• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Pagelle > PAGELLE E TABELLINO DI FIORENTINA-INTER

PAGELLE E TABELLINO DI FIORENTINA-INTER

Borja Valero e Babacar rimontano il vantaggi nerazzurro firmato da Brozovic. La Fiorentina ci mette il cuore e porta a casa i tre punti.


Borja Valero ©Getty Images
Rocco Crea (@Rocco_Crea)

14/02/2016 22:55

ECCO LE PAGELLE DI FIORENTINA-INTER:

 

FIORENTINA

Tatarusanu 6 – Rimette in gioco il pallone cercando sempre l’appoggio per i difensori, talvolta anche rischiando per via del pressing delle punte nerazzurre. Nulla da fare sul gol di Brozovic.

Roncaglia 5 – Si perde Brozovic per inseguire Icardi assieme a Rodriguez ed Astori. Il centravanti nerazzurro è di certo meritevole di considerazione, ma cosi facendo si dimentica completamente di Brozovic, ed il croato gentilmente ringrazia mettendo dentro il pallone del vantaggio. Si segnala comunque per una buona chiusura su Perisic.

Rodriguez 6,5 – Sempre puntuale e attento nelle chiusure. Il suo senso della posizione annulla persino le intenzioni belliche di Icardi.

Astori 6 – Prova senza sbavature per lui. Difende bene e con diligenza su ogni pallone, senza strafare mai e badando alla concretezza.

Alonso 6 – Mai straripante, ma appena ne ha la possibilità prova ad affondare sulla fascia. Anche perché, specie nel primo tempo, fa tutto Bernardeschi. Buono il suo contributo difensivo.

Borja Valero 7 – Gioca da regista arretrato ed il suo impiego in zona offensiva è quantomeno centellinato. Nel secondo tempo si fa più intraprendente e compie il guizzo decisivo, lanciandosi a colpire di testa il pallone del pareggio suggerito da Ilicic e prolungato da Murillo.

Vecino 5,5 – Piuttosto impreciso quando prova a cambiare gioco ed anche in occasione di appoggi più semplici. Un po’ meglio in fase di copertura. Forse necessita di tirare un po’ il fiato. Dal’87’ T. Costa s.v.

Bernardeschi 6,5 – Quando ha spazio risulta straripante. Conclude in porta dopo pochi minuti ma Handanovic dice di no, poi prova sempre a saltare l’uomo ed a mettere in mezzo ottimi palloni per i compagni, come in occasione del tiro a botta sicura di Ilicic. Cala alla distanza ma, considerando il dispendio di energie, è più che normale.

Ilicic 6 – Come spesso succede è molto altalenante. Ciò lo rende imprendibile quando, palla al piede, punta dritto verso l’area interista. Di contro, risulta anche facilmente marcabile quando si perde nei meandri di sè stesso perché smette di muoversi senza palla. Dall’87’ Babacar 6,5 – Entra e segna il gol della vittoria allo scadere. Non segnava da sette partite, ha scelto quella più pesante per tornare al gol.

Tello 5 – Appare, fra i giocatori viola più offensivi, sicuramente quello meno in palla. Sbaglia molto quando si tratta di appoggiare per i compagni e non punta Alex Telles in modo troppo convinto, nonostante gli incitamenti dalla panchina. Dal 58’ Zarate 6 – Entra bene in partita giocando con più personalità e propiziando il gol decisivo di Babacar. Poi però viene espulso all’ultimo secondo da Mazzoleni, che comunque sull’episodio appare troppo fiscale.

Kalinic 6 – Non una delle migliori prestazioni offerte dall’attaccante viola, che tuttavia si sacrifica pressando i portatori di palla nerazzurri alle prime battute. Prova a suggerire lanci lunghi con i suoi movimenti, ma Handanovic è impeccabile nelle uscite.

All. Sousa 7 – La sua Fiorentina inizia benissimo mettendo all’angolo l’Inter. Il gol di Brozovic però le taglia le gambe. Sousa è comunque bravo a farsi sentire nell’intervallo ed i risultati si vedono subito, con l’inizio ancora aggressivo dei suoi. Cuore e tecnica da parte dei suoi, ma anche cambi azzeccati: Zarate per uno spento Tello e soprattutto Babacar per Ilicic. I protagonisti dell'azione del 2-1 finale.

 

INTER

Handanovic 5,5 – Respinge un tiro a Bernardeschi al 5’, poi viene salvato da Alex Telles sulla conclusione a botta sicura di Ilicic. Attento sul colpo di testa di Vecino, all'ultimo secondo si dimostra non immune da responsabilità sul tiro di Zarate, dal quale scaturisce il tap-in sottomisura di Babacar. I viola, in questo campionato, non gli portano bene.

Nagatomo 5 – Soffre tantissimo Bernardeschi ma viene aiutato da Brozovic col passare dei minuti. Ciò però non basta per consentirgli di dare supporto anche in fase d’avanzata. Rimane sul posto.

Miranda 5 – Soffre negli uno contro uno con Bernardeschi ma anche con Ilicic. Favorisce un contropiede dello stesso sloveno dopo pochi minuti dall’inizio della gara ed appare comunque in difficoltà per tutto il prosieguo della gara.

Murillo 5,5 – Nemmeno lui sulla sufficienza. Meglio di Miranda negli uno contro uno ma poco reattivo a contrastare il tap-in vincente di Babacar.

Alex Telles 5 – Il salvataggio che compie sul tiro a botta sicura di Ilicic, ad Handanovic battuto, vale esattamente come un gol. Poi però rovina tutto con una prestazione decisamente sottotono, in cui non offende mai ed anzi, è costretto a restare rintanato nelle retrovie nonostante un Tello non eccellente. Espulso ma ingiustamente.

Brozovic 6,5 – In marcatura decide di dare una mano a Nagatomo per bloccare le straripanti sortite iniziali di Bernardeschi. Porta in vantaggio l’Inter in in un momento in cui la Fiorentina sembrava potesse portarsi avanti da un momento all’altro, calciando a botta sicura su assist di Palacio.

Medel 5 – Nervoso sin dai primi minuti, non riesce ad arginare a dovere le offensive dei trequartisti viola. Corre molto, come spesso succede, ma stavolta non sempre bene.

Kondogbia 6 – Sbaglia qualche pallone di troppo ma ha coraggio. Si fa vedere spesso per impostare la manovra dei suoi, e quando trova il taglio di Palacio l’Inter passa. Espulso a fine gara per proteste.

Eder 4,5 – I palloni giocabili non sono moltissimi ma quei pochi che arrivano dalle sue parti non vengono resi pericolosi dalle sue giocate, anzi. Ancora fatica e non poco ad entrare negli schemi di Mancini, lui che a Genova costituiva il faro a tutte le azioni d’attacco della Samp. Fuori dal gioco. Dal 70’ Perisic 6 - Il suo ingresso dà maggior equilibrio all'Inter. Peccato però che l'espulsione complichi non poco le strategie finali di Mancini.

Icardi 5 – Mai un pallone giocabile, ma pure da parte sua i movimenti latitano totalmente. Mai un spunto, mai uno scatto. Nemmeno lontano parente del solito Icardi.

Palacio 6,5 – L’inserimento che detta il passaggio a Kondogbia e che porta al vantaggio realizzato da Brozovic è da manuale. Non butta mai via il pallone, ma lo gioca sempre in modo intelligente. Dall’ 84’ D’Ambrosio s.v.

All. Mancini 5 – La sua Inter parte male ma col passare dei minuti si ricompatta e passa anche in vantaggio. Peccato che Eder non rientri ancora a dovere negli schemi tattici della squadra, e che Icardi non tenti nemmeno uno spunto. Avrebbe potuto osare sostituendo anche la punta argentina come in altre occasioni. Il gioco non si vede, ci sono soltanto spunti da parte dei singoli.

Arbitro: Mazzoleni 4 - A volte applica la regola del vantaggio anche quando in realtà sarebbe meglio concedere calci piazzati. L’Inter protesta molto sul gol concesso a Borja Valero per sospetto fuorigioco, ma la decisione di Mazzoleni e dei suoi assistenti appare corretta: lo spagnolo è tenuto in gioco da Nagatomo al momento del traversone di Ilicic. Manca però un rigore alla Fiorentina per un fallo di mano di Alex Telles in area di rigore, ma non è tutto: mostra il secondo giallo allo stesso Telles ingiustamente, perché l’intervento del terzino è sulla palla. Dopo il triplice fischio espelle Kondgobia per proteste, dopo aver comminato, pochi minuti prima, un altro rosso a Zarate. Insomma, serata nera per lui.

 

TABELLINO

FIORENTINA-INTER 2-1

Fiorentina (4-3-2-1): Tatarusanu; Roncaglia, Rodriguez, Astori, Alonso; Bernardeschi,  Borja Valero, Vecino (dall'87' T. Costa); Ilicic (dall'87' Babacar), Tello (dal 58’ Zarate); Kalinic. A disp.: Blaszczykowski, Lezzerini, Sepe, Kone, Tomovic, Pasqual. All. Sousa.

Inter (4-3-3): Handanovic; Nagatomo, Miranda, Murillo, Alex Telles; Medel, Brozovic, Kondogbia; Eder (dal 70’ Perisic), Icardi, Palacio (dall’83’ D’Ambrosio). A disp.: Biabiany, Gnoukouri, Carrizo, Zonta, Jovetic, Santon, Ljajic, Jesus, Berni, Manaj. All. Mancini.

Marcatori: 25’ Brozovic (I), 60’ Borja Valero (F), 91’ Babacar (F)

Arbitro: Paolo Silvio Mazzoleni (Sez. di Bergamo)

Ammoniti: 10’ Medel (I), 10’ Alex Telles (I), 27’ Icardi (I), 47’ Alonso (F), 68’ Brozovic (I), 75’ Kalinic (F)

Espulsi: 82’ Alex Telles (I), 94’ Zarate (F),  f.p. Kondogbia (I)




Commenta con Facebook