• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Pagelle > PAGELLE E TABELLINO DI TORINO-CHIEVO

PAGELLE E TABELLINO DI TORINO-CHIEVO

Inglese è l'erede di Paloschi. Toro triste, disastro Avelar


Peres e Gobbi © Getty Images
Lorenzo Bettoni @lorebetto

07/02/2016 17:02

ECCO LE PAGELLE DI TORINO-CHIEVO:

 

TORINO

Padelli 6 - Colpito dal fuoco amico, respinge la volee di Inglese nella ripresa e capitola di fronte a Birsa dagli undici metri.

Maksimovic 5,5 - E’ lui il difensore che si stacca per creare superiorità numerica a centrocampo. A volte, però, non è pulito in fase di impostazione.

Glik 5,5 - Inglese lo fa dannare perché lotta su tutti i palloni. Glik infatti si infastidisce nel finale, randellando con due pugnetti sul braccio il centravanti del Chievo.

Moretti 6 - Un po’ meglio dei suoi colleghi in difesa, ma non gioca comunque un match da strapparsi i capelli.

Bruno Peres 5,5 - E’ il primo a bussare alla porta di Seculin, ma poi insacca Padelli.

Benassi 6 - Dinamico e propositivo, è lui a portare il Toro in vantaggio. Con molto sforzo ci prova anche nella ripresa con la palla che stavolta esce di poco. Il migliore del Toro per esclusione. Dal 72’ Vives 5,5 – Anche con lui in campo la manovra del Toro è lenta e prevedibile.

Gazzi 5 – Anche lui, come Obi, non fa passaggi in avanti e quando lo fa sono lanci che sono facile preda di difensori e centrocampisti in giallo.

Obi 5 - Torna dopo una lunga assenza e non ha i novanta minuti nelle gambe. Nonostante questo però tecnica e dinamismo latitano. Stoppa sempre la palla indietro e nella ripresa i suoi tifosi rumoreggiano quando ha la sfera tra i piedi. Bocciato. Dal 56’ Farnerud 5,5 – Il giro palla dei padroni di casa non risente del suo ingresso in campo.

Avelar 4,5 - A Cagliari, lo scorso anno, compensava le mancanze difensive con grandi prestazioni dalla cintola in su. Oggi spinge pochissimo, ma dietro fa comunque acqua, causando il rigore sul Castro.

Immobile 6 - Si muove molto là davanti e offre a Benassi la palla del vantaggio. Ha un’occasione da posizione defilata nella ripresa sulla quale potrebbe faredi più.

Belotti 5,5 – Fa vedere un paio di buone cose in tandem con Immobile, ma alla lunga il suo impatto non è quello dell’ultima gara contro la Samp. Continuità cercasi. Dal 59’ Maxi Lopez 5,5 – Alterna buone cose a errori incomprensibili. A volte anche nell’arco di due secondi.

All. Ventura 4,5 – Il Toro non ha un piano B, lo ripetiamo da tempo. Il giro palla è lento, le azioni offensive prevedibili e se gli esterni o le punte non si inventano qualcosa, segnare diventa dura. L’unica volta che un giocatore granata attacca la porta senza dargli le spalle la palla entra in rete. Ma dal goal di Benassi in poi le azioni del Toro si contano sulle dita di una mano. I fischi dell’Olimpico, stavolta, travolgono anche lui.

 

CHIEVO

Seculin 6 - Neutralizza il destro di Bruno Peres in avvio ma non può niente sul destro a bruciapelo di Benassi che si infila all’incrocio.

Frey 6 - Terzino bloccato, Avelar gli crea comunque pochi problemi.

Dainelli 6 - Ammonito nel primo, gioca 45 minuti nella media ma viene rilevato da Spolli a fine frazione. Dal 46’ Spolli 6,5 - Di testa le prende tutte lui.

Cesar 6,5 - Partita di grande attenzione e concentrazione, anche se gli attaccanti del Toro si trovano sempre spalle alla porta.

Gobbi 6,5 - Sempre impegnato nel seguire i tagli di Bruno Peres, non gli avanza molto tempo per spingersi in avanti.

Pinzi 6 - Perno della mediana di Maran, taglia e cuce in mezzo al campo.

Radovanovic 6 – Spentino nel primo tempo, gioca una ripresa di grande intensità.

Castro 6,5 - Attento. Per gran parte del match non si vede il suo dinamismo, perché gioca una gara di posizione. Appena si stacca guadagna un calcio di rigore.

Birsa 6,5 - Centesima presenza in Serie A. E’ il primo a pressare i portatori di palla  del Toro. Realizza il rigore del 2-1. Esce esausto. Dall’ 80’ Costa s.v.

Inglese 7 - Lotta su tutti i palloni. Tiene su il Chievo e prende diversi falli. Ci prova al 20’ della ripresa ma il suo tentativo al volo è respinto dal piedone di Padelli. Per niente rilassato dalla partenza di Paloschi, dimostra di poterne raccogliere il testimone.

Mpoku 6 – Ci mette un po’ ad entrare in partita, ma quando lo fa dà una mano anche dietro. A volte lascia troppo solo Inglese là davanti. Dal 61’ Floro Flores 6 – Dà fiato alla manovra degli ospiti.

All. Maran 7 - I suoi subiscono l’avvio a testa bassa del Toro, ma con calma si rimettono bene in campo. Il suo 4-3-1-2 diventa ben presto un 4-3-3 e poi un 3-5-2. Grazie a questa vittoria il Chievo è stra-salvo nonostante le ultime tre sconfitte consecutive ed ha trovato in Inglese l’erede di Paloschi.

 

Arbitro: Giancluca Rocchi 6,5 – I giocatori del Toro protestano per dei contatti veniali, palesando tutto il loro nervosismo. Giusta l’unica decisione pesante della gara: il rigore per il Chievo è grosso come una casa.

 

TABELLINO

TORINO-CHIEVO 1-2

TORINO (3-5-2): Padelli; Maksimovic, Glik, Moretti; Bruno Peres, Benassi (dal 72’ Vives), Gazzi, Obi (dal 56’ Farnerud), Avelar; Immobile, Belotti (dal 59’ Maxi Lopez). A disp. Ichazo, Castellazzi, Molinaro, Zappacosta, Jansson, Gaston Silva. All. Ventura

CHIEVO (4-3-3): Seculin; Frey, Dainelli (dal 46’ Spolli), Cesar, Gobbi; Pinzi, Radovanovic, Castro; Birsa (dall’ 80’ Costa), Inglese, Mpoku (dal 61’ Floro Flores). A disp. Bizzarri, Bressan, Sardo, Damian, Pellissier. All. Maran.

Arbitro: Rocchi di Firenze

Marcatori: 18’ Benassi (T), 34’ o.g. Bruno Peres (T), 71’ rig. Birsa (C)

Ammoniti: 11’ Gobbi (C), 24’ Immobile (T), 27’ Dainelli (C), 44’ Benassi (T), 87’ Gazzi (T), 91’ Floro Flores (C)

Espulsi:




Commenta con Facebook