• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Inter > Inter-Juventus, Moratti: "Contro di loro si esce facendosi male e non lamentandosi"

Inter-Juventus, Moratti: "Contro di loro si esce facendosi male e non lamentandosi"

L'ex patron: "In questi casi l'unica cosa sia rinforzarsi nell'umiltà: è un fatto di testa, di orgoglio, di passione"


Massimo Moratti ©Getty Images
Marco Di Federico

02/03/2016 09:10

NEWS INTER MANCINI MORATTI THOHIR / MILANO - Non sono certo positive le news Inter di questa prima parte di 2016. La squadra in campionato stenta e, dopo essere stata a lungo in testa alla classifica, adesso rischia seriamente di perdere anche il terzo posto dopo la sconfitta di Torino contro la Juventus. Proprio i campioni d'Italia saranno ancora avversari dei nerazzurri questa sera, nella semifinale di ritorno della Coppa Italia, dove si parte dal 3-0 bianconero dell'andata. Della sfida di oggi e di molto altro ha parlato l'ex presidente nerazzurro ed ora azionista di minoranza Massimo Moratti.

JUVENTUS - "È certamente un po' fastidioso ritrovarla adesso, a meno che non vinciamo 5-0 non ha un granché senso, anche se hai solo da guadagnarci. Quindi diciamo che ai tifosi conviene andare allo stadio. - le sue parole riportate dalla 'Gazzetta dello Sport' - La Juve è forte, e soprattutto di carattere: quello che ci si aspetta dall'Inter in certe partite, la Juve lo esprime sempre".

MANCINI - "È l'uomo giusto per l'Inter, se acquisisce un po' di serenità la situazione può migliorare, anche se le gare che arrivano una dietro l'altra magari non ti danno il tempo né la serenità se finiscono male... Ma se domenica già riusciamo a superare il Palermo è già qualcosa, può servire a prendere quel tanto di respiro per ricominciare. Una situazione così involuta non mi è mai capitata, poi con una persona esperta e capace come Mancini... Ogni storia ha le se sue motivazioni, credo che in questi casi l'unica cosa sia rinforzarsi nell'umiltà: è un fatto di testa, di orgoglio, di passione".

SCONFITTA A TORINO - "Non so se è un fatto tattico, magari si tira poco in porta però da una partita come quella contro la Juve si esce con qualche botta, facendosi male e non solo lamentandosi: se uno ha giocato sul serio contro la Juve qualche ammaccatura sul fisico ce l'ha. Invece la partita è stata abbandonata a un certo punto. Non c'è reazione, o almeno mi sembra. La cosa mi sembra strana anche perché Mancini ha le qualità per mettersi in condizione di superare il problema".

LEADER - "Sì, manca. Poi certi soloni dicono Pirlo, Pirlo, Pirlo: ma non è facile trovarne uno così sul calciomercato".




Commenta con Facebook