• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Milan > Milan, Confalonieri: "Mister Bee o 'C' è lo stesso, Berlusconi vuole tornare in alto"

Milan, Confalonieri: "Mister Bee o 'C' è lo stesso, Berlusconi vuole tornare in alto"

Il presidente di 'Mediaset' ha parlato in vista dei 30 anni dell'anniversario dell'acquisto della società


Silvio Berlusconi © Getty Images
Martin Sartorio (Twitter: @SartorioMartin)

15/02/2016 13:12

MILAN CONFALONIERI BERLUSCONI MISTER BEE NESTA VAN BASTEN/ MILANO - Lunga intervista concessa al 'Corriere delle Sera' dal presidente di 'Mediaset', Fedele Confalonieri in vista del trentesimo anniversario dell'acquisto del Milan da parte di Silvio Berlusconi: "Non è in politica che si vede il vero Berlusconi - esordisce - Il Berlusconi genuino non è quello che si trucca per la tv e che si muove nel Palazzo dove ci sono regole che mai ha compreso appieno. Il Berlusconi autentico si vede nel privato, nell’impresa. E nel calcio".

CALCIOMERCATO E POLITCA - Si è sempre che il calciomercato sia servito a Berlusconi per fare politica: "Certo il calcio è stato utile alla politica e ha inciso, ma si è rivelato anche un’arma a doppio taglio. Quando vendette Kakà, migliaia di elettori scrissero il nome del giocatore. Ma non è per la politica che Silvio prese il Milan: di questo sono testimone".

SACCHI E VAN BASTEN - " Dopo aver perso con il Parma di Sacchi, appena promosso in serie A, Berlusconi decise a chi avrebbe affidato la squadra del futuro. È che Silvio si picca di essere un grande allenatore e sostiene che se avesse tempo lo dimostrerebbe. Diciamo che ne capisce molto, anche se nel calcio tutto è dimostrabile e tutto è sindacabile. Ma ha fiuto: dopo Sacchi prese Fabio Capello. Il fatto è che Sacchi voleva far vendere Marco Van Basten a Berlusconi. Ero con loro a vedere una partita dell’Olanda in cui il ragazzo non era al massimo. Si vinse tanto con entrambi e poi anche con Carlo Ancelotti e gli schemi erano i suoi..." 

ACQUISTO DI NESTA - "Con Galliani raccontammo a Berlusconi che il Milan aveva preso gol su rimessa laterale, che la difesa andava rinforzata se volevamo vincere ancora. Così aprì il portafogli e prese Nesta dalla Lazio".

FUTURO SOCIETA' - Le news Milan del momento parlano del possibile arrivo di nuovi soci: "Silvio è deciso ad andare avanti. Con mister Bee o con un mister C, lui vuole tornare in alto con il Milan. Le sue arrabbiature, le sue ingerenze stanno a dimostrarlo".

 




Commenta con Facebook