• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Pagelle > PAGELLE E TABELLINO DI BARCELLONA-ARSENAL

PAGELLE E TABELLINO DI BARCELLONA-ARSENAL

Suarez che gol! Elneny cresce bene, Konscienly fa fatica


Suarez ©Getty Images

16/03/2016 22:50

Ecco le pagelle di BARCELLONA-ARSENAL:

 

BARCELLONA

ter Stegen 6,5 – Rischia un pò troppo in qualche disimpegno con i piedi, anche se la sua prima vera parata della gara la compie al minuto 80 su una splendida punizione di Sanchez. E la risposta è da campione.

Dani Alves 6 – Resta insolitamente piuttosto basso nella linea difensiva disegnata da Luis Enrique. Un pò per evitare di farsi imbucare dalle ripartenze dei Gunners, un pò perchè non sembra in una delle sue serate migliori. Evita l’insufficienza, propiziando con il suo traversone la splendida rete di Suarez.

Mascherano 6 – Gli strappi di Sanchez e di Welbeck gli provocano qualche grattacapo di troppo. Lui prova a metterci una pezza, ma non sempre risulta efficace. Nella ripresa si riprende guadagnandosi a fatica la sufficienza.

Mathieu 5,5 Attento a sbrigliare diverse situazioni pericolose nel primo tempo, va anche lui in affanno ad inizio ripresa quando per poco non regala a Welbeck il pallone dell’1-2. Anche nel finale qualche disattenzione di troppo.

Jordi Alba 6,5 – Si trova quasi a memoria con il trio delle meraviglie e le sue discese si confermano devastanti anche questa sera.

Rakitic 6 – E’ sempre un piacere vederlo con il pallone tra i piedi. La sua partita, tuttavia, vive di fiammate, un pò come quella del Barca. Dal 77’ Arda Turan 5,5 – Giusto il tempo per rimediare dopo pochi secondi l’ammonizione.

Busquets 5,5 – Mette come sempre ordine nella manovra dei catalani. Ozil, però, è un cliente scomodo capace di sorprenderlo alle spalle. Anche nel secondo tempo lascia qualche buco di troppo per i contropiedi degli inglesi.

Iniesta 6,5 – Il feeling con Jordi Alba e Neymar, sulla fascia sinistra, ormai è più che collaudato. Lui dosa bene le energie, ma senza regalare particolari magie. Nel secondo tempo prende in mano il pallino del gioco e la squadra ne benificia. Dal 72’ Sergi Roberto 6 – Entra a risultato praticamente già in cassaforte.

Messi 7 – Il controllo sul lancio di Neymar vale il prezzo del biglietto, nonostante il tiro ravvicinato venga poi respinto da Ospina. Il portiere dei Gunners gli nega la gioia anche ad inizio ripresa, ma poi nel finale è bravo e fortunato a lasciare il segno anche su questo match con un pallonetto delizioso.

Suarez 7 – Si muove molto ma non riceve grande assistenza dai centrocampisti. Nell’opportunità che conta, però, manda in porta Neymar per la rete dell’1-0. Quando sempre innocuo, tuttavia, colpisce con una girata da vero fuoriclasse qual è.

Neymar 6,5 – Gli bastano appena due minuti per confermare tutta la sua classe. Al 16esimo delizia il Camp Nou con un assist con il contagiri per Messi, sul quale Ospina si supera. Poi, qualche istante dopo, trafigge il numero uno dei Gunners sfruttando al meglio il passaggio filtrante di Suarez. Due giocate che riassumono la sua ennesima prestazione positiva.

All. Luis Enrique 6 – Forse il risultato dell’andata ha condizionato la prova dei suoi. In ogni caso, appena si accendono le tre stelle lì davanti non ce n’è per nessuno. L’Arsenal gioca bene, si impegna, ma appena i blaugrana alzano il ritmo è tutta un’altra musica. Da rivedere, comunque, la difesa, apparsa non impenetrabile.

                                                

ARSENAL

Ospina 6,5 – E’ straordinario nel respingere il tiro sottomisura di Messi, lanciato al bacio di Neymar. Neanche il tempo di ricevere le congratulazioni, però, che Neymar lo punisce con un sinistro preciso. Ad inizio ripresa si fa trovare pronto sul diagonale di Messi, ma poi deve arrendersi prima all’acrobazia di Suarez e poi sul pallonetto della Pulce.

Bellerin 5,5 – Anche lui parte forte sull’out di destra, poi però sul gol di Neymar, ritarda troppo la diagonale difensiva sullo stesso brasiliano che firma l’1-0. Da quel momento, ci mette un pò per riprendersi anche se prima dell’intervallo offre un cross preciso per Sanchez che di testa manda a lato.

Konscenly 4,5 – Non è facile per nessuno affrontare il tridente più forte del Mondo. Lui però ci mette del suo: prima si fa scavalcare da un lancio millimetrico di Neymar per Messi. Poi perde un pallone banale in fase di impostazione, favorendo la ripartenza e il vantaggio blaugrana. Due errori troppi gravi in una sfida come questa.

Gabriel 5,5 – Meglio rispetto alle ultime apparizioni, se la cava come può contro tre mostri sacri come i tre attaccanti blaugrana. Nel finale non è esente da responsabilità sul terzo gol di Messi.

Monreal 6,5 – Sempre intraprendente e mai suggestionato dall’affrontare avversari quali Messi e Dani Alves, arriva spesso sul fondo offrendo un contributo costante sull’out sinistro.

Flamini 6 – Generoso come sempre in fase di contenimento, tenta anche la soluzione dalla distanza ma non è il pezzo migliore del suo repertorio. Dal 44’ Coquelin 5,5 – Dovrebbe quel qualcosa in più in mezzo, soprattutto dal punto di vista del palleggio. In realtà, invece, combina ben poco.

Elneny 7 – L’ex Basilea si dimostra sin da subito all’altezza di giocare in tali palcoscenici. Quantità e tanta tanta qualità al servizio della squadra, come dimostra al 51esimo quando insacca sotto l’incrocio dei pali il suggerimento di Sanchez.  

Iwobi 6 – Inizialmente timido e concentrato nel contenere le discese di Dani Alves, cresce con il passare dei minuti, facendosi apprezzare anche per qualche sortita offensiva interessante. Dal 73’ Giroud 5,5 – Cerca di farsi largo in paio di palle da fermo, ma ormai la sua squadra non ha più la forza per supportarlo.

Ozil 6 – Parte subito forte, facendo tremare il pubblico del Camp Nou con una conclusione da fuori area che sfiora il palo. Molto attivo nei primi quarantacinque minuti, si estranea dal gioco con il trascorrere del match.

Sanchez 6 – Si danna l’anima per fare bella figura nel suo vecchio stadio. Ha tanta voglia di fare e con i suoi strappi mette di frequente in difficoltà la retroguardia avversaria. Alla fine, tuttavia, risulta poco concreto sotto porta. All’80esimo trova una meravigliosa parabola su punizione, ma ter Stegen dimostra di essere da Barcellona.

Welbeck 6 – E’ un pericolo costante per la difesa catalana per quasi un’ora di gioco. Lotta, dribbla e crea spazio per i compagni che si inseriscono. Come per Sanchez, gli manca soltanto la freddezza del bomber. E non è poco. Dal 73’ Walcott 5,5 – Un paio di accelerazioni ed un tiro bloccato abilmente da ter Stegen. Ci prova, insomma, ma senza troppa convizione.

All. Wenger 6 – Rinuncia inizialmente a Giroud, puntando su Welbeck come terminale offensivo di un 4-2-3-1. La prestazione della squadra gli dà ragione, anche perchè i Gunners mettono costantemente in difficoltà i campioni d’Europa e del Mondo, uscendo così dalla sfida del Camp Nou a testa alta.  

 

Arbitro Karasev (RUS) 6 – Al secondo minuto sbaglia nell’assegnare un calcio d’angolo a favore dei Gunners, per un tocco inesistente di Mathieu su un tiro di Welbeck. Poi, è tardiva la chiamata dell’assistente su un fuorigioco solare di Luis Suarez. Al 34esimo l’Arsenal chiede un rigore per un presunto fallo di Mascherano su Iwobi: in realtà l’esterno dei Gunners inciampa sul proprio piede. Secondo tempo più tranquillo e senza particolari episodi. Nel complesso direzione positiva.

 

TABELLINO

BARCELLONA-ARSENAL 3-1

Barcellona (4-3-3): Ter Stegen; Dani Alves, Mascherano, Mathieu, Jordi Alba; Rakitic (dal 77’ Arda Turan), Busquets, Iniesta (dal 72’ Sergi Roberto); Messi, Suarez, Neymar. A disp.: Bravo, Bartra, Munir, Aleix Vidal, Vermaelen. All. Luis Enrique.

Arsenal (4-2-3-1): Ospina; Bellerin, Gabriel, Koscielny, Monreal; Flamini (dal 44’ Coquelin), Elneny; Iwobi (dal 73’ Giroud), Özil, Sanchez; Welbeck (dal 73’ Walcott). A disp.: Macey, Gibbs, Mertesacker, Campbell. All.: Arsene Wenger.

Arbitro: Sergei Karasev (RUS)

Marcatori: 18’ Neymar (B), 51’ Elneny (A), 65’ Suarez (B), 88’ Messi (B)

Ammoniti: 32’ Flamini (A), 35’ Gabriel (A), 49’ Sanchez (A), 79’ Arda Turan (B), 85’ Giroud (A)

Espulso:




Commenta con Facebook