• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Napoli > Napoli, "Un giorno all'improvviso": storia del coro che spopola in tutta Europa

Napoli, "Un giorno all'improvviso": storia del coro che spopola in tutta Europa

Lo cantano al 'San Paolo' così come al 'Calderon': l'inno del calcio 2016


Festa Napoli ©Getty Images

16/03/2016 23:05

NAPOLI CORO UN GIORNO ALL'IMPROVVISO STORIA/ ROMA - Dovendo pensare ad un inno universale per il calcio della stagione 2015/2016, sarebbe forse anche troppo scontato indicarlo in 'Un giorno all'improvviso', il coro che si innalza dalle curve di tanti stadi italiani ed anche europei. Il motivetto, ispirato alla famosa canzone dei Righeira 'L'estate sta finendo' del 1985, è diventato a furor di popolo la colonna sonora della cavalcata del Napoli di Higuain: i tifosi azzurri lo cantano al 'San Paolo' ed in trasferta, durante le partite ma soprattutto alla fine insieme ai giocatori. In Serie A, oltre ai sostenitori partenopei, lo cantano anche quelli del Genoa (i primi ad esportarlo nella massima serie), quelli della Juventus e anche quelli del Frosinone. La paternità del coro, però, è universalmente (o quasi) riconosciuta alla tifoseria dell'Aquila Calcio 1927, squadra che milita in Lega Pro: il video della loro performance, da un anno e mezzo a questa parte, è diventato virale su tutti i social network, tanto da essere emulato da tutti i tifosi italiani. In Serie B, lo canta il Bari, all'estero si è sentito in maniera nitida ieri sera al 'Vicente Calderon' di Madrid, con i tifosi 'Colchoneros' che lo hanno usato per incitare gli uomini di Simeone nel match di Champions League contro il PSV Eindhoven.  "Non mi dispiace che gli avversari possano esultare sulla mia musica ma la vittoria più bella è capire che dopo 30 anni questa canzone non ha perso il suo significato, la scrissi per raccontare la paura di crescere ed esultare per la squadra del cuore. È un ottimo modo per dimostrare di non essere ancora cresciuti" ha dichiarato a 'La Stampa' Jason Righeira, l'autore del brano originale: dal Festivalbar del 1985 agli stadi di tutta Europa il passo non è stato breve, ma grazie ai tifosi, una canzone nazional-popolare ha trovato nuova vita inaspettatamente, trent'anni dopo.

S.F. 




Commenta con Facebook