• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Juventus > Juventus, Sacchi: "Se non hai una grande società alle spalle, non vai da nessuna parte"

Juventus, Sacchi: "Se non hai una grande società alle spalle, non vai da nessuna parte"

L'ex ct della Nazionale: "Juve e Napoli sono due squadre equilibrate che attaccano e difendono collettivamente"


Arrigo Sacchi © Getty Images

05/02/2016 08:47

NEWS SERIE A JUVENTUS NAPOLI SACCHI / TORINO - Arrigo Sacchi ha analizzato la sfida Scudetto tra il Napoli del miglior attacco e la Juventus della migliore difesa sulle colonne della 'Gazzetta dello Sport'. "L'importante è l'equilibrio. Ancelotti mi diceva che il Milan nel quale giocava, quello che io allenavo, era grande perché era equilibrato, tutti attaccavano e tutti difendevano. - le sue parole - Perché non prendevamo gol? Forse perché avevamo sempre il pallone noi e perché attaccavamo. L'atteggiamento offensivo era anche un metodo per tenere gli avversari lontano dalla nostra area. Juve e Napoli sono due squadre equilibrate che attaccano e difendono collettivamente".

NAPOLI - "Rispetto al passato subisce meno gol. Riduce al minimo i rischi, i difensori raramente sono esposti agli uno-contro-uno. Non c'è dubbio che sia merito di Sarri, il Napoli non ha difensori del valore di quelli della Juve".

JUVENTUS - "All'inizio della stagione era in vacanza, poi si è svegliata e ora sta dimostrando una forza incredibile. Questa crescita è merito di giocatori, dell'allenatore e anche della società e dei dirigenti, che con calma e fermezza hanno dettato i tempi della rinascita. Se non hai una grande società alle spalle, non vai da nessuna parte. Io, senza un club come il Milan a sostenermi, dove sarei arrivato?".

 

M.D.F.




Commenta con Facebook