• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Roma > Roma, Martusciello: "Paredes può diventare il nuovo Biglia. Sarri e Spalletti..."

Roma, Martusciello: "Paredes può diventare il nuovo Biglia. Sarri e Spalletti..."

Il vice di Giampaolo ha parlato del centrocampista di proprietà dei giallorossi


Paredes @Getty Images

18/03/2016 19:42

ROMA MARTUSCIELLO PAREDES BIGLIA / ROMA - Intervistato da 'As Roma Match Program' il viceallenatore dell'Empoli Martusciello ha parlato del centrocampitsa dei toscani, ma di proprietà dei giallorossi, Paredes: "Leo è un ragazzo intelligente, umile e di grande professionalità. Noi lo avevamo preso perschierarlo da mezzala offensiva. Le sue caratteristiche, però, non sono ideali per ricoprire quella posizione, così abbiamo pensato di metterlo in mezzo al campo cercando di sfruttare al meglio la sua tecnica e la sua fisicità. Paredes sa far cantare il pallone e vede il gioco come pochi. Si sta integrando bene, partita dopo partita, però a mio avviso ha bisogno almeno di un’altra stagione in provincia per aumentare la personalità e per prendere più consapevolezza nell’interpretazione del ruolo. Fare il titolare a Empoli è un conto, farlo a Roma è un altro. La nostra realtà è a misura d’uomo, non ci sono pressioni, nella Capitale tutto è amplificato. Questa, comunque, è solo una mia opinione. Per me il suo obiettivo deve essere quello di prendere un posto importante nella nazionale argentina. Diventare il nuovo Biglia, ovvero il regista della 'Selecciòn'. Ha tutto per riuscirci, ha bisogno solo del giusto tempo per crescere. Non dimenticate che è un ’94, ha 22 anni".

SARRI-SPALLETTI - "Premettendo che io da Luciano sono stato allenato, mentre con Maurizio ho collaborato da assistente, secondo me c’è una caratteristica sostanziale che li differenzia. Sarri insegna calcio, è molto schematico, ma è legato alla sua squadra. Fortifica il proprio senza pensare a quello che si ritroverà di fronte la domenica sul terreno di gioco. Spalletti fa tutto questo, ma non trascura assolutamente l’avversario, studiando strategie per contrastarlo. Sarri non lo fa".

A.C.




Commenta con Facebook