• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Fiorentina > Fiorentina, Sousa e Francesco: la storia speciale di un tifoso viola

Fiorentina, Sousa e Francesco: la storia speciale di un tifoso viola

La bella storia del giovane che nonostante le difficoltà motorie non manca mai al 'Franchi'


Paulo Sousa ©Getty Images

19/03/2016 17:15

FIORENTINA GESTO SOUSA / FIRENZE - Bellissima la vicenda che possiamo leggere su 'Violanews.com', riguardante il tecnico della Fiorentina Paulo Sousa e Francesco un giovane tifoso viola residente ad Alessandria. Il ragazzo segue tutte le partite casalinghe dei 'Gigliati' nonostante la grande distanza, ma a rendere ancora più speciale la sua passione ci sono anche le difficoltà motorie che purtroppo lo costringono su una sedia a rotelle.

Francesco ha raccontato la sua storia: "Dopo il pareggio contro il Verona sono andato a fare le foto con i giocatori all’uscita dello stadio. Il primo ad arrivare però è stato Paulo Sousa. Mentre eravamo insieme, alcune persone che erano con me gli hanno spiegato da dove vengo e del viaggio che faccio per venire a vedere la mia Fiorentina. Il mister mi ha ascoltato con attenzione e mi ha lanciato la proposta: 'Questo è vero amore. Saresti disponibile a venire a raccontare la tua storia ai ragazzi? Sarebbe una bella esperienza per te ma anche per noi'. Io, incredulo per quanto avevo sentito, ho accettato con estremo piacere senza nemmeno pensarci". E così poi è stato, spiega il tifoso al sito: "Alla squadra ho parlato col cuore, della fisioterapia che svolgo al centro Giusti a Firenze col Dottor Arcangeli e degli ottimi risultati che sto conseguendo. La mia lotta è iniziata sette anni fa, all’epoca ne avevo solo 22. Il mio scudetto è la speranza di tornare a camminare un giorno. In passato i medici mi hanno detto che non ce l’avrei mai fatta e invece, con sacrifici e impegno, qualche passo riesco a farlo".

O.P.




Commenta con Facebook