• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Pagelle > LA MOVIOLA DI CM.IT: Mani di Telles da rigore, Matri in fuorigioco sull'assist ad Anderson

LA MOVIOLA DI CM.IT: Mani di Telles da rigore, Matri in fuorigioco sull'assist ad Anderson

Troppe sviste per Mazzoleni in Fiorentina-Inter. Gervasoni non assistito a dovere convalida il 3-0 biancoceleste


Silvio Mazzoleni ©Getty Images
Emiliano Forte

15/02/2016 07:40

MOVIOLA 25A GIORNATA TELLES MATRI / ROMA - Dopo tanto discutere sulla designazione di Rizzoli per la supersfida dello ‘Stadium’ tra Juventus e Napoli, argomento principe nei giorni scorsi delle news Serie A, ecco il forfait per infortunio del fischietto della sezione di Bologna che ha portato alla designazione di Orsato come suo sostituto. Scelta più che mai azzeccata vista l'ottima prova offerta dall'arbitro veneto, da tutti promosso a pieni voti. Non si può dire lo stesso di Mazzoleni, impegnato nell'altra sfida di cartello della 25 giornata, quella del 'Franchi' tra Fiorentina e Inter. Un match dove entrambe le formazioni hanno avuto da recriminare per una serie di decisioni arbitrali poco convincenti: il rigore non concesso ai viola per il mani di Telles e l'espulsione dello stesso difensore interista sono gli episodi più eclatanti dove Mazzoleni è stato tutt'altro che impeccabile. Nell'anticipo di giovedì tra Lazio e Verona, il terzo gol di Felipe Anderson nasce da un offside di Alessandro Matri. Diversi gli episodi da analizzare anche in Sampdoria-Atalanta, con i blucerchiati che chiedono un penalty per un presunto mani in area di Masiello. Ecco tutti i voti di Calciomercato.it ai fischitti impegnati nell'ultimo turno di campionato.

 

LAZIO-VERONA 5-2, arbitro Gervasoni 6 - Sull'1-0 protesta il Verona per il contatto Cataldi-Ionita che Gervasoni fa bene a non considerare falloso. Nella ripresa l'azione che porta al terzo gol biancoleste andava fermata per un offside di Matri, il quale confeziona l'assist vincente per Felipe Anderson. Netto il penalty concesso alla Lazio per il fallo di Gilberto su Lulic.

CARPI-ROMA 1-3, arbitro Tagliavento 5,5 - Nel primo tempo manca un giallo a Cofie per l'intervento su Nainggolan dopo 23 minuti di gioco. Rischia anche Dzeko per un mani alla mezz'ora ma Tagliavento lo perdona. Al 40' Manolas interviene su Mancosu che finisce a terra in area probabilmente con troppa facilità: in un primo momento il direttore di gara sembra voler fischiare il penalty, ma cambia subito idea (forse su indicazione dell'addizionale) e ammonisce per simulazione l'attaccante del Carpi. Giusto non assegnare il calcio di rigore, ma il giallo a Mancosu sembra esagerato visto che un contatto tra i due c'è stato.

EMPOLI-FROSINONE 1-2, arbitro Di Bello 5,5 - Intorno alla mezz'ora, Maccarone imbeccato da Saponara scatta da pozione di offside con Di Bello che, mal supportato dal suo assistente, non interrompe il gioco. Nella ripresa, quando il match diventa più duro e spigoloso, l'arbitro preferisce i cartellini al dialogo con i giocatori per cercare di sedare gli animi. Il raddoppio degli ospiti arriva su calcio di rigore per via del contatto in area tra Mario Rui e Dionisi giustamente sanzionato dal direttore di gara.

CHIEVO-SASSUOLO 1-1, arbitro Ghersini 6 - Match insidioso per il fischietto genovese, visti i numerosi contrasti al limite ed il risultato rimasto in bilico fino alla fine. Dopo 28 minuti l'entrata di Peluso su Rigoni è chiaramente fallosa dunque fa bene Ghersini a concedere il rigore al Chievo.

JUVENTUS-NAPOLI 1-0, arbitro Orsato 7 - Facilitato dalla correttezza dei protagonisti e dall'assenza di episodi dubbi, Orsato ha diretto in maniera impeccabile l'atteso big-match di scena allo 'Stadium'. Bravo nel trovarsi sempre in ottima posizione per valutare le azioni di gioco, ricorre ai cartellini soltanto nella ripresa quando il livello agonistico tende a salire ed i contatti fallosi aumentano.

MILAN-GENOA 2-1, arbitro Calvarese 6 - Proteste rossonere nel corso della ripresa quando Gabriel Silva entra in contatto con Bonaventura in area genoana: l'intervento del giocatore rossoblu è duro ma non falloso, quindi è corretta la valutazione di Calvarese che non concede il rigore.

PALERMO-TORINO 1-3, arbitro Cervellera 6 - Dopo il vantaggio iniziale di Gilardino, gli ospiti agguantano il pari dal dischetto, con Cervellera che sanziona l'intervento di Morganella su Ciro Immobile, steso in area dopo una lunga cavalcata. Il rigore è netto. Non ha lo stesso epilogo un contatto in area granata tra Chochev e Benassi, con l'arbitro che lascia correre. I dubbi rimangono.

UDINESE-BOLOGNA 0-1, arbitro Russo 6,5 - Il confronto di scena al 'Friuli' rimane saldamente sotto il controllo di Russo per tutti 90 minuti grazie anche alla correttezza dei protagonisti in campo. Nessun episodio degno di nota in sede di moviola.

SAMPDORIA-ATALANTA 0-0, arbitro Damato 6 - È il minuto 22 del primo tempo quando Pinilla si vede annullare la rete del possibile vantaggio atalantino: decisione non semplice per l'assistente di Damato visto che il fuorigioco (se c'è) è davvero millimetrico. Rischia grosso Dodo per un gomitata ai danni di Kurtic, con Damato che grazia il blucerchiato. Protestano i padroni di casa per un presunto mani di Masiello in area: il difensore dell'Atalanta allarga il braccio ma sembra colpire il pallone con la spalla quindi è corretta la scelta dell'arbitro di non intervenire.

FIORENTINA-INTER 2-1, arbitro Mazzoleni 4 - Proteste nerazzurre sul gol di Borja Valero per un sospetto fuorigioco, ma sul cross di Ilicic il centrocampista spagnolo è tenuto in gioco da Nagatomo. Corretta quindi la valutazione di Mazzoleni e del suo assistente. Al 63' Telles su cross di Zarate, interviene con un braccio largo, ma per Mazzoleni è tutto regolare: errore vistoso, dato che il mani è netto e andava sanzionato con un penalty per i viola. Tra l'altro Telles, già ammonito in precedenza, ha rischiato seriamente di concludere la sua gara in quel momento. Secondo giallo che arriva ingiustamente a meno di 10 minuti dal 90' per un fallo su Bernardeschi che non c'era: il terzino brasiliano dell'Inter infatti tocca prima il pallone poi l'avversario, particolare che rende inappropriato il provvedimento di Mazzoleni. Corretta invece l'espulsione di Zarate reo di aver afferrato per il collo Murillo dopo un acceso battibecco. Arriva un altro rosso addirittura dopo il triplice fischio questa volta all'indirizzo di Kondogbia per proteste. Serata molto complicata per l'arbitro fino al confuso finale dove ha dato l'impressione di non avere più in mano il match.




Commenta con Facebook