Sandro (J), 19’ Acquah (T), 31’ Glik (T), 35’ Silva (T), 44’ Lichtsteiner (J), 47’ Bonucci (J), 68’ Belotti (T)

Espulso: 87’ Khedira (J)




Commenta con Facebook