• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Napoli > Napoli, doppia sconfitta, zero gol: Sarri corre ai ripari per scacciare la 'mini-crisi'

Napoli, doppia sconfitta, zero gol: Sarri corre ai ripari per scacciare la 'mini-crisi'

Il partenopei non avevano mai perso due gare di fila. E l'attacco sembra essersi inceppato


Maurizio Sarri ©Getty Images
Daniele Gargiulo

19/02/2016 12:05

NAPOLI SCONFITTE JUVENTUS VILLARREAL CRISI / ROMA - Dopo la sconfitta contro la Juventus, il Napoli cade anche contro il Villarreal facendo aprire la prima 'mini-crisi' della stagione. Gli azzurri fin qui non avevano mai perso due gare consecutive e, soprattutto, non avevano mai chiuso due match senza siglare nemmeno un gol. Un dato che non può certamente passare inosservato visto che si sta parlando del miglior attacco sia della Serie A che dell'Europa League, dove era reduce da sei vittorie consecutive. Di fatto, l'ultimo gol realizzato su azione dalla banda di Sarri è quello messo a segno da Callejon contro la Lazio lo scorso 3 febbraio. 

CALO - "Da dove derivano i problemi offensivi delle ultime gare? La squadra ha sbagliato solo l’ultima scelta in fase offensiva, siamo stati in più occasioni in grado di fare male potenzialmente all’avversario. In questa fase non ci girano bene alcuni episodi", la disamina di mister Sarri al termine della gara del 'Madrigal'. Il tridente Mertens-Gabbiadini-Callejon non ha funzionato, con l'italiano - sempre al centro dei rumors di calciomercato - che non ha sfruttato l'occasione per rilanciarsi. Il tecnico azzurro, però, ha voluto puntare il dito contro l'arbitraggio dell'olandese Nijhuis: "La direzione di gara che mi è sembrata davvero scadente”. Torti a parte, le news Napoli parlano di calo sia sotto il piano offensivo che su quello difensivo, con gli ultimi gol che sono arrivati sempre negli ultimi minuti. 

PROBLEMA FISICO? - Che dietro questa flessione ci sia una problematica fisica? L'arrivo di Sarri a Castelvolturno ha portato alcune modifiche nelle abitudini di lavoro, con l'inserimento di molte doppie sedute che hanno permesso agli azzurri di realizzare una partenza a razzo (dopo una prima fase di assestamento). Ora il rischio più grande sarebbe togliere il piede dall'acceleratore proprio nel pieno della stagione. Ma, almeno sotto questo punto di vista, i tifosi partenopei dovrebbero dormire sogni tranquilli: tutte le squadre di Sarri hanno sempre fatto registrare un'ottima media-punti nei mesi a cavallo tra l'inverno e la primavera (febbraio-marzo-aprile).  

SOLUZIONI - L'imperativo delle prossime ore è quello di tornare a correre, sfruttando il calore del proprio pubblico dopo due trasferte di fila, e battere un Milan lanciatissimo. Tre punti che sarebbero fondamentali per tappare subito le crepe di una crisi che al momento sembra essere un puntino lontano all'orizzonte, ma che potrebbe avvicinarsi repentinamente. Da momenti del genere se ne esce affidandosi ai propri uomini di fiducia: dopo il massiccio turnover contro il Villarreal, contro i rossoneri Sarri tornerà a schierare la sua formazione tipo. Spazio, quindi, al 'ministro della difesa' Albiol, alla cerniera di metà campo Allan-Jorginho, cervello e anima di questa squadra, ma soprattutto alla coppia Insigne-Higuain, i due grandi 'mattatori'. Solo con loro il Napoli può sperare di 'tornare al passato' e tornare ad essere quella macchina da gol che ha stupito tutti. 




Commenta con Facebook