• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Inter > Juventus-Inter, Mancini: "E' presto per la Nazionale. Non sono solo. Thohir..."

Juventus-Inter, Mancini: "E' presto per la Nazionale. Non sono solo. Thohir..."

Ecco le parole del tecnico nerazzurro alla vigilia della sfida


Roberto Mancini ©Getty Images

27/02/2016 14:55

SERIE A 27A GIORNATA JUVENTUS INTER CONFERENZA MANCINI / MILANO - Domani sera, alle ore 20.45, andrà in scena Juventus-Inter. Una sfida delicata, con i bianconeri che intendono confermarsi in vetta e l'Inter a caccia di punti per la corsa Champions. Calciomercato.it vi offre le parole del tecnico nerazzurro Mancini, che ha commentato le ultime news Inter: "Ronaldo metteva a sedere tre difensori con una finta, per me sono un po' troppi (ride ndr) - ha dichiarato a 'Inter Channel' - Sia loro che noi abbiamo voglia di vittoria. Domani sarà una gara dura su un campo pesante".

THOHIR - "E' normale per un presidente essere vicino alla squadra. Voleva parlare un po' con i giocatori. Non credo dovesse rassicurare nessuno e non lo ha fatto. Si è parlato degli obiettivi noti a breve e lungo termine".

GARA DECISIVA - "Non può esserlo perché mancano ancora tante gare e molti punti. Noi abbiamo perso quando non meritavamo. E' chiaro si voglia recuperare quanto sprecato. Sarà una gara difficile per entrambe".

ATTEGGIAMENTO BAYERN - "Non prendiamo il Bayern come esempio. Era una gara diversa. Credo l'Inter possa fare un'ottima partita. Abbiamo giocato bene anche in Coppa Italia contro di loro, poi però abbiamo perso".

ATTEGGIAMENTO - "Dovrà essere quello offensivo che la squadra ha, anche se in Coppa Italia contro la Juventus è venuto un po' a mancare. Servirà coesione tra i reparti. La Juventus meritava di vincere ma il risultato non ci sta".

SOCIETA' - "Io non sono solo. Ho l'aiuto della società. Se uno sceglie di fare l'allenatore sa bene d'essere 'circondato' soltanto quando si vince. Per ricostruire quanto fatto in passato con l'Inter, servirà del tempo".

BONUCCI - "Credo volesse semplicemente dire che intendono batterci, così come vogliamo fare anche noi. All'andata facemmo una buona gara. E' stato un match equilibrato. La Juventus però aveva già delle qualità. Sapevamo sarebbe rientrata".

LJAJIC - "In questo momento è un giocatore molto offensivo. Per qualità potrebbe ricoprire il ruolo di Pirlo al Milan ma servirebbe tempo per realizzare un lavoro del genere".

NAZIONALE - "Sto bene qui e non è un mio pensiero in questo momento. Sono concentrato sull'Inter. Ora mi sembra un po' presto per discorsi del genere. Magari in futuro".

PROGETTO - "E' necessario lavorare su un gruppo di giocatori, migliorandolo in fase di mercato, magari con un calciatore che possa fare la differenza".

ALLEGRI - "Ci siamo incontrati da giocatori, anche se non molte volte. Tra Inter e Juventus è sempre una bella gara. Non ne ricordo una in particolare".

RIDURRE IL GAP - "La Juventus è la più forte del campionato. Viene da tanti campionati vinti. Credo l'Inter sia migliorata tanto. Non siamo così distanti dai bianconeri, anche se hanno fatto una sfilza di vottorie incredibile. Arriveremo a quel livello in poco tempo".

OBIETTIVO - "Non dovremo prendere gol, restando compatti e provando a spingere".

CHAMPIONS LEAGUE - "Credo il 2-2 in casa si un ottimo risultato. Il Bayern mette in difficoltà chiunque. Non è qualcosa successo soltanto alla Juventus, che poi ha trovato il gol e ha rischiato di vincerla. Ci sono squadre che hanno un potenziale economico enorme per poter prendere chiunque, mettendo in difficoltà altre squadre forti".

RANOCCHIA - "Non so a cosa si riferisca ma non credo parlasse della squadra".

GIOCATORE JUVENTUS - "I bianconeri hanno 4-5 giocatori giovani e molto forti. Non credo però vendano qualcuno all'Inter".

TATTICA - "Non cambia molto. La Juventus ha il suo tipo di gioco e magari potrebbero spostare un giocatore o due. Lo schieramente dell'Inter non dipenderà da loro".

DYBALA - "Ci abbiamo provato. Di certo diventerà un grandissimo calciatore ma ne arriveranno altri".

HERNANES - "Mi fa piacere giochi. Abbiamo avuto un ottimo rapporto".

CALO FISICO - "In gare come quelle contro il Bayern si fa uno sforzo enorme per un risultato positivo e magari si potrebbe pagare la fatica. A volte però sei così galvanizzato da non sentire lo sforzo".

CHAMPIONS - "Credo per la lotta stia messo meglio l'Inter (ride ndr). Ovvio che Fiorentina e Roma sono avanti in questo momento. Nelle prossime gare si potrà capire cosa accadrà. Il Milan ad esempio potrebbe rientrare".




Commenta con Facebook