• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Juventus > Champions League: Juventus, dal Dortmund al Bayern. Ecco cosa è cambiato

Champions League: Juventus, dal Dortmund al Bayern. Ecco cosa è cambiato

A un anno di distanza Allegri e i suoi confermano i propri standard


Massimiliano Allegri © Getty Images
Luca Incoronato (@_n3ssuno_)

18/02/2016 15:26

JUVENTUS CHAMPIONS LEAGUE BAYERN MONACO SERIE A NAPOLI ROMA / TORINO - Tante le differenze tra la Juventus dello scorso anno e quella della stagione in corso. Un cambio di uomini nello spogliatoio che ha richiesto un necessario tempo d'adattamento. Qualcuno, come sottolineato da Buffon, ha dovuto capire in fretta cosa significasse indossare una maglia pesante come quella bianconera. In campionato la risalita verso la vetta è stata dura, lenta ma costante. Una volta inserite al meglio le nuove pedine di Allegri, è apparso chiaro come il gruppo potesse sfruttare a proprio vantaggio l'arma in più del club torinese, la mentalità vincente. 

Nonostante fosse stata appellata da molti come 'stagione transitoria', la Juventus ha saputo dare risposte convincenti in campo europeo, arrivando nuovamente agli ottavi di finale, dove incontrerà il Bayern Monaco

Anche lo scorso anno si ritrovò a fronteggiare una tedesca in questa fase del torneo, il Borussia Dortmund, con alle spalle tutt'altra situazione in campionato. Con la vittoria del 20 febbraio contro l'Atalanta e lo stop della Roma, i bianconeri portarono a 9 il proprio vantaggio sulla seconda, con 50 reti segnate e 13 subite. 

Discorso differente quest'anno, contro un Bayern temibile ma non privo di problematiche interne. La Juventus però non potrebbe arrivare a questa sfida in un momento migliore. Il gol di Zaza nell'ultima di campionato contro il Napoli ha galvanizzato il gruppo di Allegri, ora primo a più 1 sugli azzurri. Nonostante la partenza ad handicap, le reti siglate sono 46 e quelle subite 15, per una Juventus che mantiene i propri standard e, tra serie A ed Europa, non intende più fermarsi.




Commenta con Facebook