• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Scienza e tecnologia > Stati Uniti, incredibile: la Apple si rifiuta di sbloccare l'iPhone di un attentatore terrorista!

Stati Uniti, incredibile: la Apple si rifiuta di sbloccare l'iPhone di un attentatore terrorista!

Gli investigatori cercano di entrare nello smartphone di uno dei responsabili di San Bernardino


Apple (Getty Images)

17/02/2016 19:03

APPLE RIFIUTO SAN BERNARDINO IPHONE SBLOCCARE / ROMA - La Apple si sta opponendo all'ordine della Corte Federale USA di aiutare il Dipartimento di Giustizia a sbloccare un iPhone usato dagli attentatori di San Bernardino. Lo scorso dicembre una coppia di terroristi compì una strage da 14 morti e 22 feriti e gli investigatori stanno cercando di sbloccare l'iPhone di uno dei due per reperire dati estremamente importanti, ma la Apple, nonostante l'ordine dei giudici, ha deciso di non intervenire, dichiarando che sbloccare l'iPhone di un utente (nonostante sia un terrorista pluriomicida) creerebbe un "pericoloso precedente".

Il CEO Tim Cook ha spiegato in una lettera sul suo sito: "L'FBI potrà usare parole differenti per descriverlo, ma non ci sono errori: costruire una versione di iOS (il sistema operativo iPhone, ndr) che bypassi la sicurezza creerebbe indiscutibilmente un intrigo, e se il governo può affermare che il suo impiego sarebbe limitato a questo caso, non c'è alcun modo di garantire tale controllo". La Apple teme che hacker e cybercriminali potrebbero approfittare di questo nuovo software creato ad hoc per sbloccare l'iPhone dell'attentatore per sferrare un attacco di proporzioni mondiali ai suoi dispositivi. E, per ora, l'iPhone che potrebbe contenere i segreti di una strage da 14 uccisioni resta bloccato.

M.T.




Commenta con Facebook