• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Inter > Calciomercato Inter, Mancini e la nostalgia della Premier

Calciomercato Inter, Mancini e la nostalgia della Premier

Il tecnico, al centro di numerose voci, ha più volte rimarcato gli aspetti positivi del calcio inglese nelle ultime settimane


Roberto Mancini ©Getty Images
Lorenzo Polimanti (@oldpoli)

09/02/2016 15:55

CALCIOMERCATO INTER MANCINI PREMIER LEAGUE / MILANO - Un'altra Inter, un altro Roberto Mancini. Il nuovo anno ed il girone di ritorno hanno cambiato le carte in tavola: i nerazzurri sono ora quarti, la difesa non è più così impenetrabile come nei primi mesi ed anche il tecnico jesino pare nervoso, meno sicuro. E le voci di calciomercato che lo vorrebbero lontano da Milano a fine stagione non fanno che aumentare. Destinazione? Occhio alla Nazionale, che molto probabilmente saluterà Antonio Conte, ma soprattutto alla Premier League, che ha stregato il 'Mancio' e continua ad attirarlo. A confermarlo anche le recenti dichiarazioni dell'allenatore, che in più di un'occasione ha rimarcato il suo amore per il campionato inglese sottolineando i tanti aspetti positivi rispetto al nostro calcio.

Come a fine ottobre, nel post-partita di Bologna-Inter, quando ai microfoni di 'Mediaset Premium' si presentò infuriato per l'espulsione di Felipe Melo: "l calcio è un gioco di contatto, è la terza volta che giochiamo in dieci. Non si può continuare ad ammonire così, in Inghilterra non ammoniscono mai. Non stiamo giocando a basket". E poi, dopo la polemica con Maurizio Sarri in seguito alla sfida di Coppa Italia, aveva accusato in diretta alla 'Rai': "È una vergogna, uno che si comporta così in Inghilterra non vedrebbe più il campo".

Ma non finisce qui. Subito dopo il derby di ritorno col Milan, intercettato da 'Striscia la notizia', commentava così il dito medio rivolto da Mancini ai tifosi del Milan: "In Inghilterra non avrei fatto il gesto, perché non avrei subito gli insulti dai tifosi". E poi, infine, dopo il pari di domenica scorsa con il Verona: "Solo qui si squalificano gli allenatori". Quattro indizi che, forse, cominciano a fare una prova.




Commenta con Facebook