• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Milan > Milan, Albertini: "Montolivo deve diventare leader. Ecco su chi si deve puntare il prossimo anno"

Milan, Albertini: "Montolivo deve diventare leader. Ecco su chi si deve puntare il prossimo anno"

L'ex centrocampista rossonero ha parlato anche di Juventus, Napoli e Roma


Demetrio Albertini © Getty Images

14/03/2016 14:59

ITALIA ALBERTINI CONTE MILAN / MILANO - Intervenuto ai microfoni di 'Radio 24', Demetrio Albertini, ex centrocampista del Milan, ha avuto modo di commentare il momento che stanno vivendo i ragazzi di Mihajlovic: "Ricordo con orgoglio le 58 partite col Milan senza perdere - ha esordito Alberini - Mi sorprendono questi ultimi risultati dei rossoneri. Mi lasciano perplesso le parole di Abbiati e Abate dopo partita: credo che le parole dei due senatori siano riferite a qualche giocatore che non ha ancora capito che maglia indossa.

La cosa importante è poter costruire: nel Milan è stato intrapreso un percorso e spesi tanti soldi. Confusione genera confusione. Negli ultimi anni sono sempre arrivati parametri zero. Quest'anno si è speso e investito nel mercato: Bacca, Romagnoli, Bertolacci sono uomini da tenere e dai quali ripartire. Dipende che cosa vuoi costruire. E credo che Montolivo sia un giocatore che debba prendere in mano la squadra anche fuori dal campo".

L'ex vicepresidente della Figc si è poi soffermato sulle prime tre formazioni del nostro campionato: "La Juventus è una squadra costruita con grande programmazione: ha una linea grandiosa e sinergia con società e tifosi. Da osservatore esterno dico che i bianconeri hanno fatto un percorso importante. Pirlo unico giocatore insostituibile. Il Napoli ha superato quel difficile momento dove perse con la Juve. Mi son piaciute le parole di Sarri dopo il Palermo. Ricordo, poi, un buonissimo inizio di stagione della Roma, non saprei dove potrebbe essere con Spalletti dall'inizio". 

D.G.




Commenta con Facebook