• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Roma > Roma, 'querelle' Zeman-Spalletti: la cronistoria del botta e risposta

Roma, 'querelle' Zeman-Spalletti: la cronistoria del botta e risposta

I due allenatori si sono confrontati sulla gestione di Totti e non solo


zemanspalletti1.jpg
Stefano D'Alessio (Twitter: @SDAlessio)

08/02/2016 10:25

ROMA BOTTA E RISPOSTA ZEMAN-SPALLETTI CRONISTORIA / ROMA - Dal giorno del suo ritorno sulla panchina della Roma, Luciano Spalletti è stato impegnato in un botta e risposta con co-protagonista Zdenek Zeman, ex allenatore giallorosso attuale tecnico del Lugano, sulla gestione di Francesco Totti e, in generale, dello spogliatoio romanista. Calciomercato.it ripercorre le tappe delle ultime news Roma.

Il 14 gennaio scorso, Zeman ha commentato così ai microfoni di 'Sky Sport' il ritorno di Spalletti a Roma: "Spero sia la giusta soluzione. Lasciò però la Roma perché non poteva più lavorare, e oggi ci sono gli stessi problemi".

Undici giorni dopo, il 25 gennaio, Zeman torna a parlare di Roma a 'Premium Sport': "In una settimana è difficile cambiare qualche cosa, anche se bisogna tenere a mente che la Roma è un grande club e bisogna comportarsi in certi modi, così come i giocatori e la società stessa devono fare di tutto per andare a migliorare. Io penso che le potenzialità la Roma le abbia, anche se le ultime partite, a parte quella di ieri (Juventus-Roma, n.d.r.) impostata sul non prendere gol, non hanno dato soddisfazioni: né alla società, né al pubblico, né ai giocatori. Totti? È grande e vaccinato: a me spiace vederlo in panchina. È un giocatore che ha dato tanto e se sta lì significa che si sente in grado di dare ancora qualche cosa: bisogna gestirlo diversamente".

Luciano Spalletti coglie l'occasione della conferenza stampa del 29 gennaio per rispondere a Zeman: "Ha detto che Totti si sta infreddolindo in panchina? La gestione di Totti è un'altra cosa, rabbrividisco al fatto che con Zeman ho parlato due minuti prima che intervenisse e mi ha detto un'altra cosa, dicendomi che nessuno rispetta le regole. Gestione Totti? Io devo gestire la Roma, i risultati, gli avversari. Non voglio commentare quello che dice Zeman, non voglio fare un confronto con lui, quando allenerà la Roma farà vedere che è capace di gestirla bene".

Lo stesso giorno, Zeman a 'sportpaper.it' dichiara: "Spero che Spalletti possa risollevare la Roma. Di solito quando si cambia allenatore si pensa di migliorare. Lui in passato ha fatto bene a Roma e spero che l’esperienza insegni".

Infine, ieri, 7 febbraio, il gesto distensivo firmato Zeman a 'La Domenica Sportiva': "Per me non c'è stato niente, ho sentito qualcosa che magari non ho capito bene, ma io non ho criticato nessuno. Quando ho parlato di Totti l'ho fatto guardando la sua situazione solo ed esclusivamente dal punto di vista umano. E ripeto che sono rimasto male vedendolo seduto in panchina. Le scelte le fanno gli allenatori, io sono affezionato a Francesco, in 20 anni di Roma è stato spesso lui a fare diventare bravi gli allenatori che ha avuto".

E la replica di Spalletti: "Con Zeman non ho nulla, rimane un grande amico, un tecnico che sono andato a studiare anche quando lui non lo sapeva. Ho assoluto rispetto di lui, può dire quello che vuole, io mi sono solo difeso perché altrimenti mi saltavano addosso. Quando Zeman dice la sua fa sempre notizia".

 




Commenta con Facebook