• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > I Craque del momento > I CRAQUE DEL MOMENTO - Lione, Cornet: la perla nera che ha mandato ko il Psg

I CRAQUE DEL MOMENTO - Lione, Cornet: la perla nera che ha mandato ko il Psg

Il 19enne attaccante franco-ivoriano protagonista nelle ultime uscite


Maxwel Cornet ©Getty Images
Bruno De Santis (@Bruno_De_Santis)

07/03/2016 16:04

I CRAQUE DEL MOMENTO LIONE CORNET / LIONE (Francia) - C'è un nome da tenere bene a mente nel panorama calcistico europeo: Maxwel Cornet, 19enne attaccante francese di origini ivoriane, è segnalato come un possibile craque. Le premesse per diventare un campione non mancano: il talento del Lione ha tecnica, velocità e personalità per imporsi nonostante la giovane età. A dimostrarlo i tre gol nelle ultime quattro partite in campionato, un bottino che vanno ad arricchire statistiche che quest'anno comprendono anche di un gol nella fase a gironi di Champions League e tre in coppa di Francia. 

PSG CASTIGATO - Insomma il talento c'è e se ne è accorto a proprie spese anche il Paris Saint-Germain: proprio un gol di Cornet ha aperto la sfida che ha visto trionfare 2-1 il Lione contro la formazione di Blanc. Una rete che non è rimasta un episodio isolato: nelle ultime tre settimane i gol messi a segno dal 19enne sono ben tre, un ruolino di marcia niente male per un ragazzo destinato a diventare un titolare inamovibile del Lione. 

NOME MERCATO - Un exploit che, se dovesse continuare, attirerà inevitabilmente le attenzione dei grandi club d'Europa: il Lione è società abituata a crescere i propri gioielli e poi lasciarli partire davanti a offerte importanti. La stessa strategia sarà adottata con Cornet: il prossimo anno il franco-ivoriano scuola Metz potrebbe essere quello della definitiva consacrazione ed allora non saranno poche le squadre che proveranno a bussare alla porta di Aulas




Commenta con Facebook