• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Champions league > Roma-Real Madrid, Sacchi: "Solo gli spagnoli possono perdere la qualificazione"

Roma-Real Madrid, Sacchi: "Solo gli spagnoli possono perdere la qualificazione"

L'ex allenatore di Milan e Nazionale, tra le altre, ha parlato della sfida di Champions


Arrigo Sacchi © Getty Images

16/02/2016 10:26

CHAMPIONS LEAGUE ROMA-REAL MADRID SPALLETTI ZIDANE SACCHI / MADRID (Spagna) - Si avvicina sempre di più il match d'andata degli ottavi di Champions League tra Roma e Real Madrid in programma domani sera alle 20.45 allo stadio 'Olimpico'. Ne ha parlato anche Arrigo Sacchi, profondo conoscitore del calcio italiano ed ex direttore tecnico dei castigliani: "Nessuna partita di Champions League è semplice. La Roma ha dei problemi - le sue parole a 'Marca' -, ha cambiato allenatore come il Real Madrid ma ha più difficoltà e la qualificazione può perderla solo il Real. Spalletti sta cercando l'equilibrio. E' vero, ha vinto in campionato, ma con difficoltà. In questo momento non è una vera e propria squadra. Il tecnico è arrivato da poco più di un mese, può incidere ancora poco. Spalletti è un duro, ma anche buono ed è certo che la sua squadra darà l'anima contro gli spagnoli". Una sfida che si ripete quella tra i giallorossi e i 'blancos' dopo otto anni: "Era un'altra Roma e un Real Madrid differente. I giallorossi oggi soffrono con il possesso palla. Ha individualità e velocità in giocatori come Salah, però tutto dipenderà dal Real Madrid. Se giocherà compatto e con connessione tra i reparti, non dovrebbero aver problemi".

Infine, Sacchi ha espresso il suo parere sul nuovo allenatore del Real Madrid, Zinedine Zidane: "Ho stima del giocatore e della persona. E' molto importante, secondo me decisivo, che i giocatori giochino per lui e per la squadra. Se così sarà, il lavoro di Zidane sarà molto semplice. Non dimenticate che la Champions si vince quando la qualità si mette al servizio della squadra".

 

A.L.




Commenta con Facebook