• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Serie A > SPECIALE CM.IT - Non solo Dzeko: i cinque peggiori giocatori acquistati dalla Premier

SPECIALE CM.IT - Non solo Dzeko: i cinque peggiori giocatori acquistati dalla Premier

Sono 180 in totale i calciatori che hanno attraversato la manica per venire calcare i campi della Serie A. Alcuni di loro hanno fatto di tutto, tranne che lasciare il segno


Edin Dzeko ©Getty Images
Lorenzo Bettoni (@lorebetto)

02/02/2016 10:40

CALCIOMERCATO I CINQUE FLOP DALLA PREMIER LEAGUE – 11 milioni, 23 presenze, 5 gol. Ecco i numeri di Edin Dzeko nei suoi primi sei mesi italiani. Uno score deludente, considerate le aspettative che la Roma aveva riposto nel bomber bosniaco che con Luciano Spalletti in panchina, però, spera di ritrovare la verve dei giorni migliori: quelli passati segnano gol a raffica per il Wolfsburg e nel suo primo anno al Manchester City.

Dzeko ha deluso, ma dei 18 giocatori nello scorso calciomercato estivo, sono passati dalla Premier League ad una squadra di Serie A, non si trovano esempi di grande virtù, esclusi Cuadrado (a sprazzi) e Giaccherini, specialmente ultimamente dopo un avvio di stagione complesso.

Tutti gli altri, da Chiriches a Santon, da Ntcham a Tonev, faticano a trovare spazio e quando ne trovano, non convincono mai i rispettivi mister. Vediamo insieme i cinque peggiori degli ultimi anni:

5 . ASHLEY COLE (dal Chelsea alla Roma a fine contratto) – Arriva nella Capitale con la pancia strapiena di successi ottenuti con Arsenal prima e Chelsea poi. Avrebbe dovuto dare quel tocco di esperienza internazionale che alla Roma di Garcia mancava, ma dopo una serie di prestazioni altalenanti, Robben gli dà il colpo di grazia nel match di Champions League in cui il Bayern piega la Roma sia a livello tecnico che mentale 7-1. Da lì in poi Cole non vede quasi più il campo, venendo rimpiazzato da Holebas per il resto della stagione. Gioca 16 partite in un anno  e mezzo. Ora la sua prossima meta, è diventata da qualche giorno, LA Galaxy.

4 . NELSON VIVAS (dall’Arsenal all’Inter per 7 milioni) – Terzino destro argentino, stesso ruolo e stessa nazionalità di un certo Javier Zanetti, non certo uno a cui si poteva rubare facilmente il posto. Mai protagonista in due stagioni di Inter con Hector Cuper in panchina, termina il primo anno con lo choc del 5 maggio ed il secondo con l’eliminazione nella semifinale di Champions ai danni dei cugini milanisti. Sia nel match dell’Olimpico che nei due contro i rossoneri, comunque, non mette nemmeno piede in campo. Colleziona 21 presenze e 4 gialli in 24 mesi di Inter, prima di passare al River nell’estate del 2003, tre anni prima del suo ritiro.

3 . ROBBIE KEANE (dal Coventry City all’Inter per 19,5 milioni) – 12 gol in 31 presenze nella precedente stagione di Premier, convincono Massimo Moratti ad investire quasi 20 milioni di euro su di lui nell’estate del 2000. Il parco attaccanti dell’Inter, al tempo, era popolato da ogni genere di punta, nemmeno una con un rendimento sostante. Si andava da Hakan Sukur a Bobo Vieri, da Alvaro Recoba a Ronaldo, da Zamorano a un certo Corrado Colombo. In questo contesto, Keane si inserisce come peggio non può. Segna appena tre gol in quattordici presenze e lascia l’Inter a gennaio approdando al Leeds per una cifra comunque vicina all’investimento iniziale (18 milioni).

2 . MICHU (dallo Swanea al Napoli per 1,25 milioni – in prestito) – Nel 2012-2013 segna 18 gol in 35 partite di Premier con lo Swansea. L’anno successivo viene messo ko da due infortuni al ginocchio ed alla caviglia, che lo costringono a saltare gran parte della stagione, sempre con il club inglese. Nell’estate del 2015 Benitez lo chiama al San Paolo per tentarne il rilancio, ma di lui si perdono le tracce nel momento stesso in cui arriva a Napoli. Gioca 6 partite in un anno, ritorna allo Swansea alla fine della scorsa stagione per poi approdare in Spagna, al Langreo, squadra di Serie D spagnola. Fuoco di paglia.

1.  SAVIO NSEREKO (dal West Ham alla Fiorentina, 3 milioni + Manuel da Costa)  - E questo chi se lo ricorda? Ecco la prima reazione che potreste avere nel leggere il nome dell’attaccante tedesco classe ’89 che nell’estate del 2009 arriva al Franchi dal West Ham nell’operazione che spedisce da Costa nella direzione opposta.  Nsereko segna 6 gol, non alla Fiorentina, ma in tutta la sua carriera. Al Franchi, con Prandelli, non mette piede in campo nemmeno per trenta secondi iniziando da gennaio in poi una girandola di prestiti che negli anni successivi lo vedranno giocare con le maglie di Bologna, Monaco 1860, Chernomorets Burgas, Juve Stabia e Vaslui. Nel 2012 scade il suo contratto con la Viola iniziando un pellegrinaggio tra le serie inferiori tedesche e bulgare e la Serie A kazaka. Tra i momenti top della sua carriera figurano un finto rapimento inscenato in Thailandia per intascare i soldi del riscatto e tre settimane di fuga a Londra durante la sua esperienza a Castellammare di Stabia.




Commenta con Facebook