• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Roma > Calciomercato Roma, una 'rinascita' necessaria per la corsa Champions

Calciomercato Roma, una 'rinascita' necessaria per la corsa Champions

Spalletti cambia il volto della squadra giallorossa, pronto a dare un senso alla stagione


Luciano Spalletti ©Getty Images
Luca Incoronato (@_n3ssuno_)

02/02/2016 11:31

CALCIOMERCATO ROMA EL SHAARAWY ZUKANOVIC PEROTTI SPALLETTI SASSUOLO CHAMPIONS LEAGUE FIORENTINA MILAN INTER / ROMA - L’attuale stagione ha visto la Roma dare avvio a un nuovo capitolo del proprio progetto americano. L’esonero di Garcia e l’arrivo di Luciano Spalletti non hanno avuto effetti miracolosi sulla squadra ma la scelta dell’ex tecnico giallorosso rappresenta la voglia del club di aggiungere un nuovo importante tassello al progetto, mettendogli a disposizione i fondi necessari, come dimostra l'ormai concluso calciomercato Roma, per disegnare per quanto possibile la rosa a suo piacimento. La Roma, seppur uscita dalla Coppa Italia, ha ancora da preparare un doppio incontro di Champions League, ma soprattutto è in piena corsa per il terzo posto. Attualmente la Fiorentina dista quattro punti, che non rappresentano di certo una montagna insormontabile per i giallorossi, con la maggior parte del girone di ritorno ancora da disputare. Con Napoli e Juventus che danno l’impressione di poter resistere fino al termine della stagione, giocandosi il titolo, e di conseguenza il secondo posto, entrare nell’Europa ‘che conta’ dalla porta di servizio dei preliminari pare dunque l’obiettivo principale stagionale. Mercato terminato e Roma, Fiorentina, Inter e Milan a caccia di un posto Champions. I giallorossi, armati di Perotti, Zukanovic ed El Shaarawy, tenteranno di adeguarsi al meglio al nuovo modulo di Spalletti, in vista di questa lunga corsa.

LA NUOVA ROMA DI SPALLETTI RIPARTE DAL MERCATO, CON ZUKANOVIC, PEROTTI ED EL SHAARAWY

Tra addii e partenze, quello della Roma è stato un calciomercato ben congeniato, in linea con le direttive del nuovo tecnico e con le richieste di alcuni calciatori. L’addio di Cole non può pesare in termini di campo, dato lo scarso utilizzo del difensore inglese, mentre a quelli di Gervinho e Iturbe si è risposto con l’arrivo di El Shaarawy e Perotti. I calciatori però non sono figurine, e scegliere profili con caratteristiche ‘simili’ non offre la certezza che una squadra non risenta dei ‘pezzi’ mancanti. In particolar modo la Roma di Garcia sembrava dipendere dalle accelerazioni di Gervinho, ma l’apporto di El Shaarawy, in gol alla sua prima uscita in giallorosso contro il Frosinone, non è sembrato affatto da meno. Molto si è detto sul ‘Faraone’, e in tanti hanno sollevato dei dubbi. Lo stesso Spalletti, pur parlando di un normale periodo di stop nella sua carriera, ha sottolineato come quella capitolina sia una chance fondamentale per lui al fine di rilanciarsi una volta per tutte. Altro esordio convincente è stato quello di Zukanovic, autore di un salvataggio sulla linea valsogli l’applauso del pubblico e dell'assist per il gol del 2-1. Notizie eccellenti per Spalletti, che attende ora di vedere in campo Perotti, nella speranza di ritrovare il giocatore visto per ampi tratti a Genova e, inserito in una formazione qualitativamente superiore, ancora più decisivo. 

NUOVA ROMA, DAL CAMBIO MODULO DI SPALLETTI ALLA CORSA PER LA CHAMPIONS LEAGUE

Non è mai facile inserirsi in un nuovo spogliatoio, soprattutto a stagione in corso. Si dice che l’arrivo di un tecnico, dopo l’esonero del precedente, dia maggiori responsabilità a una squadra, che si sente in obbligo di dare il massimo, caduto ormai ogni alibi. In una piazza calda come Roma però, forse l’unico a poter occupare al momento quella panchina tanto calda era proprio Spalletti. Andato via dalla città in passato, ma rimasto nel cuore dei tifosi giallorossi. Il tecnico di Certaldo torna con una bacheca di trofei più ricca, con maggior esperienza e consapevolezza. Proprio per questo ha fin da subito tentato di operare dei cambiamenti notevoli in chiave tattica, passando al 3-4-1-2. Analizzandola con calma, dopo il fischio finale, la gara contro il Verona avrebbe potuto portare 3 punti, date le tante occasioni. La sfida in casa della Juventus, terminata per 1-0, ha portato a una sconfitta quasi preventivabile, mostrando però una Roma in grado di tenere il campo contro una delle due squadre più forti del campionato e, a livello d’organico, di certo la prima. Infine i tre punti sono arrivati, contro il Frosinone, seguendo una rapida crescita interna. L’evoluzione della Roma 2.0 non è ancora completata, ma da qui è possibile ripartire, azzerando polemiche e malumori, con un calendario che, prima dello scontro diretto con la Fiorentina, propone sfide contro Sassuolo, Sampdoria, Carpi, Palermo ed Empoli. Sfide che, almeno sulla carta, sono alla portata della Roma, che dovrà però sudare i tre punti. E' da questi cinque match che si potrà capire se il gruppo di Spalletti è in grado di dare un senso all'intera stagione.




Commenta con Facebook