• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Milan > Sassuolo-Milan, Galliani: "Puntiamo ai 30 trofei. Mihajlovic? Un po' spigoloso..."

Sassuolo-Milan, Galliani: "Puntiamo ai 30 trofei. Mihajlovic? Un po' spigoloso..."

Il commento dell'amministratore delegato rossonero prima della sfida


Adriano Galliani ©Getty Images

06/03/2016 14:44

SERIE A SASSUOLO MILAN GALLIANI / SASSUOLO - Quest'oggi si sfideranno Sassuolo e Milan per la 28a giornata di serie A. Ecco il commento dell'amministratore delegato rossonero, Galliani: "Proveremo la rincorsa, forti degli ultimi risultati. - ha dichiarato a 'Premium Sport' - Siamo felici della finale di Coppa Italia. Torniamo a giocarci un trofeo. Se vinci la Coppa Italia puoi anche giocarti la Supercoppa e il mio sogno, per i 30 anni di Berlusconi, è di raggiungere i 30 trofei proprio quest'anno.

ATTACCANTI - "Ne abbiamo cinque fortissimi, purtroppo due sono indisponibili, Niang e Adriano. Ne restano tre e uno va in panchina. Scelta logica. Credo si alterneranno con Bacca, Balotelli e Menez, che non hanno i 90'"

ALLEGRI - "Non posso parlare di lui (ride ndr). E' il tecnico della Juventus e gli voglio molto bene. Non entro in campi minati".

DI FRANCESCO - "Fa giocare molto bene la sua squadra. E' un tecnico che insegna calcio ai propri giocatori".

MIHAJLOVIC - "Si sta integrando. Forse un po' 'spigoloso' all'inizio ma l'abbiamo piallato un po' (ride ndr)".

GIOVANI - "La gestione è molto più difficile rispetto a 30 anni fa. E' cambiata la società, dunque il calcio, le persone e il loro comportamento. Tutto era molto diverso e non c'era tanta comunicazione. Oggi tutti hanno una macchina fotografica nel cellulare e un secondo dopo uno scatto è in rete. Ho sentito certe cose di calciatori nei confronti dei tecnici, anche peggiori rispetto a oggi. Soltanto che non si conoscevano".

L.I.




Commenta con Facebook