• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Pagelle > PAGELLE E TABELLINO DI MILAN-GENOA

PAGELLE E TABELLINO DI MILAN-GENOA

Honda incanta, Bertolacci non convince. Gabriel Silva è disastroso, Cerci prova a riaprirla


Keisuke Honda ©Getty Images
Antonio Russo (Twitter @tonyrusso93)

14/02/2016 14:25

ECCO LE PAGELLE DI MILAN-GENOA

 

MILAN

Donnarumma 6 – Non viene mai impegnato dal Genoa. Gestisce la difesa ottimamente ed è spettatore non pagante del match. Nel finale fa una gran parata, ma poco può sulla ribattuta di Cerci in gol.

De Sciglio 6 – Sfrutta i movimenti ad accentrarsi di Honda per galoppare sulla fascia destra lasciata il più delle volte libera da un disattento Gabriel Silva.

Alex 5,5 – Chiude tutti gli spazi e nei primi minuti risolve una situazione complicata con una bella scivolata. Gioca sempre d’anticipo, ottima la sua gara. Macchia la sua ottima prestazione con una clamorosa dormita nel finale che porta al gol di Cerci.

Romagnoli 6 – Coadiuvato dal compagno di reparto Alex tiene ottimamente Matavz e non gli fa toccare palla. Sbroglia diverse situazioni intricate e non commette sbavature.

Antonelli 6 – Spinge tanto su quella fascia e spesso da’ la sovrapposizione a Bonaventura per andare sul fondo e crossare al centro.

Honda 7,5 – L’arbitro non fa in tempo a fischiare il via, che lui già impegna Perin con uno splendido tiro indirizzato all’incrocio dei pali. Sugli sviluppi del susseguente corner è bravissimo a credere in una palla morta e a metterla al centro per Bacca che mette la firma sul vantaggio milanista. Nella ripresa con un bolide da fuori area realizza il gol del 2-0.

Montolivo 6,5 – Posizionato in cabina di regia, sceglie le inquadrature più adatte al film del Milan. Smista palla con maestria scandendo ottimamente i tempi di gioco dei rossoneri. Nel finale va vicino al gol con un gran tiro da fuori area a volo che si spegne sul palo. Dall’83’ Poli s.v.

Bertolacci 5,5 – A metà campo soffre la verve di Dzemaili, che gli morde le caviglie e gli ruba diversi palloni.  

Bonaventura 6 – A differenza di Honda gioca più largo e sfrutta le sovrapposizioni che gli offre Antonelli per dialogare. Quando può taglia al centro per cercare la via del gol.

Niang 6,5 – Si sacrifica molto e prova ad aggredire i portatori di palla genoani. Purtroppo per lui, arriva sempre in leggero ritardo e il più delle volte finisce per commettere fallo. Cresce nella ripresa e mostra numeri d’alta scuola. Dal 77’ Menez s.v.

Bacca 7 – Si fa trovare subito pronto su un traversone dalla destra di Honda e realizza il gol del vantaggio stoppando e calciando in un fazzoletto. Implacabile sotto porta, senza il mostro Higuain sarebbe in piena corsa per il titolo di capocannoniere alla sua prima stagione in Serie A. Dall’88’ Balotelli s.v.

All. Mihajlovic 6,5 – Il Milan parte subito fortissimo mettendo in difficoltà il Genoa soprattutto sul lato destro dove Honda sfrutta una brutta giornata di Gabriel Silva. I rossoneri gestiscono il match e soffrono a tratti i rossoblù, ma non rischiano quasi mai il gol. Nella ripresa la chiudono grazie ad una gran rete dell’ala giapponese. Malissimo nel recupero, quando una dormita difensiva regala il gol a Cerci e un po’ di paura ai ragazzi di Mihajlovic.

 

GENOA

Perin 6 – Nei primissimi minuti toglie dal sette un gol già fatto di Honda. Non può molto, invece, sulla conclusione ravvicinata di Bacca. Nella ripresa incolpevole sul bolide del giapponese da fuori area.

De Maio 5,5 – Nei primissimi minuti si perde Bacca che realizza la rete del vantaggio rossonero. Non è perfetto e spesso finisce per andare in confusione sulle incursioni dei milanisti.

Burdisso 5,5 – Non riesce a gestire Niang, che spesso gli sfugge alle spalle. Non una gran partita per lui.

Izzo 6 – Di frequente si concede licenze offensive. Smista palla dalle retrovie. In fase difensiva è tra i pochi a salvarsi tra le fila del Genoa. Dal 65’ Lazovic 5,5 – Con il suo ingresso il Genoa comincia a soffrire maledettamente da quel lato, non un grande impatto sul match.

Fiamozzi 5,5 – Su espressa richiesta di Gasperini, spesso si protrae in avanti e mette interessanti traversoni al centro. Si spegne con lo scorrere dei minuti.

Rigoni 5 – Va in difficoltà, Montolivo si piazza sempre sulla sua linea di passaggio e lui è costretto a sbagliare molti lanci. Imperfetto in fase di appoggio.

Dzemaili 6 – Si mostra in ottima forma, mette in difficoltà Bertolacci e prova di frequente l’inserimento. Viene poco assecondato dai compagni. Dal 77’ Ntcham s.v.

Gabriel Silva 4,5 – Si lascia prendere d’infilata da Honda. Sembra lento e impacciato e non ci mette mai la giusta grinta. Su quella fascia è sempre fuori posizione o troppo avanti o troppo indietro.

Suso 5,5 – Inconcludente, non riesce a dare il giusto contributo offensivo ai rossoblù. Spesso finisce per imbambolarsi con la palla tra i piedi e perderla sul pressing rossonero. Dal 45’ Cerci 6 – Viene inserito per dare una svolta alla fase offensiva rossoblù, ma praticamente non tocca mai palla. Nel finale salva la sua prestazione con il gol che riapre incredibilmente il match negli ultimi 120 secondi di gara.

Matavz 5 – Lotta tra i due centrali rossoneri, ma non riesce mai ad avere la meglio. Tocca pochi palloni e sembra ancora essere un corpo estraneo alla squadra.

Laxalt 5 – Da quel lato non riesce ad essere minimamente incisivo. Sbatte spesso su De Sciglio e perde molti palloni.  

All. Gasperini 5,5 – Il suo Genoa soffre maledettamente il Milan soprattutto sull’out di competenza di Gabriel Silva. La difesa rossoblù annaspa parecchio dietro la verve dei forti attaccanti rossoneri. I ragazzi di Gasperini, invece, in fase offensiva si mostrano confusi e finiscono per sbagliare sempre l’ultimo tocco. Nel secondo tempo il grifone si scioglie definitivamente dopo il 2-0 di Honda rischiando anche la goleada, ma poi ha un ultimo colpo di reni con Cerci nel recupero, ma è ormai troppo tardi.

 

Arbitro Calvarese 6 – Lascia molto giocare e gestisce bene il match. Nel primo tempo mancano due ammonizioni, una a Matavz e una a De Sciglio, ma le decisioni sembrano coerenti con il metro di giudizio adottato dall’arbitro. Nella ripresa proteste del Milan per un presunto fallo da rigore da parte di Gabriel Silva, il brasiliano entra in maniera irruenta, ma non sembrano esserci gli estremi per il penalty.

 

TABELLINO

MILAN-GENOA 2-1

Milan (4-4-2): Donnarumma; De Sciglio, Alex, Romagnoli, Antonelli; Honda, Montolivo(dall’83’ Poli), Bertolacci, Bonaventura; Niang(dal 77’ Menez), Bacca(dall’88’ Balotelli). A disp.: Locatelli, Luiz Adriano, Abbiati, Calabria, Zapata, Simic, Boateng, Livieri. All. Mihajlovic.

Genoa (3-4-3): Perin; De Maio, Burdisso, Izzo(dal 65’ Lazovic); Fiamozzi, Rigoni, Dzemaili(dal 77’ Ntcham), Gabriel Sillva; Suso(dal 45’ Cerci), Matavz, Laxalt. A disp.: Donnarumma, Pandev, Lamanna, Marchese, Capel, Tachtsidis, Munoz. All. Mandorlini.

Arbitro: Gianpaolo Calvarese di Teramo

Marcatori: 5’ Bacca (M), 64’ Honda (M), 92’ Cerci (G)

Ammoniti: 67’ Rigoni (G), 92’ Romagnoli (M)

Espulsi: -




Commenta con Facebook