• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Pagelle > PAGELLE E TABELLINO DI GENT-WOLFSBURG

PAGELLE E TABELLINO DI GENT-WOLFSBURG

Draxler fa quello che vuole, Kruse mette il sigillo. Kums sveglia tardi il Gent


i festeggiamenti del Wolfsburg © Getty Images
Davide Ritacco

17/02/2016 22:40

ECCO LE PAGELLE DI GENT-WOLFSBURG

 

GENT

Sels 5 – Subisce tre reti ma sarebbero potute essere di più se il palo non lo avesse aiutato e se lui non si fosse disimpegnato su un paio di tiri.

Nelsen 5 – Dalla sua parte, anche per colpa di Foket, il Wolfsburg entra con piacere. Sul primo gol sbaglia tutti i movimenti allargando la difesa come il mar Rosso.

Mitrovic 4,5 – Rischia l’autorete al 25’ deviando però bene un cross pericoloso di Kruse. Si fa superare con un tunnel in occasione del secondo gol di Draxler.

Asare 5,5 – Il meno peggio dei tre difensori di Vanhaezebrouck nonostante la palese inesperienza riesce a contenere le controffensive tedesche.  

Foket 4,5 – La prima grande occasione arriva sui suoi piedi ma calcia malissimo spedendo il pallone alle stelle. Completa una pessima serata facendosi scherzare da Draxler in occasione dell’azione che porta al gol il tedesco.  

Neto 4,5 – L’erroraccio che porta al secondo gol di Draxler dice tutto della sua partita. Il brasiliano dovrebbe essere il fulcro del centrocampo e del gioco del Gent ma è spesso fuori dal gioco e intimidito.

Kums 6,5 – E’ lo schermo difensivo più efficace del Gent in una gara molto intensa e sollecitata in fase difensiva. Da buon capitano è l’ultimo ad abbandonare la nave segnando il gol della speranza.   

Dejaegere 5,5 – Si vede poco anche se prova ad inserirsi negli spazi ma i difensori del Wolfsburg sembrano giganti nei suoi confronti.  

Milicevic 5 – Uno dei talenti più puri dei belgi sente la pressione e il peso della partita. E’ praticamente invisibile. Dal 61’ Saief 6,5 – Riesce a dare la giusta scossa ad una partita che si stava mettendo troppo male.   

Depoitre 5,5 – Tiene da solo tutto il fronte offensivo svariando a destra e sinistra, lottando e proteggendo ogni pallone. Ciò però comporta scarsa lucidità sotto porta. Dal 80’ Coulibaly 6 – Entra e segna che riduce il passivo e aumenta le speranze in vista del ritorno.

Simon 5 – Parte da esterno, lui che nasce come punta, per cercare di mettere in difficoltà la difesa del Wolfsburg. Ci riesce poche volte anche se gli vengono concesse un paio di conclusioni sporche. Fa quel che può, nonostante gli arrivino pochi palloni. Dal 61’ Matton 5,5 – Entra nel momento peggiore della partita e non riesce a cambiare l’inerzia.

All. Vanhaezebrouck 5,5 – La sua squadra paga l’inesperienza e l’emozione di essere arrivati oltre le proprie aspettative. Gli errori ripetuti in mezzo al campo non possono che non essere derubricati come scotto pagato agli ottavi. Scrollata la paura si vede un’altra squadra.

 

WOLFSBURG

Casteels 6 – Lui che è belga esordisce in questa Champions proprio nel suo paese, sostituendo l’infortunato Benaglio. Poteva fare qualcosa in più sui gol subiti.   

Jung 6 – Un colpo al ginocchio ad inizio partita ed un altro a fine primo tempo, seppur è valso un ottimo salvataggio. Esce per infortunio. Dal 46’ Schurrle 6,5 – Con il suo ingresso in campo Hecking deve anche cambiare qualcosa nel modulo e forse è un bene perché il Wolfsburg dilaga.

Knoche 5,5 – Chiamato a sostituire lo squalificato Naldo soffre l’esuberanza dei subentrati del Gent. E’ lento e impacciato.  

Dante 6,5 – Depoitre è un cliente scomodo, grandi duelli fisici ma il brasiliano riesce a tenerlo a bada facendo valere la sua maggiore esperienza. Si fa anticipare da Coulibaly nel finale.  

Rodriguez 6 – Non deve nemmeno sprecarsi per spingere con le sue proverbiali discese a tutto campo. Si limita a controllare e gestire la sua porzione di campo.

Träsch 6,5 – Hecking viste le tante assenze lo sposta a centrocampo ma dopo l’infortunio di Jung deve ritornare in difesa mostrando duttilità e competenza.  

Luiz Gustavo 6,5 – Il ‘pupillo’ di Mazzarri conferma ancora di avere qualità valide e non solo per l’ex tecnico nerazzurro. Imposta e contrasta con la stessa disinvoltura anche se perde d’intensità nei minuti finali.    

Vieirinha 7 – E’ il più brillante della mediana. Perde pochi palloni, gioca sempre con la testa, manda in porta Draxler per il vantaggio dei lupi.

Arnold 6 – Pasticcia un po’ in mezzo al campo ma sa inserirsi molto bene negli spazi giocando a tutto campo. Si affievolisce nella ripresa gestendo il triplo vantaggio.

Draxler 7,5 – Il sogno di mezz’estate della Juventus gioca una gara impeccabile facendo rinascere qualche rimpianto nei tifosi bianconeri. La giocata che porta al suo primo gol è meravigliosa.   

Kruse 7 – Il bomber di scorta segna il gol della sicurezza che vale come una serie ipoteca sulla qualificazione e colpisce anche un palo. Dal 92’ Putaro s.v.

All. Hecking 6,5 – Nonostante lo spavento finale e le tante assenze il suo Wolfsburg gioca con personalità facendo valere la maggiore qualità tecnica. Deve sostituire per l’ennesimo infortunio anche Jung scegliendo Schurrle e va bene così perché la squadra è più propositiva ma non può concedere due gol nel finale.  

 

Arbitro: Oddvar Moen 5 – Al 16’ è chiamato a decidere per un fallo di mano sospetto in area del Wolfsburg ma lo reputa involontario. Lascia molto correre e questo innervosisce i giocatori che si lamentano da una parte e dell’altra. Non sembra essere proprio all’altezza di un ottavo di Champions seppur molto semplice come partita.   

 

 

TABELLINO

GENT-WOLFSBURG 2-3

Gent (3-4-1-2): Sels; Nelsen, Mitrovic, Asare; Foket, Neto, Kums, Dejaegere, Milicevic (dal 61’ Saief); Depoitre (dal 80’ Coulibaly), Simon (dal 61’ Matton). A disp.: Vendenbussche, Rafinha, Deaux, Gershon. All. Vanhaezebrouck.

Wolfsburg (4-2-3-1): Casteels; Jung, Knoche, Dante, Rodriguez; Träsch, Luiz Gustavo; Vieirinha, Arnold, Draxler; Kruse (dal 92’ Putaro). A disp.: Grün, Klinger-Schäfer, Bruno Henrique, Azzaoui. All. Hecking.

Arbitro: Svein Oddvar Moen (NOR)

Marcatori: 44’,54’ Draxler (W), 60’ Kruse (W), 80’ Kums (G), 89’ Coulibaly (G)

Ammoniti: 47’ Luiz Gustavo (W), 48’ Vieirinha (W), 59’ Kums (G)

Espulsi: -




Commenta con Facebook