• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Inter > Milan-Inter, Cambiasso: "I rossoneri si giocano di più. Allenare i nerazzurri..."

Milan-Inter, Cambiasso: "I rossoneri si giocano di più. Allenare i nerazzurri..."

Il centrocampista argentino ha parlato della stracittadina di domenica


Esteban Cambiasso ©Getty Images

29/01/2016 07:35

MILAN-INTER INTERVISTA A ESTEBAN CAMBIASSO SU LA GAZZETTA DELLO SPORT / MILANO - L'edizione odierna de 'La Gazzetta dello Sport' propone una lunga intervista all'ex centrocampista dell'Inter - ora all'Olympiacos - Esteban Cambiasso, di cui Calciomercato.it vi riporta i passaggi salienti sulle ultime news Inter in vista del derby di domenica contro il Milan.

OLYMPIACOS - "La voglia di giocare c’è sempre, ma ho accettato l’idea di non giocare un Mondiale quando ero al top della carriera: posso accettare un po’ di panchina. La vera insoddisfazione è se perdo: per questo non mi annoio anche se ne abbiamo vinte 18 su 19 e l’unico rimpianto è essere usciti così dalla Champions League".

IL DERBY - "Ad Atene per i tifosi è una specie di malattia, a Milano è solo una tappa speciale in un campionato senza un dominatore. Sinisa è un guerriero: lottare gli piace, sotto pressione dà il massimo. Roberto al di là degli ultimi risultati è saldo ed è comunque al 3° posto, l’obiettivo dichiarato della società. Bisogna vedere con che stato d’animo le due squadre escono dalle loro gare di Coppa Italia. L'incertezza societaria ha creato disagi al Milan. L’Inter ha avuto più consistenza, più equilibrio e un allenatore mai messo in discussione. Oggi Inter e Milan in classifica hanno i punti che meritano. Il Milan si gioca di più domenica. Un pareggio scontenterà tutti".

CALCIOMERCATO INTER - "A Moratti chiedevano 2-3 giocatori di prima fascia per ogni ruolo e lui li comprava, oggi si guarda molto di più al bilancio".

FUTURO - "Allenare è nella mia testa, ma ricominciare una storia con l’Inter non è né una speranza, né una possibilità: solo una cosa che può capitare, e magari capitasse. Ma se vuoi fare l’allenatore, solo una cosa sai con certezza: che non sai dove lo farai".

S.D.




Commenta con Facebook