• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > > Barcellona, Dani Alves: "Un giorno vorrei giocare in Premier"

Barcellona, Dani Alves: "Un giorno vorrei giocare in Premier"

Il terzino brasiliano ha concesso una lunga intervista in Inghilterra


Dani Alves ©Getty Images

14/03/2016 17:14

CALCIOMERCATO BARCELLONA DANI ALVES SOGNO PREMIER / LONDRA (Inghilterra) - "Chi è stato il miglior terzino del mondo? Cafù". Si apre così la lunga intervista che Dani Alves ha concesso a ‘The Guardian’ dove ha cercato di ricordare anche quanto è vasto il suo palmares personale: "Quanti trofei ho vinto? Venti…ehm, no una trentina!". Può sembrare un'esagerazione, ma facendo i conti ci si accorge che è la pura verità. Trentadue per la precisione, conquistati tra Sudamerica e Europa, senza considerare poi i premi individuali. 

Qualcuno può recriminare sul fatto che vincere tanti trofei col Barcellona è ‘facile’: "Sì, forse è vero - ha ammesso - Quello che è difficile è riuscire ad avere una lunga storia in azulgrana". E nessuno meglio di lui può saperlo, visto che ogni anno viene dato per partente e puntualmente rimane uno dei perni portanti dell’undici catalano. "Io sono il secondo straniero per numero di presenze con la maglia del Barcellona - ha puntualizzato - sopra di me c’è solo Messi. Se sono riuscito a centrare un traguardo del genere non posso avere solamente difetti, no?". 

Ma Dani Alves ha svelato anche quello che è sempre stato un suo sogno nel cassetto: "Mi piacerebbe giocare in Inghilterra, non so quando ma vorrei sperimentare di persona quello che ora vedo solo dal divano. Il tifo è incredibile: quando batti un calcio d’angolo senti un boato come se avessi fatti un gol. Ma anche come vivono il calcio…è incredibile: stadi pieni con tifosi che vivono ogni singolo momento del match. Guardiola mi ha già chiamato? (Ride, ndr) No, e non credo che lo farà”. 

D.G.




Commenta con Facebook