• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Il punto di CM.IT > IL PUNTO DI CM.IT - Serie A, è ancora tutto aperto: Scudetto, Europa e lotta salvezza

IL PUNTO DI CM.IT - Serie A, è ancora tutto aperto: Scudetto, Europa e lotta salvezza

Il campionato più avvincente di questi ultimi anni vede ancora tante squadre lottare per tanti traguardi


Spalletti © Getty Images
Antonio Papa (@antoniopapapapa)

07/03/2016 12:03

PUNTO CM.IT SERIE A SCUDETTO EUROPA SALVEZZA / NAPOLI - Forse non sarà più il campionato più bello del mondo, ma guai a dire che è brutto o, peggio, che non è avvincente. Sono finiti i tempi della Juve-cannibale e delle lotte Champions ridotte sempre alle solite due o tre. Mai come quest'anno è tutto - ma proprio tutto - aperto e si rischia di arrivare in apnea fino all'ultima partita. Che splendida corsa!

LOTTA SCUDETTO: PASSO A DUE O PASSO A TRE? - Diciamolo senza girarci troppo intorno: la Roma un po' ci spera. E' maledettamente difficile, anche perché dovrebbero schiantarsi in due, non solo il Napoli e non solo la Juve, ma Spalletti e i suoi la fiammella non l'hanno ancora spenta. Il filotto è incoraggiante, il gioco espresso ancora di più. Se non al primo, ormai è diventato un obbligo puntare almeno al secondo posto, continuando ad incamerare punti; poi si vedrà. Intanto il Napoli ha ripreso a macinare gioco e risultati, la risposta a chi parlava di mini-crisi è arrivata forte e chiara col 3-1 al Chievo. Ha avuto ragione Sarri: la squadra è ancora in quota e può tirare fino alla fine, specie col calendario agevole da qui a Pasqua. La Juventus è nel mirino, anche se corre talmente veloce che beccarla sarà difficile. Allegri ha un ventaglio di soluzioni da far paura, lo dimostra il gran gol di Lemina, parecchio indietro nelle gerarchie, per tramortire un'Atalanta che si faceva pericolosa. Del resto, il Napoli può sperare solo se i bianconeri lasciano qualcosa per strada. Vi sembra facile? Provateci voi a togliergli un punticino...

EUROPA ROVENTE: L'INTER SPERA, C'E' ANCHE IL SASSUOLO - In questo momento l'Inter è nella stessa situazione della Roma, proiettata però alla lotta per il terzo posto. Le distanze sono anche più ridotte (la Roma è solo a +5), ma anche in questo caso dovrebbero mollare in due e i nerazzurri dovrebbero infilare una serie positiva mica da ridere. Il 3-1 al Palermo fa sorridere, la 'cura-Juve' sembra aver restituito verve a Mancini e ai suoi, ma per raddrizzare la situazione serve che vadano insieme un po' di tasselli. La Fiorentina, intanto. La pesante sconfitta di Roma ridimensiona-ma-non-troppo le aspirazioni Champions di Paulo Sousa, che pure deve fare i conti con una squadra stanca e con qualche defezione di troppo. Gli accertamenti in merito alle condizioni di Borja Valero e Vecino la diranno più lunga sulle possibilità dei viola di agguantare il terzo posto. Resta sempre l'Europa League, dove inizia ad affacciarsi un Sassuolo che ora ci crede davvero, parola di Di Francesco. Del resto il successo col Milan significa -3 dal sesto posto e sulle ali dell'entusiasmo sognare non è proibito. Bisogna capire come stanno Cannavaro e Missiroli, due autentiche colonne nell'undici neroverde. Senza loro due e senza Defrel squalificato, affrontare la Juve sarà una bella impresa.

SI INFIAMMA ANCHE LA SALVEZZA: IL FROSINONE CI CREDE - Ebbene sì, Stellone ci crede eccome. Battere l'Udinese in quello che era di fatto uno scontro diretto per la salvezza significa riaprire il campionato anche per le posizioni di coda. Ciofani e Blanchard, due nomi non proprio di grido, il loro urlo lo fanno sentire dalla Ciociaria fino all'estremo Sud e fino al Nord più Nord. Ora i punti dei gialli sono 26, il Palermo è a 27 e sembra essere finito in un tunnel senza uscita. Più avanti tremano in tante, a partire proprio dall'Udinese di Colantuono. Rischia di crearsi una gran bagarre che tira dentro anche l'Atalanta, il Genoa, la Samp e perfino il Torino, che a + 7 sembra tranquillo ma non si sa mai. Forse solo il Verona è davvero spacciato, mentre il Carpi una piccola possibilità ce l'ha. Castori e i suoi, punticino-punticino, si tengono ancora a galla, il Palermo è avanti cinque lunghezze. E' dura, ma bisogna provarci. Come la Roma, come l'Inter, come il Sassuolo e come tutte le altre ancora coinvolte in qualche obiettivo sensibile. Crederci è difficile, ma non impossibile. Chiedete a Spalletti, che vuole giocarsela pure col Real...




Commenta con Facebook