• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Pagelle > PAGELLE E TABELLINO DI ROMA-FROSINONE

PAGELLE E TABELLINO DI ROMA-FROSINONE

Nainggolan è il più costante, Dzeko delude ancora. D.Ciofani è instancabile


Roma-Frosinone © Getty Images
Lorenzo Bettoni (@lorebetto)

30/01/2016 22:55

ECCO LE PAGELLE DI ROMA-FROSINONE

 

ROMA

Szczesny 6 – Il gol di Ciofani è a tu per tu, lui però potrebbe affrontarlo anche senza le gambe spalancate.

Manolas 6 – Il Frosinone gioca un match più propositivo del solito e lui si disimpegna bene quando è chiamato in causa. Ammonito, salterà la sfida con il Sassuolo.

De Rossi 5,5 - Non è difensore centrale e si vede in occasione del pari di Ciofani. Aspetta il centravanti giallo troppo basso, facendo diventare impossibile sia per lui che per Zukanovic raggiungerlo. Più pulito nella ripresa.

Zukanovic 6,5 - Arrivato da una manciata di ore, salva il risultato nel primo tempo anticipando Blanchard sulla linea di porta con Szczesny fuori causa e nella ripresa sale coi tempi giusti crossando la palla del vantaggio. E’ in ritardo sul gol di Ciofani, ma le responsabilità maggiori sono di De Rossi. Nella ripresa confeziona il cross per la rete di El Shaarawy. Dal 73’ Maicon 6 – Ordinaria amministrazione sull’out di destra. Con lui la Roma torna a quattro dietro.

Rudiger 6,5 - Al minuto zero la sua posizione di esterno a destra fa storcere il naso ai più. Nonostante questo la prova è più buona, a livello fisico più che tecnico.

Nainggolan 7 - Tiene su una Roma timida nei primi 45 minuti, non solo con il gol. Corre, si fa trovare a dare una mano ai centrocampisti e poi a ridosso delle punte. I ritmi non calano nella ripresa quando per fortuna gli danno una mano anche i suoi compagni.

Keita 5 - Soffre il pressing del Frosinone per tutta la gara, faticando sia ad impostare che a sradicare palloni agli avversari.

Pjanic 6 - Aumenta i giri col passare dei minuti, dopo un primo tempo a dir poco sottotono. Segna la rete della sicurezza con un tocco da biliardo.

El Shaarawy 6,5 - Parte con degli spunti discreti, strada facendo Rosi gli prende le misure, ma ad inizio ripresa mette dentro il primo pallone che tocca con il tacco. Gol splendido, ma ci sono ancora diverse zone d’ombra dovute anche ad un ruolo adattato per la situazione di emergenza.

Salah 5 – Aiuto. Il Salah del pre-Lulic non c’è più. Prova quasi tutte le posizioni d’attacco, dall’esterno al trequartista alla seconda punta, ma non trova mai la sua posizione sul terreno di gioco. Calcia solo una volta in porta e ci arriva a mala pena. Dall’ 82’ Vainqueur s.v.

Dzeko 5,5 – L’unico gol su azione rimane quello segnato alla Juve lo scorso 30 agosto. Stasera si rende pericoloso una sola volta con una bella girata che Leali devia in corner, poi fa vedere poco, sia palla al piede che sui contrasti aerei. Dal 59’ Totti 6,5 – Trascinatore della squadra e di tutto il pubblico romanista. Manda in tilt la difesa gialla giocando da falso nueve ed arma il destro di Pjanic che fa 3-1. Leader.

All. Spalletti 6,5 - La difesa a tre lascia perplessi. Buona però l’intuizione di Rudiger esterno nel centrocampo a cinque. La Roma, paradossalmente, è un cantiere ancor più aperto che ai tempi di Garcia. Fatica a creare gioco e davanti ha fatto vedere il meglio con Totti in campo. Altro paradosso: dopo essere stati ad aspettare un centravanti vero per oltre un anno, basta mezz’ora di capitano per ripensare al falso nueve come opzione più funzionale all’attacco romanista.  

 

FROSINONE

Leali 6,5 -  Sembra dormire un po’ sul vantaggio di Nainggolan. Poi però sfodera parate decisive sempre sul belga, poi su Dzeko ed ancora un paio di buoni interventi nella ripresa.

Rosi 5,5 - Parte bene sul faraone, ma col tempo gli prende le misure. Potrebbe spingere di più perché l’ex Monaco non rientra spesso, ma Rosi non ne approfitta. Dall’ 89 M.Ciofani s.v.

Blanchard 6,5 - Rischia in avvio trattenendo Dzeko sugli sviluppi di un corner. Gioca una partita attenta e molto fisica, comunque. Raramente beccato fuori posizione, mostra i soliti limiti in fase di impostazione.

Ajeti 5,5 - Molto falloso e spesso anche farraginoso. Ammonito nel primo. Viene anticipato dal tacco di El Shaarawy nella ripresa.

Pavlovic 6,5 -  tra i migliori del Frosinone. Fa le due fasi con personalità e qualità. Rudiger da quella parte corre tanto e bene, ma di fatto non crossa mai. In crescendo.

Chibsah 6,5 - Il pari di Ciofani nasce da un suo strappo a centrocampo. Pressa per quattro infatti alla lunga perde lucidità. Dal 76’ Gucher 5,5 – Dovrebbe dare continuità alla corsa del Frosinone, invece lo rallenta un po’.

Sammarco 6 - Pochi inserimenti, ma una presenza fissa nella mediana frusinate.

Frara 6 - Il capitano gioca con discreta personalità e buon dinamismo. Sbaglia pochi palloni. Dal 76’ Paganini 6 – Vivace, ma crossa poco.

Soddimo 5,5 – Fa vedere cose discrete nei primi 45 minuti, ma si spegne un po’ nella ripresa.

D. Ciofani 7 – Nettamente il migliore in campo nella banda di Stellone. Non solo per lo splendido gol in palleggio, ma anche per il pressing asfissiante sui tre più arretrati della Roma. Grande forza fisica, la sua rete è la quinta in campionato (due più di Dzeko), la prima lontana dal Matusa.

Dionisi 5 - Va bene, quella fascia è la più complessa sulla quale giocare questa sera. Lì presidiano Manolas e Rudiger, che tengono gli occhi fissi su ogni suo movimento. Personalità e qualità però non sono da Serie A e infatti Dionisi fatica per tutta la partita.

All. Stellone 6 – Finalmente si decide ad andare a prendere gli avversari più in alto. Gioca un primo tempo alla pari con la Roma, poi il fisico comincia a presentare il conto. Nonostante la sconfitta però si vede qualche progresso. Forse però è già troppo tardi.

Arbitro: Marco Guida 5,5 - Manca un rigore al Frosinone nella ripresa. Sulla conclusione di Sammarco Dzeko allarga il braccio colpendo il pallone. Dubbi anche su un contatto Blanchard-Dzeko, stavolta in area dei ciociari: Il rigore poteva starci anche qui.

 

TABELLINO

ROMA-FROSINONE 3-1

Roma (3-5-2): Szczesny; Manolas, De Rossi, Zukanovic (dal 73’ Maicon); Rudiger; Nainggolan, Keita,  Pjanic, El Shaarawy; Salah (dall’82’ Vainqueur), Dzeko (dal 59’ Totti). A disp. De Sanctis, Lobont, Emerson, Castan, Uçan, Gyomber, Sadiq. All. Spalletti

FROSINONE (4-3-3): Leali; Rosi (dall’ 89’ M.Ciofani), Blanchard, Ajeti, Pavlovic; Chibsah (dal 76’ Gucher), Sammarco, Frara (dal 76’ Paganini); Soddimo, D. Ciofani, Dionisi. A disp. Bardi, Zappino, Diakité, Russo, Bertoncini. All. Stellone.

Arbitro: Guida di Torre Annunziata

Marcatori: 18’ Nainggolan (R), 24’ D.Ciofani (F), 48’ El Shaarawy (R), 83’ Pjanic (R)

Ammoniti: 14’ Ajeti (F), 40’ Manolas (R), 63’ Dionisi (F)

Espulsi:




Commenta con Facebook