• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Il punto di CM.IT > IL PUNTO DI CM.IT - Road to Juventus-Napoli: il San Valentino meno 'romantico' della storia

IL PUNTO DI CM.IT - Road to Juventus-Napoli: il San Valentino meno 'romantico' della storia

Fra infortuni ed entusiasmo, ecco come arrivano le due sfidanti alla partita della stagione


Allegri e Sarri ©Getty Images
Antonio Papa (Twitter: @antoniopapapapa)

08/02/2016 18:37

PUNTO CM.IT JUVENTUS-NAPOLI / ROMA - E così ci siamo. Che dire, la rincorsa è talmente entusiasmante che il tempo è letteralmente volato, in una sfida incrociata a colpi di vittorie che ha annichilito le avversarie, al punto da diventare il centro del mondo da un mesetto a questa parte. Ora che ogni ostacolo è stato asfaltato, ora che non c'è più neanche il refrain "ragionare partita per partita", non si può che pensare alla 'gara dell'anno', quella che occuperà le news Serie A nei prossimi giorni. L'hanno chiamata in ogni modo, da 'Clasico' a 'SuperBowl', l'evento che rovinerà il weekend di San Valentino a metà delle donne italiane. Juventus-Napoli. Non chiamatelo spareggio, siamo troppo lontani dal traguardo perché sia davvero decisiva. Ma è di certo un big match che vede di fronte due grandi squadre, le più forti e anche le più in forma del campionato. Tante luci ma, a guardare bene, anche le zone d'ombra non mancano. Calciomercato.it anticipa la sfida, andando a vedere come arrivano Allegri e Sarri al grande appuntamento, ben consapevoli che in quei 90 minuti tante valutazioni non avranno più senso: conteranno solo i 22 che sono in campo. E i loro allenatori. 

LA JUVE SCHIACCIASASSI: ALLEGRI MA DOLORANTI - Quattordici partite fa, ci avrebbero scommesso in pochi. La Juventus è lassù e se non ha fatto il vuoto è solo perché davanti c'è un Napoli altrettanto impressionante. Quattordici vittorie di fila, un record "da Liga" per Allegri, che ha demolito qualsiasi primato precedente. Niente male anche le otto consecutive in trasferta, altra 'prima volta' da leccarsi i baffi. La Juve 'stende' tutti, non c'è avversaria che tenga (almeno finora...) se non sé stessa. I bianconeri arrivano all'appuntamento un bel po' acciaccati, con le assenze certe di Khedira, Mandzukic, Asamoah e Caceres e i dubbi legati alle condizioni di Chiellini ed Evra. Allegri incassa ma sembra non temere nulla: la rosa è completa, in grande condizione e con un Dybala in più nel motore. Visto il magic moment di Cuadrado e Alex Sandro, con Pogba e Morata ritrovati, lì davanti va davvero tutto a gonfie vele. Basterà?

IL NAPOLI-RECORD: INIZIA IL MESE DI FUOCO - Archiviato (con fatica) anche il Carpi, il Napoli dà ufficialmente il via al febbraio più complicato della sua storia. Doppio Villarreal, il Milan in casa, la Fiorentina al 'Franchi'. E la Juve a Torino, ovviamente.  Per fortuna degli azzurri Sarri arriva lanciatissimo all'appuntamento con la storia, forte del record assoluto di vittorie consecutive (battuto anche Bianchi 87/88) e di un tridente atomico. Higuain 'doppio' capocannoniere (praticamente doppiato Dybala) e lanciatissimo per la Scarpa d'Oro, Insigne miglior assist-man del campionato, e per finire si è sbloccato pure Callejon. Se ci aggiungiamo un Hamsik in Gerrard-style e un Koulibaly letteralmente insuperabile abbiamo una dorsale di platino e acciaio. Ma soprattutto è il gioco ad essere impressionante. E' un parere quasi unanime - strano ma vero - fra i tanti appassionati di calcio: la banda-Sarri gioca il miglior calcio d'Italia e sembra difficile metterli davvero in difficoltà. Resta da capire come gli azzurri affronteranno la sfida dello Stadium, il primo vero scoglio esterno. Finora, infatti, gli scontri diretti sono stati tutti in casa. Motivo in più per essere curiosi, motivo in più per non definire questo match come assolutamente decisivo. Ma sarà senz'altro una gran partita, nello scontro più avvincente degli ultimi anni. Allora prepariamoci e non prendiamo impegni, con buona pace delle ragazze non calciofile. San Valentino arriva anche l'anno prossimo, una partita così... chissà! 

 




Commenta con Facebook