• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Juventus > Juventus, Zeman replica a Mughini: "Farmaci? Discorso fuori dal campo è diverso"

Juventus, Zeman replica a Mughini: "Farmaci? Discorso fuori dal campo è diverso"

Scambio di vedute tra il tecnico boemo e il tifoso bianconero


Zdenek Zeman ©Getty Images

02/02/2016 00:47

JUVENTUS ZEMAN MUGHINI TOTTI ROMA / MILANO - Zdenek Zeman non è mai stato tenero con la Juventus fuori dal rettangolo di gioco. L'allenatore boemo - durante la trasmissione 'Tiki Taka' - ha avuto uno scambio di vedute con il tifoso bianconero Mughini: "Sono nato juventino, poi quando ti trovi da avversario non sei più così amico e cerchi di togliergli qualche punto. Discorso fuori dal campo è diverso e lo sa pure Mughini", ha detto Zeman. "In quel periodo c'era un'eccitazione di farmaci, lo facevano tutte le squadre e succedeva in tutti gli sport", ha replicato Mughini. Poi ancora il tecnico: "Io infatti non ho parlato solo della Juventus. Cerchiamo però di difendere lo sport e non aiutare gli imbroglioni". Infine, la controreplica di Mughini: "La Juve difende sempre il calcio e lo sport, lo fa da 118 anni".

ROMA E TOTTI - Zeman si è poi soffermato sulla Roma e Francesco Totti: "Seguo sempre i giallorossi e Francesco. C'è un'amicizia con Totti, ha dato tanto a me così come agli altri allenatori. E' stato il giocatore più importante che ho avuto. La vicenda Spalletti? Non ho niente da dire, mi ha chiamato e gli ho dato un consiglio. Io con lui ho parlato venerdì, mentre l'intervista l'avevo rilasciata martedì dopo la partita con la Juve: non sono passati due minuti... Su Totti ho solo detto che è da gestire diversamente, visto che ha 39 anni e visto tutti gli infortuni che ha avuto. Pallotta? Capisce poco di Roma, gli preferisco Franco Sensi: non c'è paragone, era un appassionato e seguiva sempre da vicino la squadra".

 

G.M.




Commenta con Facebook