• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Spagna > Real Madrid, Benitez e l'esonero: "E' stato un peccato, stavo facendo bene"

Real Madrid, Benitez e l'esonero: "E' stato un peccato, stavo facendo bene"

L'ex tecnico: "Il problema del club? Il Barcellona vince sempre"


Rafa Benitez ©Getty Images

17/02/2016 21:29

REAL MADRID BENITEZ ESONERO BARCELLONA/ MADRID (Spagna) - Intervistato da Gary Lineker per 'BT Sport', Rafael Benitez è tornato a parlare del Real Madrid dopo essere stato esonerato e sostituito in panchina da Zinedine Zidane: "Ero molto orgoglioso di essere l'allenatore del Real Madrid, è stato un peccato perché ci siamo qualificati agli ottavi di Champions League senza perdere una partita e segnando tanti gol - ha dichiarato Benitez - E' difficile spiegare con esattezza cosa sia successo al Real Madrid nelgli ultimi anni. In panchina ci sono stati Camacho, Del Bosque, Pellegrini, Mourinho, Ancelotti. Non è facile essere l'allenatore del Real Madrid, devi fare tutto alla perfezione e se sbagli qualcosa, oppure la società pensa che tu stia sbagliando qualcosa, allora iniziano i problemi. Io stavo facendo anche bene ma c'era nervosismo tra i tifosi e la dirigenza e così hanno deciso di cambiare tecnico. Competere nella Liga non è facile, di fronte hai il Barcellona, una squadra che ha uno stile di calcio, mentre il Real Madrid cambia allenatore ogni anno e deve sempre ricominciare da capo. Questo per me è uno dei motivi per i quali il Barcellona sta vincendo da tanti anni. Se è la proprietà il problema del Real Madrid? In termini di business è stato fatto un gran lavoro, il calcio è anche business, ma il Barcellona continua a vincere sempre più trofei ogni stagione, è quello il problema. Frustrato dall'esonero? Un po' sì, perché avevo la sensazione di non poter controllare la crescita del lavoro sui giocatori". 

S.F.




Commenta con Facebook