• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Pagelle > PAGELLE E TABELLINO DI FIORENTINA-VERONA

PAGELLE E TABELLINO DI FIORENTINA-VERONA

Zarate segna, Babacar delude. Rebic non si ferma mai, Greco è impreciso


Tello ed Helander © Getty Images
Lorenzo Bettoni @lorebetto

13/03/2016 17:08

ECCO LE PAGELLE DI FIORENTINA-VERONA:

 

FIORENTINA

Tătărușanu 6,5 - Seriamente impegnato soltanto da Toni. Risponde presente.

Tomović s.v. - Messo KO da un contrasto con l’ex Rebic, la sua gara dura appena 180 secondi. Dal 6’ Roncaglia 5,5 – Soliti errori in fase di appoggio, si perde nei blocchi del Verona e Pisano pareggia.

Astori 5 – Irriconoscibile, sempre in difficoltà sia in marcatura che in uscita. Rischia di causare un rigore su Rebic nella ripresa.

Marcos Alonso 5,5 - Riproposto centrale di sinistra in una difesa a tre, fa valere velocità e fisico su Wszołek che agisce da quella parte. Anche lui però dovrebbe gestire meglio le marcature su palla da fermo.

Pasqual 5,5 - Concede poco a Wszołek, pur non azzeccando, stranamente, un cross. Potrebbe fare di meglio su alcune ripartenze.

Tino Costa 5 - Il gol di Zarate parte da una sua iniziativa in tandem con Mati. Altre volte però si addormenta con la palla tra i piedi lasciando il fianco scoperto a qualche ripartenza. Sbaglia pure tanti passaggi elementari. Impreciso. Dal 56’ Bernardeschi 5,5 – Entra bene, ma si incaponisce troppo con giocate individuali.

Mati Fernández 6 - L’azione del vantaggio parte dai suoi piedi. Si fa in quattro per dare una mano alla mediana.

Tello 6 - I raddoppi di Rebic sono efficaci fino al 40’, quando Tello mette dentro l’area un assist al bacio per il vantaggio di Zarate. Non sempre fluido nell’uno contro uno, ma è tra i pochi che prova a inventare qualcosa di diverso.

Zárate 6,5 - Porta in vantaggio i viola con il suo secondo gol in campionato. Tocca tantissimi palloni e ovviamente cerca sempre la giocata palla al piede. A volte la trova altre no. Per lui vale lo stesso discorso di Tello. Migliore per esclusione.

Borja Valero 5,5 - Il vero jolly di Sousa è lui. Parte dietro a Babacar, ma si allarga o viene dentro al campo a seconda delle esigenze. Si sposta al centro del campo con l’ingresso di Berna e perde qualche palla ingenua.

Babacar 4,5 – Sousa lo rilancia titolare e lui dovrebbe voler spaccare il mondo. L’indolenza invece la fa da padrona, si limita a giocare spalle alla porta e non rincorre mai l’avversario quando perde il pallone. Tenta un pallonetto senza senso invece di cercare compagni al centro. A quel punto anche Sousa smette di crederci e lo toglie pochi minuti dopo. La sua uscita è salutata da qualche fischio. Dal 75’ Kalinic 6  - Fa più lui in 20’ che Babacar in 75. Gollini gli nega il gol a tempo scaduto dopo una girata da top player.

All. Paulo Sousa 5,5 – Si sgola per tenere sulla corda i suoi che però oggi dormono. Il pari contro l’ultima in classifica fa scappare la Roma a +5 e permette l’Inter di riagganciare i Viola. Ci mette del suo, però, preferendo Babacar a Kalinic e anche Astori senza Gonzalo fa tutta un’altra figura.

 

VERONA

Gollini 6,5 - Incolpevole sulla rasoiata di Zarate, è a dir poco miracoloso sulla girata a tempo scaduto di Kalinic che certifica il pareggio.

Pisano 6,5 - Mette dentro di testa la sua quarta rete in campionato, fa sempre buona guardia sulle discese di un impreciso Pasqual.

Bianchetti 6 - Babacar gioca quasi da fermo e questo gli facilita molto la vita. Svirgola un pallone rischioso al novantesimo.

Helander 6 - Al 13’ si inceppa sul pallone, rimedia fermando Tello con un fallo che gli costa il cartellino. Con il resto della difesa si schiaccia troppo in occasione del vantaggio viola.

Fares 6 - Stringe soltanto una volta, abbastanza per permettere a Tello di mettere dentro la palla dell’1-0. Per il resto della gara non si fa saltare praticamente quasi mai.

Wszołek 5,5 - Fatica a superare Marcos Alonso da quella parte, ma si danna l’anima per farsi tutta la fascia su e giù. Dal 72’ Pazzini 5,5 – Una ventina di minuti a disposizione, ma non si vede praticamente mai

Ioniță 6 - Gioca in quello che il prossimo anno potrebbe essere il suo stadio. Quasi mai nel vivo del gioco nei primi 45 minuti, ci prova debolmente dalla distanza nella ripresa, da li in poi alza un po’ i giri.

Marrone 6 - Perno basso del muscoloso centrocampo messo in campo da Delneri. Testa i riflessi di Tatarusanu nella ripresa su calcio di punizione, recupera qualche pallone prezioso. Dal 78’ Emanuelson 6 - Suo il cross che regala il pari agli uomini di Delneri

Greco 5,5 - La prima timida risposta al vantaggio viola è una sua punizione dal limite che termina altissima. La vera occasione però arriva poco dopo, ma l’ex Roma gestisce malissimo una ripartenza importante. Dinamico, ma determina poco. Dal 60’ Siligardi 6,5 – Attivo, mette a nudo alcune carenze difensive dei viola e sfiora la rete del vantaggio.

Rebić 6,5 - Gara dell’ex di grande sacrificio. Aiuta sempre Fares in raddoppio su Tello, nonostante questo la gamba non latita quando c’è da spingere in avanti. Ara l’out di sinistra come un trattore. Poco tecnico ma costante.

Toni 6 - Si vede che non vuole retrocedere in quella che forse è la sua ultima stagione da calciatore. Quasi un allenatore in campo per come parla e riprende i compagni sfiora il gol nella ripresa dopo stop e girata in area.

All. Delneri 6,5 – Il Verona deve ancora crederci anche se sarà quasi impossibile. Gioca alla pari con la Viola e conquista meritatamente il pareggio.

 

Arbitro: Claudio Gavillucci 5,5 – Unico dubbio un contatto in area Astori-Rebic. Il difensore Viola si fa anticipare dal suo ex compagno e lo colpisce con una scarpata al volto. Poteva starci il penalty.

 

TABELLINO

FIORENTINA-VERONA 1-1

Fiorentina (3-4-2-1): Tătărușanu; Tomović (dal 6’ Roncaglia), Astori, Marcos Alonso; Pasqual, Tino Costa (dal 56’ Bernardeschi), Mati Fernández, Tello; Zárate, Borja Valero; Babacar (dal 75’ Kalinić). A disp: Lezzerini, Satalino, Rodriguez, Kuba, Kone, Iličič. All.: Sousa.

Verona (4-5-1): Gollini; Pisano, Bianchetti, Helander, Fares; Wszołek (dal 72’ Pazzini), Ioniță, Marrone (dal 78’ Emanuelson), Greco (dal 60’ Siligardi), Rebić; Toni. A disp: Coppola, Marcone, Samir, Albertazzi, Gilberto, Furman, Janković. All.: Delneri.

Arbitro: Gavillucci di Latina

Marcatori: 40’ Zarate (F), 87' Pisano (V)

Ammoniti: 13’ Helander (V), 48’ Astori (F), 88’ Mati Fernandez (F)

Espulsi:




Commenta con Facebook